Crea sito

Angeli-Alieni-Dei-25 similitudini-1parte

Angeli-Alieni-Dei-25 similitudini-1parte

Angeli, Alieni, Dei, 25 similitudini – 1parte

L’esistenza degli Ufo nella nostra epoca è ormai del tutto accettata.
Ma ci sono ancora persone che ne rinnegano l’esistenza, sopratutto i religiosi cristiani che: o dicono che non esistono, o li considerano addirittura”entità demoniache”(…questo, secondo me, perchè non capiscono cosa siano)!
Queste affermazioni però sono alquanto imbarazzanti, poichè questi stessi cristiani credono fermamente all’esistenza degli Angeli!
Il Vaticano e il papa stesso hanno affermato tempo fa che gli Alieni esistono e che non sono “Entità Demoniache”, anzi sarebbero disposti anche a “Battezzarli, se loro lo chiedessero“! (Quindi, amici cristiani, mettetevi daccordo!)
… e per Coloro che affermano e assicurano che l’uomo antico ha creato queste storie per cercare di spiegare cose che non capivano, mi possono spiegare come mai queste storie stanno accadendo anche nei nostri tempi moderni?

Angeli-Alieni-Dei-25 similitudini-1parteMa torniamo a noi! …

La lista che segue tratterà le varie similitudini tra “Angeli“, “Alieni” e “Divinità Mitologiche“; giusto per farvi capire che i vostri amati “Angeli” altro non sono che Esseri venuti da chissà dove, e che tutte le popolazioni del mondo antico e moderno raccontano le stesse storie.

1 – PROVENGONO DA ALTRI MONDI E DA ALTRE DIMENSIONI

Sebbene questo sia il più ovvio, è il primo elemento della lista.
La cosa interessante è che non importa il posto del mondo, o il periodo storico che tu analizzi, questi esseri sembrano interaggire sempre allo stesso modo con l’umanità, e la loro origine è sempre legata al “cielo“.
– Alieni: provengono “da un’ altro Pianeta” o “da un’altra Dimensione“.
– Gli Dei Mitologici: provengono “da altri Pianeti” o “da altre Dimensioni” a seconda la cultura.
– Angeli: Matteo 18:10 perché vi dico che gli angeli loro, nei cieli, vedono continuamente la faccia del Padre mio che è nei cieli.

Come già detto, questi Esseri “Extra” provengono anche da altre Dimensioni, e questa coincidenza li rende ancora più interessanti.

Nella mitologia, le diverse divinità abitano in svariate forme di Paradiso e Inferno che non possono essere raggiunti da vivi; vedi i campi Elisi Greci, o il Valhalla nella mitologia norrena.

Ma il paradiso per eccellenza credo sia il “Paradiso” dei Cristiani, quella “dimensione” dove risiedono gli Angeli, Dio i Santi ecc.. e tutti quelli che faranno i “Buoni da vivi“! (Strano però che di questo “Paradiso” il Vecchio Testamento non ne menzioni mai!)

2 VIAGGIANO NELL’UNIVERSO

La maggior parte delle persone che credono negli Extraterrestri, crede che essi viaggiano attraverso l’universo con le loro Astronavi, e che p

rovengano ognuno da Pianeti differenti. Ugualmente, molte leggende mitologiche raccontano che i loro Dei sarebbero venuti sulla terra da altri Pianeti.

Sebbene nelle Sacre Scritture non sia mai menzionato che gli Angeli o Dio viaggino specificatamente “per l’Universo“, racconta più volte che essi si spostano da una parte all’altra con determinati “veicoli” (Carri-Cherubbini ecc..) e tutto sembra indicare che lo fanno da una Dimensione all’altra, poichè le Navi diventano visibi e invisibili.

Numeri 14:10 … ma la gloria (Kavod) del SIGNORE apparve sulla tenda di convegno a tutti i figli d’Israele, … 

3 HANNO NAVI VOLANTI

Molte persone pensano che le “Navi Volanti” siano un’esclusiva dei tempi moderni, ma non è così! Ogni cultura ha segnalato l’esistenza di esseri provenienti dal cielo su “Mezzi Volanti“.

Gli Alieni, come tutti sanno, si spostano su ciò che chiamiamo Ufo;
gli Dei Mitologici usavano le “Macchine Volanti“; …come dimenticare i famosi Vimana, gli oggetti volanti, descritti in numerosi testi religiosi indiani!
ANTICHI UFO - CARRI DEGLI DEAnche gli Angeli hanno macchine volanti, che la Bibbia chiama “Carri” o “Cherubini”.

2 Samuele 22:11 Salmi 18:11 Cavalcò un cherubino e volò; si librò sulle ali del vento.
Inoltre ricordiamo Il Carro di Ezechiele (Ez 1-3), quello di Elia (2 Re2:11), o la Gloria che vide passare Mosè sul monte Sinai (Esodo 33,18-23), ecc…

(per la precisione, per capire meglio di cosa parla una qualsiasi storia della Bibbia, ogni volta che trovate le parole “Spirito” o “Gloria” dovete sostituirle con quelle originali, ossia “Kavod” e “Ruach“, che significano “Oggetto pesante” e “oggetto che si sposta nell’aria” (Per approfondire Leggi Qui))

4 POSSONO APPARIRE E SCOMPARIRE

Gli addotti riferiscono di essere soli nella stanza, e che, improvvisamente sentono una presenza con loro; a volte vedono questi esseri, altre volte li percepiscono, ma su una cosa sono sicuri, “non hanno idea di come siano arrivati“.

Gli Dei di varie mitologia come sappiamo appaiono e scompaiono a loro piacimento, vedi Zeus quando fa visita alle sue “donne“.

Immagine correlataNella Bibbia, Dio (Yahweh) e gli Angeli appaiono spesso senza preavviso:
… e il Signore apparve” ad Abramo…Mosè…Giacobbe … ecc… (Genesi 12:7/17:1/26:2 ecc..)

Esodo 3:2 L’angelo del Signore gli apparve in una fiamma di fuoco in mezzo a un roveto.
Giudici 6:12 L’angelo del Signore gli apparve e gli disse: “Il Signore è con te, uomo forte e valoroso!”.
Luca 1:11 Allora gli apparve un angelo del Signore, ritto alla destra dell’altare dell’incenso.


5 POSSONO ESSERE CONTATTATI TRAMITE CHANNELING

La parola “canalizzazione” qui usata, si riferisce al contatto degli extraterrestri attraverso le tavole Ouija o le pratiche spiritiche.
Coloro che hanno familiarità con la stregoneria e altre pratiche occulte, sanno di certo usare le tavole Ouija, fare una seduta spiritica, una meditazione o una divinazione per entrare appunto in contatto con gli alieni.
Molti contattati riferiscono di aver “canalizzato” con gli alieni prima di avere avuto un contatto vero e proprio con loro.
Infatti è ampiamente documentato il caso del mago britannico e occultista Aleister Crowley che sostenne di essersi messo in contatto con degli esseri denominati “Angeli Enochiani“, che secondo alcuni ufologi mostrano somiglianze con i Grigi. In particolare, questo noto spiritualista, chiamò uno di loro “Lam“, che da li in poi fu la sua guida.

Uno di questi eventi è registrato nella Bibbia, con Saul e la strega di Endor:
1 Samuele 28:7 Allora Saul disse ai suoi servitori: «Cercatemi una donna che sappia evocare gli spiriti e io andrò da lei a consultarla». I servitori gli dissero: «A En-Dor c’è una donna che evoca gli spiriti». 8 Allora Saul si camuffò, si mise altri abiti, e partì accompagnato da due uomini. Giunsero di notte dalla donna e Saul le disse: «Dimmi l’avvenire, ti prego, mediante l’evocazione di uno spirito, e fammi salire colui che ti dirò».

6 POSSEGGONO GLI ESSERI UMANI

Forse la cosa più strana e inquietante su Alieni, Angeli e Dei, è la loro capacità di “possedere un corpo ospitante contro la loro volontà“.
Gli Alieni che si dedicano a questo possesso vengono chiamati “Walk-in” (concetto coniato dal movimento New Age, basato su spiriti che si impossessano di un corpo, temporaneamente o indefinitamente)
Vedi studi condotti da Corrado Malanga (film 6 giorni sulla terra) o Aleister Crowley.

… e anche nella bibbia troviamo riferimenti al “richiamo” di uno spirito …
1 Samuele 28: 8 Saul … Arrivò da quella donna di notte. Disse: “Pratica la divinazione per me con uno spirito. Evocami colui che io ti dirò”. … 11 Essa disse: “Chi devo evocarti?”. Rispose: “Evocami Samuele”. … La donna disse a Saul: “Vedo un essere divino che sale dalla terra”. … 15 Allora Samuele disse a Saul: “Perché mi hai disturbato e costretto a salire?”.

…. e alla “possessione” …
Marco 1:23 Allora un uomo che era nella sinagoga, posseduto da uno spirito immondo, si mise a gridare: 24″Che c’entri con noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci! Io so chi tu sei: il santo di Dio”. 25 E Gesù lo sgridò: “Taci! Esci da quell’uomo”. 26 E lo spirito immondo, straziandolo e gridando forte, uscì da lui. …. 32 Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. … 34 Guarì molti che erano afflitti da varie malattie e scacciò molti demòni; …

7 POSSEGGONO LE DONNE

Le segnalazioni di sequestro di donne da parte di “esseri provenienti dal cielo” non sono un’invenzione prettamente di credenti di Ufo. Nella Mitologia greca, gi Dei scendevano dal cielo spessissime volte, per rapire donne, avere rapporti con loro e generare figli.

Allo stesso modo ancche gli Angeli hanno fatto la stessa cosa:
Genesi 6; 1-4 … i figli di Dio videro che le figlie degli uomini erano belle e ne presero per mogli quante ne vollero. … quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli …

… e lo fece anche Dio (Yahweh)
Ezechiele 23: 1 Mi fu rivolta questa parola del Signore: 2… vi erano due donne … 4 Esse si chiamano Oolà la maggiore e Oolibà la più piccola, sua sorella. L’una e l’altra divennero mie e partorirono figli e figlie. …

8 PRODUCONO UNA PROGENIE IBRIDA

La “Progenie Ibrida” più famosa di tutti i tempi sono sicuramente gli Eroi o Semidei Greci. Li vediamo sempre nei film e negli spettacoli televisivi. Ercole, Hermes o Perseo sono alcuni dei figli che gli Dei hanno avuto con donne umane.

Tuttavia, non sono gli unici a possedere una “progenie ibrida“.
In Gensi 6:1/4 leggiamo che un gruppo di Angeli copulava con donne umane e che poi davano alla luce i loro figli.
4 C’erano sulla terra i giganti a quei tempi – e anche dopo – quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell’antichità, uomini famosi.
Questi bambini sono chiamati “Nephilim” o “Giganti“, e sono “Uomini di Fama“, vale a dire che sono cresciuti fino a diventare “Eroi Leggendari“.

Nel frattempo anche i nostri alieni moderni rapiscono donne, le quali affermano di aver dato alla luce bambini ibridi sulle loro Navi.
Ma il fatto più inquietante su questi rapimenti alieni, è che molte di queste donne denunciano di essere state violentate, fecondate e rapite una seconda volta per poter estrarre il feto.


==>> VAI ALLA SECONDA PARTE <<==


 

 

TRADUZIONE LETTERALE DELLA BIBBIA

TRADUZIONE LETTERALE DELLA BIBBIA FATTA DA MAURO BIGLINO

Da uno studio ad opera del Prof. Mauro Biglino che consiste nella “traduzione letterale” del Codice di Leningrado emergono ipotesi che stanno facendo riflettere.

Mauro Biglino approfondisce il suo precedente studio (“Il Libro che Cambiera’ per Sempre le Nostre Idee sulla Bibbia”) sull’interpretazione dell’Antico Testamento secondo la lettera Ebraica.
In questa nuova opera si analizza la consistenza reale delle basi ideologiche che, a partire dalla Bibbia, hanno generato l’immensa cornice etica, spirituale/religiosa, e sociale propria delle grandi religioni monoteistiche del mondo. 

A partire dai possibili significati del termine Elohim, tradotto come Dio (unico) ma in realta’ dalla radice Ebraica foriera di molteplici significati.

Se gli Elohim, i “Signori”, erano una pluralita’ di individui in carne e ossa, venuti sulla Terra per determinati scopi, da dove provenivano? 
E’ la domanda che l’autore si pone nel Capitolo 4, aggiungendo alle varie ipotesi piu’ o meno condivise da altri studiosi, quella Greca della traduzione “Giganti” [Nephilim] come figli del rapporto tra Elohim e Donne Adamitiche (Umane, Terrestri).
Biglino propone l’ipotesi dell’assonanza tra la parola Giganti e Orione, costellazione rappresentata come un gigante proprio dai Greci. Una semplice casualita’ o una conoscenza precisa andata perduta? 
Si passa poi ai temi principali del libro, e cioe’
– la creazione dell’uomo gia’ analizzata nel precedente volume, ma che qui affronta la tematica della creazione del primo uomo ad opera degli Elohim, e della successiva creazione da parte di Yahweh.
Interessante la traduzione e successiva interpretazione dei due termini Teema e Tiit dei racconti Sumeri (Epopea Gilgamesh), che nella Bibbia vengono tradotti come Tselem e Afar. Due traduzioni diverse di unici concetti, e cioe’ dell’operazione di mescolamento della sostanza vitale degli Anunnaki/Elohim con quella originaria dell’Adam (Ricordiamo che in tutti i testi Biblici e non, l’Adam/Uomo viene “creato” a partire da una creatura che gia’ esisteva sulla Terra). Si tratterebbe quindi di una vera e propria operazione di eugenetica da parte dei “Signori dell’Alto” nei confronti della creatura terrestre selezionata. Il parallelismo dei due testi (Sumero e Biblico) porta l’autore a sospettare una certa influenza del primo sul secondo, e di conseguenza la veridicita’ storica dell’Antico Testamento se letto come un vero e proprio resoconto cronologico di testimoni. 

– Il secondo importante argomento e’ quello del Monoteismo.
Nel Capitolo 6 l’Autore smonta ogni possibilita’ dell’esistenza del concetto del “Dio Unico e Onnipotente” nella Bibbia, attraverso due semplici criteri:

traduzione letterale del testo e logica.

Ci appare cosi’ il racconto di una molteplicita’ di esseri dotati di conoscenze e tecnologie avanzate, che discendono sulla Terra e si spartiscono il territorio controllando ogni settore personalmente, e poi in seguito assegnandolo a un loro rappresentante Adamitico.

La stessa cosa sarebbe successa con Yahweh, uno tra gli Elohim, che avrebbe ricevuto (o deciso di controllare) un territorio, e a sua volta avrebbe scelto un suo “esercito” (Tribu’ riunite sotto Mose’) per abitarlo e governarlo. Di qui il “patto” tra Yahweh e Mose’, un patto che si sarebbe dovuto rinnovare di generazione in generazione, o che si sarebbe potuto sciogliere (opzione non consigliabile vista la sorte che toccava ai “ribelli”). 

Interpretare l’Antico Testamento secondo l’antica lettera Ebraica (che, va detto, possiede la caratteristica del molteplice significato della parola) riduce di fatto la Bibbia a un testo che racconta la Genesi della Terra e poi il percorso delle tribu’ di Israele verso la conquista di un territorio particolarmente ambito dal loro Capo, Yahweh.
Non si tratterebbe dunque del Testo Sacro dell’umanita’ che riproduce la Parola di Dio inteso come entita’ spirituale, onnipresente e onniscente, che ha parlato all’Uomo dandogli la vita, la scienza, e il Mondo.
Non di monoteismo si dovrebbe parlare, come puntualizza l’autore, ma semmai di Monolatria, una forma particolare di Monolatria Anarchica intesa come la libera scelta di un “Dio” cui sottomettersi e obbedire, per ottenere vantaggi importanti come terre, potere, ricchezze, e in sintesi una vita di prosperita’. 

Questo scenario descritto dal punto di vista Ebraico sarebbe potuto benissimo essere visto dal punto di vista delle altre popolazioni che in quel tempo venivano governate dagli altri Elohim, e le cui vicende sarebbero potute essere registrate (o magari lo sono state) in altrettanti testi.
Pensiamo ai seguaci di Baal, ad esempio, menzionato nella Bibbia come un “Eloha” viaggiatore che si assentava per lungo tempo lasciando il suo popolo, i Fenici. 

Altro concetto importante analizzato nel libro e’ quello dell’esatto significato dei Cherubini, un duplice significato a seconda che essi vengano associati al Giardino dell’Eden o all’Arca dell’Alleanza. Un duplice significato che certamente non e’ quello fornito dalla Teologia corrente.

La stessa Arca dell’Alleanza, un mistero affascinante ancora oggi, sarebbe perfettamente descrita nell’originale testo della Bibbia come un apparecchio dai molteplici usi: condensatore elettrico, ricevitore radio, banca dati,… 

E che dire della “cacciata” di Adamo ed Eva dal Giardino dell’Eden e conseguente nascita del peccato originale su ogni uomo e donna?
Una pura invenzione teologica secondo l’autore, in quanto l’Eden sarebbe stato un luogo preciso a Est della Mesopotamia dove l’Eloha (forse il signore supremo Enlil?) teneva le sue prime creazioni, oltre a diversi strumenti della conoscenza della sua razza, e che solo l’intervento del “serpente” (il fratello Enki?) avrebbe causato la presa di coscienza dei terrestri riguardo la loro “nudita'” (intesa come consapevolezza della propria capacita’ riproduttiva) e di conseguenza la cacciata dall’Eden da parte dell’ Eloha/padrone. 

Dove sta, in tutto questo, l’immane costruzione spirituale avanzata nei secoli successivi al tempo di Cristo, e sempre piu’ orientata verso la divinizzazione dei testi sacri, la monoteizzazione di Dio??, e l’esasperazione dei concetti di Paradiso, Inferno, Angeli, Demoni, Satana, Lucifero? Concetti che ancora oggi sono la causa di guerre di religione, persecuzione, preghiere e suppliche, rituali satanici o appello ai miracoli, nonche’ la sterminata letteratura che ne consegue e la nascita di culture vere e proprie basate su tali elementi? 
Nella Bibbia non ve ne sarebbe traccia, anzi si tratterebbe di una interpretazione faziosa inserita dai primi creatori delle religioni quando gli Elohim, i “Signori dell’Alto”, lasciarono il Pianeta (o comunque interruppero i contatti diretti con gli uomini). C’era il bisogno di mantenere i popoli nella convinzione dell’esistenza (della persistenza) di un’entita’ che tutto vede e tutto puo’, piu’ potente dei singoli governanti terrestri, e che avrebbe potuto salvare o punire a seconda delle azioni compiute. Il bisogno di Religioni, paradossalmente, sarebbe nato con la scomparsa degli Dei. Dobbiamo quindi ridurre tutta la nostra evoluzione spirituale e di coscienza a mera costruzione post-Biblica? 
Io credo di no, anzi semmai e’ il contrario.
Se la Bibbia e’ solo il resoconto dell’arrivo di esseri da altri pianeti sulla Terra, e della creazione dell’Uomo secondo la loro scienza, questo rappresenta solo una sezione dell’Impianto multidimensionale in cui tutti noi siamo immersi.
L’interpretazione letterale della Bibbia non deve in alcun modo ridurre la nostra vita alle sole azioni materiali. Se e’ vero che la Terra e le sue creature viventi preesistevano all’arrivo di altre creature con un diverso livello di conoscienza, e’ presumibile pensare ad essi come dotati di una qualche forma di coscienza o concezione spirituale che si sarebbe trasferita nell’ominide divenuto Adamo. Accanto alla mescolanza del DNA degli Elohim, o si sarebbe trasferita anche la parte della coscienza e dello spirito, o questo gia’ esisteva nel DNA originario terrestre. Come altrimenti spiegare non tanto il bisogno di religione (bisogno instillato nelle nostre menti da false interpretazioni dei testi), quanto il bisogno di connettere la nostra piu’ intima sostanza con quella della Natura, linguaggio sulla Terra dell’Universo.
E’ difficile spiegare concetti astratti come questi, ma e’ innegabile che chi sente questo bisogno spirituale, puo’ comprendere quanto tale sensazione sia presente costantemente nella nostra vita. Lo era anche negli Elohim e per gli Elohim.
La Bibbia non ne parla, ma certamente l’accenno all’esistenza dell’Albero dei Viventi (Genesi 2:8,…) e l’Albero della Conoscenza del Bene e del Male. 
L’autore ci dice che la Bibbia localizza il primo ma non fa alcun cenno al secondo; poi ci viene detto che il primo non contempla la Morte, mentre il secondo abbraccia Bene e Male. Nell’interpretazione di Biglino questo avviene perche’ dove c’e’ vita non puo’ esserci morte, mentre Bene e Male sono due concetti presenti nella stessa sostanza. 
Al versetto 2:17 Yahweh proibisce agli Adam di mangiare dall’Albero della Conoscenza ma non da quello della vita. Ma quando Adamo e Eva mangiano da questi, Yahweh li caccia dall’Eden. Come e’ possibile questo, si domanda l’autore? Perche’ sarebbero dovuti essere cacciati per aver trasgredito un ordine che non era stato mai dato? 
La conclusione piu’ ovvia sarebbe quella di una confusione nata dai copisti, che avrebbero raddoppiato un albero che invece era unico. Altri errori sono effettivamente presenti nell’Antico Testamento, ma nessuno di questa portata.
La mia personalissima visione di questo concetto, che non solo rappresenta la Genesi dell’uomo come lo intendiamo oggi, ma a mio parere e’ la chiave per capire i nostri stessi creatori, e’ che gli “alberi” (se cosi’ possono essere definiti) potrebbero essere stati effettivamente due: quello della Vita (la parte biologica, chimica, genetica, scientifica in possesso degli Elohim) e quello della Conoscenza (forse il segreto dell’esistenza dello Spirito, dell’Anima, della Coscienza?). 
La Bibbia non parla del secondo forse perche’ gli Elohim non avevano nessuna intenzione di trasmettere all’Adam l’essenza dello Spirito e della Coscienza. Lo stesso “serpente”, anche se ben disposto nei confronti delle sue creature, si e’ guardato bene dall’offrire loro la Conoscenza, ma certamente li ha spinti all’indipendenza attraverso l’Albero della Vita (non dell’immortalita’ che, come scrive l’autore, non era in possesso degli Elohim visto che anche loro morivano – ma semmai del segreto dell’autonoma riproduzione sessuale). 
Sarebbe quindi l’Albero della Conoscenza del Bene e del Male l’unico accenno “spirituale” della Bibbia connesso agli Elohim? 
Siccome si e’ nel campo delle supposizioni, mi si conceda lo spazio per questa brevissima interpretazione basata sulla conoscenza dell’autore – certamente superiore della mia – della Bibbia Ebraica.

Il messaggio di Cristo è stato ampiamente disatteso e su questo non occorre soffermarci oltre.
Unendo la visione di Sitchin a quella di Biglino e mettendoci su una spruzzatina di Icke, se ne potrebbe dedurre che re, principi, imperatori, nobili, condottieri e alto clero siano stati e siano tuttora discendenti di quegli ibridi alieni-umani che hanno ampiamente dimostrato la loro malvagia natura. L’unica differenza è che nell’antichità erano d’alta statura, mentre oggi le loro sembianze sono simili alle nostre.
Biglino parla chiaro. A lui non interessa fare un discorso di fede, che deve essere libera e personale. A lui non interessa neanche parlare del Nuovo Testamento, che con il Vecchio c’entra come i cavoli a merenda. Tanto che anche gli gnostici se n’erano accorti e avanzavano l’ipotesi che quello del Vecchio e quello del Nuovo fossero addirittura due Dei diversi.
Anche se leggere la Bibbia era vietato, evidentemente gli gnostici avevano capito con secoli d’anticipo che le storie narrate nell’Antico Testamento non raffiguravano precisamente un Dio d’amore.
Il dottor Biglino non parla di Anunnaki, ma di Elohìm, ma i personaggi comunque sono riconoscibili.

Vi sono dei passi nel libro della Genesi in cui si parla di Elohìm al plurale – e questo si sapeva –
ma ve ne sono altri in cui si dice che muoiono anche loro.

Un esempio del primo caso è laddove, dopo l’attraversamento della penisola del Sinai, Giosuè riunisce i capi delle tribù e li esorta a seguire l’Elohìm dei loro padri, chiamato Yahwèh, come lui avrebbe fatto, e ad abbandonare definitivamente gli altri.
In quell’occasione parla di ben quattro Elohìm differenti, tra cui quello degli Amorrei.

Nel secondo caso, Biglino ha citato un versetto della Bibbia che dice espressamente che gli Elohìm muoiono, versetto rigorosamente tenuto nascosto dai propugnatori del monoteismo e di cui, come tutti, non sospettavo l’esistenza.
E inoltre, sono gli stessi esegeti ebrei della Torah, autori del Talmud, a spiegare che Yahwèh intendeva dire: “Non adorerai altri Elohìm finché io esisto”.
Dunque, abbiamo un Dio dotato della consapevolezza che prima o poi morirà anche lui. 
L’averlo reso eterno, invisibile e onnipotente è stata una scelta obbligata per coloro che ci videro un business, nonché lo strumento per detenere il potere sulle folle. I padri della Chiesa saranno stati anche vegliardi, ma non erano per niente rimbambiti!

PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI  ==> CLICCA QUI <== 

TORNA SU

ENLILITI ed ENKILITI

ENLILITI ed ENKILITI

Gli Anunnaki aveva due fazioni in lotta tra di loro sul futuro dell’umanità. (Questo è stato codificato nei libri come il Giardino dell’Eden) :

Gli ENKILITI (seguaci di Enki) principalmente scienziati, coordinatori delle attività delle missioni quali genetisti, architetti, fisici, chimici, genetisti, ingegneri, simboleggiati dal caduceo dove possiamo distinguere il cerchio alato simboleggiante Nibiru accompagnato dalla doppia elica del DNA idealizzato da due serpenti, attraverso il quale è stato creato l’homo sapiens. Il simbolo del caduceo è utilizzato ancora oggi in ambito scientifico in particolare in medicina.

caduceo ENLILITI ed ENKILITIIl Caduceo, simbolo Enkilita (si notino i serpenti avvinghiati come il DNA)

Il retaggio della spiritualità Enkilita, necessaria a uno sviluppo sostenibile del genere umano in armonia con le risorse e le capacità del pianeta terra, è riscontrabile nelle tradizioni mistiche e spirituali di alcune culture misteriche e correnti esoteriche attuali (new age, nativi americani, tradizioni orientali,…)

——————–

Sull’altro fronte abbiamo gli ENLILITI (seguaci di Enlil), appartenenti alla famiglia reale, principalmente soldati, generali, preposti al controllo delle attività della missione e a garanzia del raggiungimento degli obiettivi del governo Annunako presieduto da Anu.

ENLIL ENLILITI ed ENKILITIIl cerchio alato, simbolo della famiglia reale Anunnaka presieduta da Enlil

——————–

Vi erano nella missione terra anche gli IGIGI (coloro che vedono e osservano), ovvero gli Annunaki preposti al lavoro in miniera, nelle fabbriche o nei campi agricoli. Gli Igigi sono anche i preposti agli spazioporti di Nazca, Baalbek, Isola di Pasqua e alle basi spaziali di Luna e Marte. In particolar modo da Marte, approfittando della ridotta gravità, partivano i razzi diretti verso Nibiru.
moais2A

Dopo la creazione dell’Uomo i lavori più pesanti vengono assegnati a quest’ultimo consentendo agli Igigi di concentrarsi sulle mansioni con maggiore valore aggiunto ottenendo così maggiore efficienza ed efficacia nel conseguimento degli obiettivi della Missione Terra Annunaka.

Gli Igigi allora si dividono tra Enkiliti ed Enliliti in egual misura a seconda della loro personale visione politica.

——————–

Il problema della gestione del genere umano da parte Enkilita ed Enlilita.

Se è vero che Enki e i suoi scienziati e seguaci hanno risolto forse il più grave problema che stava per compromettere l’intera missione, è altresì vero che l’inserimento della nuova specie animale (Homo Sapiens) nell’ecosistema terrestre, circa 300.000 anni fa, comportava tutta una serie di nuove problematiche di gestione degli stessi.

Il dualismo tra Enkiliti ed Enliliti si accentua nel momento in cui gli Enkiliti contravvenendo al volere di Enlil, il quale rimaneva comunque il capo di tutta la missione e vicario di An, suo padre, con il conferimento all’uomo della capacità di procreare, fatto impossibile per le specie ibride. Ciò fu fatto per il semplice motivo che in questo modo si potevano ottenere numerosi nuovi lavoratori naturalmente, senza dover continuare al ricorso all’ingegneria genetica, costosa e poco efficiente. Rappresentava anche una necessità, considerando il ridotto ciclo vitale dei Sapiens.

Enlil e i suoi soldati percepivano invece una serie di grossi rischi che portarono alla cacciata dell’Uomo dai campi di Eden:
-Enlil non voleva gli esseri umani erano uguali a loro.
– la possibilità che Enki costituisse un esercito di Sapiens antagonista agli Enliliti per prendere il potere;
– l’incapacità dei sapiens di autogestirsi e il pericolo che questo comportava per il pianeta e le sue risorse (è importante notare come la Terra essendo un pianeta particolarmente adatto alla vita, viene tenuto in grande considerazione dagli Annunaki e non solo);
– la possibilità che i Sapiens, aumentati di numero possano un giorno ribellarsi al potere Annunako.

– Enki, invece, era favorevole a consentire agli umani un auto-dominio, il rispetto e l’uguaglianza, al fine di garantire ogni beneficio alla loro discendenza.
Gli Enkiliti, infatti, ritengono che gli uomini, se debitamente istruiti, possano diventare una risorsa importante per gli Annunaki e auspicano un futuro nel quale saranno proprio gli uomini a governare il pianeta in armonia con la natura e il proprio spirito sfruttando quelle capacità cerebrali insite nel DNA ibrido Homo-Annunaki. Certamente questo percorso prevede una ‘guida’ evolutiva di lungo periodo (decine di migliaia di anni) che però gli Annunaki Enkiliti desiderano voler percorrere.

Lo scontro tra le due fazioni e la rottura definitiva avviene verso la fine della missione Annunaka quando elementi Enkiliti si uniscono fisicamente con elementi Sapiens generando quelli che la tradizione biblica e cabalistica ebraica definisce come Nephilim, Giganti, Figli di Anak, ovvero i semi-dei, uomini famosi (così come la Bibbia stessa li descrive) che verranno utilizzati dagli Enkiliti per guidare l’evoluzione del genere umano trasferendo ad essi determinate conoscenze descritte nei miti di Lucifero, Prometeo e in generale di tutti quegli dei o semi-dei che portano luce (o fuoco) all’uomo conferendogli determinate particolari conoscenze.

Gli Enliliti non possono accettare ciò, ma non fanno in tempo a procedere altrimenti, poiché la morte di Anu e il concomitante passaggio di Nibiru, mettono fine alla missione Annunaka circa 100.000 anni fa.
Enki allora, approfittando della situazione, nonostante la decisione di Enlil di dichiarare conclusa la Missione e di ricondurre tutti gli Annunaki verso Nemesis, decide di rimanere sulla Terra avviando il suo sogno di condurre l’uomo a un livello evolutivo pari a quello dei creatori Annunaki. Enlil è contrario ma non può scatenare una guerra contro il fratello in una situazione particolare come quella che il popolo Annunako sta vivendo dopo la morte del sovrano Anu e pertanto concede a Enki questa libertà lasciando sul pianeta un avamposto con il compito di controllare l’operato di Enki, gli IGIGI; quegli stessi IGIGI celebrati dai Mohai sull’isola di Pasqua.
La permanenza di Enki e della sua fazione a partire da 100.000 anni fa darà il via a ciò che i miti ricordano come l’età dell’oro…
Questo dualismo, chiaro nelle religioni sumero-assiro-babilonesi, viene decisamente meno nella tradizione giudaico-cristiana, condizionata dalla cattività babilonese.

——————–

In seguito al Diluvio Universale Enlil vide che nemmeno questa grande catastrofe fu in grado di estinguere l’uomo, e comprese la tenacia che questi possiedono e di conseguenza decise di concedere all’uomo la sovranità sul pianeta e vedere cosa succede.
La narrazione biblica in particolare si conclude con il dialogo tra Dio e Noè e i suoi figli con lui, dicendo:

(Genesi 9:8-11)
«Quanto a me, ecco, stabilisco il mio patto con voi, con i vostri discendenti dopo di voi e con tutti gli esseri viventi che sono con voi: uccelli, bestiame e tutti gli animali della terra con voi; da tutti quelli che sono usciti dall’arca, a tutti gli animali della terra. Io stabilisco il mio patto con voi; nessun essere vivente sarà più sterminato dalle acque del diluvio e non ci sarà più diluvio per distruggere la terra».

Il patto menzionato nel versetto biblico corrisponde al patto di tregua tra Enliliti ed Enkiliti dove i primi concedono all’umanità il pianeta Terra per un limitato periodo di tempo la cui scadenza è prevista in ciò che noi conosciamo come “Giudizio Universale”; agli Enkiliti è concesso di iniziare il genere umano alla civiltà nei luoghi che hanno resistito alla furia del diluvio.
L’accordo prevede:
– il divieto assoluto di conferire tecnologie Annunaki troppo evolute al fine di garantire armonia nello sviluppo della civiltà umana e evitare i potenziali rischi di un utilizzo spropositato.
– il divieto assoluto di perseguire unioni miste Annunaki-Umani
– e la riduzione graduale dell’intervento Annunako Enkilita nello sviluppo umano.
– infine il ruolo dell’avamposto Enlilita di controllo viene preso dagli uomini sumeri di Ur la cui discendenza diventerà, a partire da Abramo, gli Ebrei.

Se l’uomo si dimostrerà degno allora verrà concessa definitivamente la sovranità sul pianeta, in caso contrario verranno distrutti e nemmeno Enki questa volta potrà intervenire per salvarli; questo è quanto narrato nell’Apocalisse di Giovanni relativamente agli eventi dell’ultimo giorno e al Giudizio Universale, e viente rammentato dallo stesso Gesù Cristo anche nei vangeli gnostici.

Gli Enkiliti hanno tempo circa 3.600 anni, equivalenti a un’orbita di Nibiru, per portare a compimento la ‘Rinascita’ del genere umano (periodo post-diluviano), dopo di che anche gli Enkiliti torneranno su Nibiru e in patria, lasciando il pianeta in attesa del ‘Giudizio’ sugli uomini.

Translate »
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.