Crea sito

SINOSSI SESTA TAVOLETTA ENUMA ELISH

SINOSSI SESTA TAVOLETTA ENUMA ELISH

ENUMA ELISH

SINOSSI SESTA TAVOLETTA

La creazione dell’uomo: versi 1-44

Ottenuta l’approvazione degli dèi, Marduk concepisce cose meravigliose.

Si rivolge a Ea, suo padre, definendolo “architetto” cioé ideatore e pianificatore delle sue azioni e gli comunica l’intenzione di creare Lullu (dal sumerico: LU2.LU7, LÙ. [v. 6] LU, il “primo uomo) e chiamarlo “uomo“, coagulando il suo sangue e formandogli le ossa.
Marduk vuole creare Lullu, l’uomo, affinché gli sia destinata la fatica che prima competeva agli dèi.
Il desiderio di Marduk, espresso al padre, é descritto nell’epica in modo formidabile nei versetti che vanno dal 5 al 10.

Ea, che i sumeri hanno sempre descritto come un saggio scienziato (e al quale Sitchin attribuisce notevoli conoscenze in campo medico – biologico), gli risponde di non voler usare il proprio sangue, ma di usare quello di uno dei servitori di Tiamat, e quindi che uno degli dèi deve perire per poter creare l’uomo [v. 13/16],
Allora Marduk, re degli dèi, convoca il consiglio degli dei e tutti gli Anunnaki, al quale presenziano anche i ribelli prigionieri e gli chiede chi abbia aizzato Tiāmat provocando la guerra divina; gli Igigi gli rispondono che è stato Kingu (che era stato messo a capo dell’ orda da Tiamat), quindi conducono, legato, lo sposo di Tiamat al cospetto di Ea [v. 17/30], gli aprono le vene e viene ucciso.KINGU UCCISO DA ENKI SINOSSI SESTA TAVOLETTA ENUMA ELISHCon il sangue di Kingu Ea, nella sua saggezza, crea l’umanità addossando a quest’ultima il lavoro che prima spettava agli dèi [v. 31/34].
Vennero così creati gli uomini, una meraviglia di finezza concepita da Marduk ed eseguita da Ea/Nudimmud.

Marduk suddivide quindi gli dèi: 300 Anunnaki stabilisce nel Cielo (Marte?), 300 li organizza per far funzionare la Terra [v. 39/44].

E’ evidente che in questi passaggi i nomi delle divinità, che prima appartenevano ai pianeti, adesso descrivono dei veri e propri personaggi in carne ed ossa che compiono azioni. Ciò é percepito inizialmente nella quinta tavoletta, quando nel versetto 139 e 148, vengono nominate le “provviste quotidiane“, ma ora l’intuizione viene confermata nel momento in cui Marduk decide di creare l’ uomo.
La presenza dell’uomo però, in questo poema, è solo una vicenda di contorno, di secondaria importanza, al contrario di altre epopee come “Il Libro Perduto di Enki“, dove viene spiegato nel dettaglio i vari passaggi che Ea compie per creare l’Uomo.
Gli Dei infatti non hanno nessuno che li serva, e così vengono formati gli uomini. Secondo questo mito dunque gli uomini sono stati creati per servire gli Dei. Anche per questo la religione babilonese prevedeva che il sacerdote nel tempio offrisse per quattro volte al giorno del cibo agli Dei.

Gli Anunnaki costruiscono Babilonia: versi 45-120

Gli Anunnaki intendono mostrare riconoscenza a Marduk per averli liberati dal pericolo. Per questa ragione Marduk li invita a costruire la città di Babilonia.
Gli Anunnaki impugnano allora le zappe e per un anno fabbricano i mattoni, poi, a partire dal secondo anno, finirono l’Esagila ed eressero la grande torre a gradoni, la Ziggurat e realizzando infine i santuari per Anu, Enlil ed Ea e gli altri Dei.
Quindi, finiti tutti i lavori, i 300 Igigi del cielo e i 600 dell’Apsu si stabiliscono tutti nell’Esagila [v. 45/69].BABILONIA-ESAGILA

Marduk organizza un banchetto con i cinquanta dèi maggiori, invitandoli a permanere gioiosamente in Babilonia, la loro residenza; di rimando Anu gli costruisce un Trono Regale, sul quale Marduk si insedia e gli dèi tutti si inchinano a lui e gli conferiscono la regalità.

Nel versetto 107 per la prima volta vengono nominati “le Teste Nere“, ossia i “Sumeri, che per estensione sono tutti i terrestri.


==>> CONTINUA SINOSSI SETTIMA TAVOLETTA

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

IL PLAGIO DELLA TORRE DI BABELE

Il plagio della Torre di Babele.

Anche questo racconto della Bibbia, seppur di poche righe, contiene una traccia utile a identificare la storia Sumera.
Nella Bibbia mentre Nimrod che con il suo popolo si è stanziato nella “Valle di Shinar”, costruisce una città con la torre, “Dio” dopo aver visto ciò che gli uomini avevano creato si rende conto che essi si erano totalmente civilizzati da pensare non più come un “popolo” o come tribù, e vede in questo un pericolo.
Il Signore prende quindi una decisione ed esorta altri non precisati dei a seguirlo (?): Gensi 11,7 Orsù, scendiamo e confondiamo quivi il loro linguaggio, sicché l’uno non capisca il parlare dell’altro!’
Subito dopo questa esortazione ci viene raccontato di come il Signore confuse le loro lingue, e scacciò gli uomini in varie zone della terra.

Il corrispondente racconto sumero racconta la medesima storia, ma qui il protagonista è Marduk che, dopo il suo esilio, insieme a suo figlio Nabu si dirige nelle terre di Canaan, dove raggruppa dei seguaci si avvia in Mesopotamia dove fonda una nuova città, Babilonia nella quale costruisce una grande torre a gradini (una Ziggurat). Fu allora che En.Lil, considerandolo un affronto al suo ruolo, decide di intervenire per scacciare Marduk, e lancia un appello a suo padre Anu e a Damkina, madre di Marduk, ma entrambi gli rifiutano il loro appoggio.
Infine Enlil insieme suo figlio Ninirta rade al suolo la città e disperse il popolo di Marduk.

Al di la quindi degli epiteti e dei nomi, abbiamo gli stessi elementi che identificano il racconto biblico con quello sumero; la costruzione di una città con la torre, l’appello di un (singolare) dio ad altri dei (Ninurta, Anu e Damkina), la distruzione della torre, e la dispersione del popolo in varie terre.

==> PER VEDERE GLI ALTRI ARTICOLI CHE RIGUARDANO I PLAGI DELLA BIBBIA CLICCA SUL LINK <==

TORNA SU

Translate »
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.