Crea sito

15 motivi per cui Dio non è perfetto

15 motivi per cui Dio non è perfetto


Dio è perfetto?

Qualsiasi cristiano che legge questa domanda risponderà sicuramente:

Certo che è perfetto! In effetti, Dio è la massima espressione della perfezione totale. Non c’è nulla di più perfetto di Dio

Il vocabolario ci dice che:

perfetto [per-fèt-to] agg., s. 1 Completo, compiuto in tutte le sue parti: un lavoro p.; totale, assoluto: un silenzio p. 2 Che non presenta imperfezioni, ottimo, eccellente: una p. definizione; che è al massimo grado di compiutezza.

E dove:

eccellenza [ec-cel-lèn-za] s.f. 1 Il più alto livello qualitativo raggiungibile SIN eminenza: la qualità degli scritti raggiunge l’e. || per e., per antonomasia.

Allora noi associamo Dio con termini come: munifico – qualità – eccellente – meraviglioso – bellissimo – celeste – colossale – grande – divina – eccezionale – favoloso – enorme – grande – illustre – soprattutto – senza rivali – insuperabile – superba – eccellente – perfetto – prezioso – rilevante – selezionare – singolare – eccezionale – sublime – super – superiore – superlativo …

Di nuovo, ogni cristiano dirà che tutte queste definizioni sono piuttosto brevi rispetto alla “Perfezione di Dio”

Ma … è vero? Dio è perfetto e meraviglioso come credono i cristiani?

Per risolvere il quesito abbiamo due modi: il primo è quello di esaminare la Bibbia e cosa ci dice di Dio e delle sue qualità. Ricorda che l’unico modo per conoscere Dio, la sua personalità o il suo carattere è attraverso ciò che ci mostrano le “Sacre Scritture”. Non c’è altro modo. E il secondo è verificare la perfezione delle creazioni divine. Si presume che essendo Dio “Perfetto” le sue creazioni debbano essere perfette per necessità; poiché il “perfetto” non può produrre cose imperfette.

Vedremo in seguito come il concetto di Dio non sia affatto “perfetto”, anche se non “accettabile” è esattamente l’opposto. Tutto questo sotto la visione cristiana, ovviamente.

Vediamo come un “Dio perfetto” collassa!


Ragioni basate sulla personalità di Dio:


1) L’atto di creare implica l’imperfezione.

Con la semplice logica di base, “creare” qualcosa implica un “bisogno”. Quando si decide di creare o creare qualcosa, deve esserci in precedenza bisogno di quella creazione che viene fatta. Nessuno fa le cose senza motivo, perché anche creare cose per divertimento implica il bisogno di divertirsi. Questo è di base.

Si presume che essere totalmente perfetto implica che Dio non ha bisogno di nulla in base al suo grado di perfezione assoluta. Nella sua perfezione, Dio non ha bisogno.

Quindi, se Dio è totalmente perfetto, perché ha bisogno di creare universi e gli esseri umani vengono improvvisamente? ¿La noia? Vuole essere lodato? … Qualunque cosa sia questa ragione inaccessibile e misteriosa implica un bisogno da parte del Dio divino.

Sicuramente il cristiano che legge questo risponderà:

“Questo è un mistero insondabile che la nostra mente limitata non può comprendere. Quando siamo di fronte a lui in paradiso, possiamo chiedergli personalmente “

Alcune altre risposte assurde a questa grande domanda possono essere lette nelle pagine cristiane:

Perché Dio ha creato il mondo? 
Quando non era ancora stato creato nulla, Dio, tuttavia, esisteva. È sempre esistito, eternamente. E Dio non avrebbe potuto creare nell’universo, o avrebbe potuto rendere il mondo e i suoi abitanti in modo diverso da quello che sono. Dio non era obbligato a creare nulla; Non aveva bisogno di niente. Ma il fatto è che la Sua Parola ci dice (questo è il modo in cui la comprendiamo per fede e l’evidenza delle cose), che Dio ha creato tutto ciò che esiste e che lo ha fatto così come il Suo bene e il libero arbitrio. Attraverso la creazione Dio ha manifestato la sua gloria, la sua infinita saggezza e la sua bontà.   

Dopo la domanda: “Esiste Dio?”, A cui Dio risponde “Io Sono” (Esodo 3:14), la prossima domanda che ci ha plasmato più profondamente a Betlemme è: Perché Dio ha creato il mondo? La risposta breve che risuona dappertutto come un tuono è : Dio ha creato l’universo per la sua gloria. 
(Fonte: http://www.desiringgod.org/messages/why-did-god-create-the-world?lang=en)

Apparentemente le risposte vanno da “l’ha fatto perché voleva” a “Dio ha creato l’universo per la sua gloria”

La vanità, l’autocompiacimento, la solitudine, l’essere impulsivo e illogico sono le caratteristiche di un essere perfetto?

Pensaci.


2) Il peccato originale.

Un’altra ragione per cui Dio NON è perfetto è il “peccato originale” che è venuto a scatenare il peccato universale, il male e tutto ciò che è male nel mondo.

Dio è perfetto ed è anche Onnisciente, cioè che Dio conosce tutto, compreso il futuro.

Quando Dio decide di creare i primi umani, sapeva che entrambi avrebbero peccato? Ammettiamo di sì, dal momento che è onnisciente!

Cioè, Dio crea gli uomini perfetti (poiché Dio è perfetto e le sue creazioni sono perfette). Ma i primi esseri umani “perfetti” rovinano (nonostante siano perfetti), e tutto questo era già noto a Dio che semplicemente si divertiva a vedere come le sue bambole di argilla incontravano la loro sceneggiatura predeterminata.


3) Necessità di adorazione.

Un’altra ragione importante per cui Dio non è quasi perfetto è il continuo bisogno per noi di adorarlo permanentemente.

Se Dio è assolutamente perfetto, non dovrebbe essere costantemente detto “Dio, Dio, tu sei il migliore!”

È così imperioso questo bisogno di adorarlo che ha messo come obiettivo nella vita della razza umana che rispettiamo una serie di regole per ottenere il premio più grande: il Paradiso; che è una specie di dono per coloro che “si comportano bene” e che la nostra ricompensa sarà adorare e lodare Dio per l’eternità.

Come può essere perfetto? È semplice vanità, compiacimento, megalomania, vanagloria, orgoglio e tanti altri termini per nulla compatibili con un essere perfetto.

E non solo ha bisogno di noi per “adorarlo”, ma esige anche che ci umiliamo davanti a lui; rendendo la sua imperfezione ancora più grande.

Pertanto, il fatto che Dio abbia creato gli esseri umani con l’intenzione di essere elogiato per sempre sotto l’umiliazione umana permanente … rende la sua imperfezione manifesta ed evidente.


4) La punizione del peccatore.

Dopo che Dio ha creato gli umani (e sapendo che avrebbero peccato nonostante fosse perfetto), ha deciso di mettere una serie di regole e leggi che devono essere soddisfatte. Se non lo facciamo, saremo puniti con qualcosa di molto brutto chiamato “Inferno” dove saremo eternamente torturati e soffriremo per sempre.

Come può qualcuno che punisce con ferocia chi non gli ubbidisce essere “perfetto”? 

Il “Dio crudele e vendicativo” che ci punirà per non aver soddisfatto alcuni dei suoi minimi capricci è senza dubbio un chiaro esempio di imperfezione. Nessun essere umano punirebbe con furia e in modo permanente uno dei loro figli, non importa quanto possano essere disobbedienti. In questo senso siamo molto meglio del sadico Dio biblico.


5) La crudeltà di Dio

I cristiani vogliono venderci un Dio buono, gentile, devoto, misericordioso e totalmente amorevole. Quasi sempre basato su alcuni rari versetti biblici presi con tenaglie.

Ma amico cristiano … Hai letto la Bibbia un po ‘oltre quel “Dio è amore”?

Se lo fai, scoprirai che Dio è un killer incredibilmente crudele e spietato; capace di infierire follemente e distruggere e uccidere a destra e a manca chi osa rompere il minimo dei suoi capricci.

Se tu, caro lettore, confronti i versi in cui Dio uccide con i versetti in cui Dio è detto essere bello e amorevole … i risultati ti sorprenderanno.

Pertanto, un Dio che è omicida, crudele e perverso è, evidentemente, la miglior ragione per non considerarlo perfetto.


Ragioni basate sulle creazioni di Dio:


6) L’universo

Il vasto universo era (secondo la Bibbia) creazione diretta di Dio.

Essere creato sotto la volontà divina presuppone che l’universo sia perfetto (poiché Dio è perfetto). Anche molti cristiani dicono cose come:

“Un chiaro esempio di quanto Dio sia perfetto è l’armonia dell’universo. Tutte quelle stelle e pianeti in un meccanismo perfetto creato da Dio “

Niente affatto … l’universo NON è perfetto.

Nell’immensità dei cieli ci sono in questo momento esplosioni stellari, buchi neri che ingoiano stelle, collisioni tra meteore e pianeti, orbite irregolari e tutti i tipi di cambiamenti e alterazioni che lasciano questa “perfezione cosmica” molto gravemente interrotta

Come potrebbe un Dio perfetto creare un universo con così tante imperfezioni?

Persino quelle “imperfezioni” come quella che si trova nel background delle microonde erano ciò che consentiva a un paio di scienziati di trovare prove dell’origine dell’universo in un fenomeno chiamato Big Bang.


7) La terra

“All’inizio Dio creò i cieli e la terra”

Quindi inizia la Bibbia: Dio crea il nostro amato pianeta. Ma nel verso successivo dice già che “La terra era disordinata” … Perché non l’ha creato direttamente perfetta e senza disordine? Perché ha dovuto riparare la sua creazione “disordinata” in diversi giorni se Dio è onnipotente e può ripararlo immediatamente?

Il fatto è che, anche impiegando diversi giorni per risolvere la sua “creazione disordinata”, la terra non è ancora perfetta, non importa quanto alcuni cristiani insistano nel sottolineare che “il nostro pianeta è perfetto”.

La Terra non è nemmeno perfettamente rotonda (beh, Dio non ha alcun problema con i cerchi e le misure ), ci sono valanghe, terremoti, tsunami, siccità, inondazioni, gelo, uragani, tornado, fulmini, grandine e molti svantaggi oltre il nostro pianeta. Molti di questi “piccoli dettagli” che rendono la terra imperfetta si sono verificati molto tempo prima che arrivasse la presenza degli esseri umani (quindi incolpare l’uomo non è una scusa).

Perciò … ogni volta che un terremoto prende la vita di un essere umano, è evidente che il perfetto Dio ha fatto un pessimo lavoro nel progettare il nostro pianeta.


8) Il comportamento degli Esseri Viventi.

Oltre all’uomo, la terra è piena di esseri viventi (dalle balene ai batteri); manifestando tra di loro comportamenti che corroborano l’imperfezione di un presunto creatore/progettista.

Tra gli animali ci sono cose che sotto la visione cristiana non sono molto perfette: predazione, cannibalismo, pestilenze, sovrappopolazione, epidemie, ecc. Dai lupi che mangiano agnelli a sciami di locuste che divorando tutto sul loro cammino.

Un Dio buono e perfetto non avrebbe progettato un mondo in cui gli animali dovessero soffrire l’angoscia e il dolore per nutrire gli altri. Una piccola zebra divorata viva dai leoni fa davvero parte del “piano perfetto di Dio”?

Anche il solo fatto che gli umani abbiano bisogno di uccidere animali per consumarli è indicativo che la morte e la sofferenza sono parte della perfezione di Dio. E infatti è così: ricorda che Dio ha preferito l’agnello arrosto di Abele ai frutti e alle verdure di Caino.

Apparentemente, la “perfezione” per Dio è godere di come gli esseri viventi si distruggono a vicenda. “La sopravvivenza del più forte”.


9) Il corpo umano: ciò che ci manca.

I credenti di solito dicono:

“Guarda il meraviglioso design del corpo umano. Tutto in perfetta sincronia grazie al meraviglioso potere creativo di Dio “

E, naturalmente, alcuni sembrano ossessionati dall’occhio umano … Come amano mettere come esempio il design dell’occhio umano!

Ma mi dispiace dirvi, caro lettore, che il nostro corpo è mal progettato e siamo superati di gran lunga da altre specie animali apparentemente inferiori a noi. Ogni animale si adatta perfettamente all’ambiente in cui vive, senza bisogno di accessori; dal pinguino al polo, allo scorpione nel deserto. Ma l’uomo no! Ovunque lo metti, senza alcun oggetto o vestiario che lo aiuti, l’umano finirà per essere sopraffatto e quindi morire. Risultati immagini per essere umano vitruviano


10) Il corpo umano: ciò che abbiamo lasciato.

Non solo siamo molto indietro in molte cose rispetto ad altri esseri viventi. Ma abbiamo anche parti del nostro corpo che sono inutili e persino dannose. Dio (che ci ha progettato perfettamente) apparentemente ha superato i materiali e ci ha messo un po ‘di cose in più; come i denti del giudizio, l’appendice o il coccige.


11) Il corpo umano: difetti e malattie.

E naturalmente … se l’essere umano fosse “una macchina perfetta” non ci sarebbero malattie.

Ecco perché sono sorpreso ogni volta che un cristiano insiste nel porre il corpo umano come un esempio di perfezione divina: Ehi !!! … ci ammaliamo, siamo nati con difetti, non siamo perfetti !!!!

Immagine correlataQuelli che a volte sembrano “perfetti” sono virus, batteri e parassiti che riescono ad attaccarci in tutti i modi possibili; anche essere in grado di mutare e alterare il loro DNA per diventare più letale e dannoso. Sembra che Dio abbia messo tutto il suo ingegno e interesse per la progettazione di questi bug.

Il nostro corpo è una macchina progettata male che si ammala e viene danneggiata frequentemente. Un Dio onnipotente ci avrebbe reso più resistenti alle malattie e alle sofferenze.

Quindi, caro lettore, ogni volta che sei influenzato da una semplice influenza, o quando i tuoi capelli cadono, o conosci qualcuno con un cancro o vedi un bambino con sindrome di Down … incolpa il tuo Dio per averci progettato così, così male .


12) L’esistenza del Male

Il mondo è pieno di male!

Le persone che si approfittano degli altri, uccidono gli altri, manipolano gli altri … sembra che col tempo gli umani siano diventati esperti nel causare danni agli altri.

C’è un detto che dice “Non una foglia di un albero cade senza il permesso di Dio”. Ciò significa che Dio guarda, accetta e permette il male nel nostro mondo. Già con il solo fatto che c’è il male è un esempio di imperfezione creativa; Ma il fatto che Dio guardi e rimanga indifferente è anche peggio. Presumibilmente Dio è onnipotente, quindi potrebbe eliminare il male quando lo desidera … ma non lo fa. La scusa di alcuni è che “vuole che impariamo la lezione”. Certo, se so che mio figlio verrà derubato e ucciso mentre attraversa un vicolo buio, glielo lascerò fare così che possa “imparare la lezione” e smettere di camminare nei luoghi scarsamente illuminati.

Quanto è crudele e indifferente questo Dio perfetto!

Lo sapevi, lettore amico, che Dio è il creatore del male? … È espresso molto chiaramente nella sua Bibbia:

Esodo 4:11 Il Signore gli disse: “Chi ha dato una bocca all’uomo o chi lo rende muto o sordo, veggente o cieco? Non sono forse io, il Signore? 

Isaia 45: 7 Io formo la luce e creo le tenebre, faccio il bene e provoco la sciagura; io, il Signore, compio tutto questo.


13) Sofferenza umana.

L’uomo soffre in modi diversi: dalle sofferenze fisiche a quelle psicologiche ed emotive. Ci sono molte persone tristi e infelici nel mondo.

Tutta questa tristezza e sofferenza sul nostro pianeta è un segno inequivocabile di imperfezione.

Dio ha fatto un pessimo lavoro come padre degli umani. Ci fa soffrire. Ci permette di essere pieni di dolore, rabbia e amarezza. Quale padre umano permetterebbe a suo figlio di soffrire, non importa quanto sia male? … E Dio che è perfetto dovrebbe essere ancora meno!

Per fortuna Dio non esiste … perché se esistesse, dovrebbe rivendicare questo atteggiamento, caro lettore.


14) La sofferenza e la morte dei bambini.

L’ho sempre detto: il miglior esempio che Dio non esiste (e se esiste è un essere imperfetto, senza cuore e crudele) è che ci sono bambini che soffrono nel mondo.

Nessuno, assolutamente nessuno può accettare la sofferenza e la morte di bambini innocenti. E a quanto pare Dio (che guarda tutto) permette ed è indifferente a tutto ciò.

Ma diciamo che la stessa Bibbia rende molto chiaro che Dio sembra odiare i piccoli.

(Perché Dio odia i bambini – Dio, l’assassino dei bambini)

Pertanto, non capirò mai come ci siano persone che continuano a dire che “Dio è amore” quando non solo Dio ha assassinato i bambini, ma permette anche la morte e la sofferenza di milioni di persone oggi.

Solo questo sarebbe un motivo sufficiente per smettere di crederci.


15) La Morte

Il fatto che gli esseri umani debbano morire (di solito accompagnato da precedenti sofferenze) è forse la ragione più grande per considerarci imperfetti.

La maggior parte dei cristiani dirà:

“Dio non è responsabile per la morte. Fu Adamo ed Eva a commettere il peccato originale “

Lasciando da parte la letteralità di quella favola … 

Risultati immagini per morte

Perché il resto della specie umana deve pagare le conseguenze dell’errore commesso da un paio di adolescenti nudi e apparentemente perfetti?

Dov’è la giustizia qui? Se Dio è infinitamente giusto, non permetterebbe, a causa di quello sbaglio (che sicuramente Dio già sapeva che sarebbe accaduto), che pagassimo ingiustamente quel peccato.

Ma la morte è qui … e colpisce tutti noi. Dai nostri cari fino a quando non ci raggiunge alla fine.

La fine della vita … è il picco dell’imperfezione umana.

 

——————————————————–

Come avrai notato, caro lettore, sebbene tu ripeta come alienato “Dio è perfetto !!!”, le prove indicano chiaramente il contrario. Dalle imperfezioni e dagli errori che possiamo leggere all’interno della Bibbia; come nei difetti e negli errori delle supposte creazioni di un Dio perfetto.

Mi sono sempre chiesto perché … Come fanno i cristiani ad ingoiare questa faccenda di “perfezione divina”? … le scuse sono decisamente esilaranti e divertenti (e anche pietose e deplorevoli).

Ma a quanto pare questo “Dio” è molto fortunato; nonostante tutte le prove evidenti della sua imperfezione, ha ancora milioni di persone che lo difendono al di sopra della ragione e del buon senso. Questo è ammirevole!

Io, in particolare, non adorerei un Dio che mente quando dice che è perfetto e che dimostra ampiamente i segni della sua imperfezione. Per le persone imperfette, noi umani ne abbiamo molte.

Per essere un mondo creato da un Dio assolutamente perfetto … i risultati lasciano molto a desiderare.

Ecco perché … Dio è una farsa perfetta. E come ho gia detto in precedenza, per fortuna che non è Dio, ma un essere immondo chiamato Yahweh!!

———————————————–


CLICCA QUI PER LEGGERE GLI ALTRI ARTICOLI RIGUARDANTI LA BIBBIA

fonte: http://ateismoparacristianos.blogspot.com.

EGO – AMICO O OSTACOLO?

EGO – AMICO O OSTACOLO?

L’Ego – Amico o un ostacolo?

Nel nostro presente, singolo stato di coscienza, ci identifichiamo con i pensieri e le emozioni che appaiono nella nostra mente, credendo così di essere una persona “illusoria” separata, un “Ego”.

EGO - AMICO O OSTACOLO

La verità è che siamo l’incarnazione della vita, siamo nati in questo mondo come risultato di un miracolo, e poi ci siamo persi in mezzo alla moltitudine di insegnamenti e dogmi. Dopo l’identificazione con le nostre credenze e convinzioni, ci dimentichiamo chi siamo veramente, della persona nata in noi nel mondo, al fine di sperimentare l’esistenza e conoscere tutti gli insegnamenti.

Un segno di risveglio è quando ci rendiamo conto che lo stato in cui ci identifichiamo con il nostro Ego è a basso ordine, molto povera, e non ci sono misteri più significativi dietro la nostra esistenza. Solo la consapevolezza del momento presente è in grado di interrompere l’illusoria auto-interpretazione, ed elevare la coscienza della persona ad un livello spirituale più elevato.

Che cosa è un Ego?

L’Ego è la figura centrale della nostra storia personale, basata sul passato e guardando al futuro.
I componenti del Ego sono pensieri, emozioni, memorie (con il quale la persona si identifica come “la mia storia”), fissi ruoli inconsci e collettiva identificazione (nazionalità, religione, etc.). la maggior parte delle persone si identificano completamente con queste componenti del Ego, e per loro non esiste niente “al di fuori” di questo.

L’Ego è la forma del passato, che determina la sua struttura e i suoi contenuti.
La struttura del Ego è un fattore inconscio, che costringe l’individuo a rafforzare la sua identità unendo un “oggetto esterno”. Il contenuto dell’Ego sarà quindi la cosa con cui l’individuo lui/lei (la mia casa, la mia macchina, il mio bambino, la mia intelligenza, la mia opinione, ecc) si è identificato. Il contenuto dell’Ego (con cui i singoli identifica) è plasmato dall’ambiente e dall’educazione della persona, cioè, la cultura in cui la persona diventa un adulto.

 

L’identificazione del Ego con le cose (oggetti, proprio il corpo della persona, il modo di pensare) crea il legame dell’individuo alle varie cose.
egoL’Ego (e quindi la persona spiritualmente inconscia) sperimenta il la sua esistenza attraverso il possesso di vari oggetti. La soddisfazione fornita dal senso di possesso è, tuttavia breve, così l’individuo si porta di solito alla ricerca di nuovi oggetti.
Vi è una forte motivazione alla base di questa attività dell’individuo, una domanda psicologica per ottenere di più, l’inconscio senso di “non è ancora abbastanza”, e questo sono le superficiali sensazioni di un bisogno di “più”. Questa mancanza è la forza trainante più potente per l’Ego cioè il desiderio di possedere. il disagio dei sentimenti, l’imprudenza, la noia, lo stress e l’insoddisfazione sono tutti in gran parte i prodotti del desiderio insoddisfatto che si ha di più.

I pensieri del tipo “è mio”, “lo voglio”, “ne ho bisogno”, “non è sufficiente”, appartengono alla struttura dell’Io. Il contenuto del Ego cambia con il tempo; è sostituito con nuovi contenuti. Nessun contenuto è, comunque, in grado di soddisfare durevolmente l’Ego finché la struttura del Ego rimane al suo posto. L’individuo continua la ricerca di qualcosa di diverso, qualcosa che promette una maggiore soddisfazione, rendendo il senso di sé dell’individuo più completa.

Eckhhart_Tolle_front

Questa struttura determina le varie funzioni dell’Io. A parere di Eckhart Tolle la più importante delle funzioni sono i seguenti:

· L’Ego si sforza di proteggere, sostenere ed espandersi;
· Le funzioni dell’Io in modalità di sopravvivenza.

Una delle più importanti strategie della Ego per sostenere e rafforzare se stessa è l’esperienza di “ho ragione”. Questa è l’identificazione di un’idea, di posizione, di valutazione. Niente dà all’Ego più potere di quanto sperimenta che “ho ragione”.

Una delle strategie preferite di auto-rafforzamento della Ego è il “lamentarsi” e questo implica il senso del “ho ragione”.  Quando un altro Ego si rifiuta di accettare che “ho ragione”, questa diventa “un’offesa” al lamentarsi dell’Ego, che a sua volta, rafforza ulteriormente la propria auto-consapevolezza.

L’affermazione delle funzioni dell’Io, in una modalità di sopravvivenza, significa che si fa fatica continuamente a rimanere “psicologicamente vivi”, e vede gli altri Ego come rivali o addirittura nemici. E ‘il desiderio del Ego di avere ragione, e, quindi, di superare l’altro, assicurando la propria superiorità.

L’Ego è una piccola parte della personalità.

Se vogliamo capire come funziona l’Io, non bisogna trascurare il fatto che “Ego” è solo una piccola parte della nostra personalità.
Ego è una parte della personalità, e il suo contenuto viene dalle nostre percezioni e ricordi sensoriali; la nostra storia di vita e conoscenze e le esperienze raccolte in tutta la nostra vita. Ego è il pensiero, sentimento e parte del rilevamento.
La parte del nostro ego ci mostrano il mondo esterno, definito da Carl G. Jung, come la recitazione della personalità, ossia quella parte dell’Io che è in primo piano quando siamo in compagnia di altre persone, e che infatti, è la raccolta delle nostre maschere.

Una gran parte della personalità è costituita dal’Ego inconscio, definito da Freud come l’Io istintivo. È qui che la maggior parte degli istinti di base (mangiare, la sessualità ecc) si trovano, ed è anche la parte della personalità descritta da Carl Gustav Jung come ombra. “L’Ombra” è modellata e sviluppata dalla società, quasi in contemporanea con il nostro gioco di ruolo della personalità.

ego maschere

I bambini, quando vogliono soddisfare l’Ego dei genitori, e/o attraverso di loro le aspettative della società, cominciano a svilupparsi queste maschere. Rifiutare certi stimoli offerti dall’ambiente, innesca la disapprovazione dei nostri insegnanti, così l’intenzione di respingere gli stimoli è soppressa. È così che la nostra “ombra-personalità” si sviluppa; non esiste all’interno della nostra personalità, ma la nostra educazione la relega nel nostro subconscio.

Freud ritiene che la terza componente importante della nostra personalità è il “Super-Io”. Esso comprende i valori sociali che la cultura in cui siamo cresciuti siano importanti reperti. Nel corso di un processo lungo e complicato questi valori sono incorporati nella nostra personalità e si manifesta come il sé ideale (la persona che vorremmo essere). Questi valori diventano integrali, parti interne della personalità, e la superficie come opinione e convinzione.

I risultati della ricerca psicologica suggeriscono che più del 90% delle funzioni della personalità sono inconsce. Ampie parti della Istinto-Ego, la Persona e il Super-Io sono inconsce. Le funzioni dell’Io sono anche in gran parte inconscio.

L’Ego è responsabile per l’integrità della personalità, per il nostro benessere interiore. Questo non è un piccolo compito per l’Ego, in quanto è costantemente bombardato da aspettative inconsce dall’istinto Io e l’ombra, che tentano di influenzare il suo comportamento. Esso genera angoscia all’Ego (vale a dire, in noi stessi), che si manifesta come il disagio (non ci sentiamo a posto). L’Ego vuole fuggire dall’angoscia e utilizza anche i meccanismi inconsci. Tale meccanismo è, per esempio, la proiezione. L’Ego proietta i desideri inaccettabili e le funzioni provenienti dal ombra e l’istinto Ego sugli altri (per esempio “io non sono aggressivo”, “si sono aggressivo”). Queste proiezioni del subconscio, di protezione e di angoscia, eliminandoli sono le fondamenta di alcuni dei giochi di mente per essere discussi in seguito.

Al di là del Ego

L’Ego non è male, è semplicemente privo di sensi. Ego è il sogno più profondo della Coscienza . Se un individuo è in grado di notare e osservare le funzioni dell’Io, lui o lei sarà in grado di trascenderlo. In tal caso, l’individuo che è alla ricerca di una percezione più completa del sé, riconoscerà che è sempre stato lì, ma le funzioni dell’Io-identificazione con gli oggetti e pensieri, l’ha spinto in secondo piano.

Uno dei modi di trascendere l’Ego non è reagisce con tutto il cuore al caleidoscopio mutevole di pensieri ed emozioni, ma concentrandosi sulla coscienza vigile in sottofondo.

liberarsi dell'ego

Nella maggior parte delle persone, il termine “coscienza” si identifica con quella dell’Ego socialmente condizionata. In un certo numero di persone questa identificazione è così potente che non sono a conoscenza che la loro vita è governata da una mente socialmente condizionata.

Coloro che sono in grado di andare al di là dell’identificazione riconoscono con la mente questo stato di essere socialmente condizionati, e sono anche in grado di lasciare il condizionamento sociale alle spalle. Una tale persona non identificherà con la mente, ma, sempre più, con la Coscienza (la testimonianza di presenza). La presenza deve, quindi, controllare la mente in misura crescente e si manifesterà attraverso la mente tranquillizzata.


==>> TORNA AGLI ARTICOLI <<==


FONTE ==>> http://powerofconsciousness.blogspot.it/2015/07/ego-friend-or-obstacle.html

Translate »
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.