Crea sito

I Sacrifici Umani di Dio

I Sacrifici Umani di Dio

I Sacrifici Umani di Dio

Oggi qualsiasi persona sana di mente e ragionevole potrebbe pensare che atti religiosi come l’immolazione di animali innocenti, per placare l’ira di un dio superiore, o un sacrificio umano, lo spargimento di sangue per il perdono degli errori, l’uccisione di massa di bambini e neonati, il genocidio di interi popoli stranieri, sono crimini abominevoli e depravati di un culto satanico e perpetrati solo dalle persone più malate e demonizzate.

Risultati immagini per sacrifici umani bibbiaQualsiasi uomo di buon senso considererebbe tutte queste pratiche raccapriccianti, il ​​picco della perversione. La maggior parte delle persone normali crederebbe che tutte le atrocità sopra elencate siano azioni di Satana stesso.

Tuttavia, è interessante notare il fatto che tutte queste pratiche orribili sono stati stabiliti dal Dio biblico nella prima religione ebraica, e costituiscono la parte centrale del giudaismo autentico e sono documentati ampiamente nella Bibbia stessa e attribuiti al Signore.

I praticanti del giudaismo credono che Yahweh è giusto, e i seguaci del cristianesimo affermano che il loro dio è un essere perfetto e infinitamente benevolo e il padre amorevole dell’uomo.
Sulle pareti delle chiese cristiane si trovano spesso placche propagandistiche che dicono “Dio è amore” o “il Signore è misericordioso“.

I cristiani in genere citano versetti della Bibbia come Giovanni 3:16 che dice “il Signore ama il mondo, che ha sacrificato il suo Figlio unigenito per la salvezza” e 1 Giovanni 4: 7-12 il cui messaggio è che “il Signore è la fonte dell’amore“.
Tuttavia, è evidente che non conoscono la Bibbia nella sua interezza, non la leggono in modo onesto e obiettivo e credono ciecamente nelle dichiarazioni ingannevoli dei loro sacerdoti e pastori che sono basate su versetti selettivi.

La Bibbia letta nella sua interezza non insegna che Yahweh è amore! Questa è solo una pia menzogna della teologia cristiana ortodossa.

La Bibbia dice chiaramente che Yahweh è un dio arrabbiato e intollerante (Salmo 78), belicoso e militarista (Es 15: 3; Ps 2: 1-12; Dt 7: 23-24), omicida (2 Re 2: 23-24), genocida (Esodo 32: 27-28; Deuteronomio 20: 11-17), insensibile e crudele (1 Samuele 15: 2-3), infido (Ezechiele 20: 25-26 ), infanticida (Sal 135: 8; 137 : 9; Esodo 12:29) e intossicato dalla sua concupiscenza per il sanguinoso sacrificio (Levitico 1: 5-9).

La Bibbia chiarisce che il dio degli ebrei non è un dio di amore ma un tiranno violento, sanguinario e spietato.

Lo disse anche Gesù, quando i Farisei lo accusavano di adorare il Diavolo:
Giovanni 8:39 … “Il nostro padre è Abramo”. … 41 “noi abbiamo un solo Padre, Dio (Yahweh)!”…. 48 “Non diciamo con ragione noi che sei un Samaritano e hai un demonio?”.
42 Disse loro Gesù: “Se Dio fosse vostro Padre, certo mi amereste… 44 voi che avete per padre (Yahweh) il diavolo, e volete compiere i desideri del padre vostro. Egli è stato omicida fin da principio e non ha perseverato nella verità, perché non vi è verità in lui. Quando dice il falso, parla del suo, perché è menzognero e padre della menzogna.

Se qualcuno crede ancora che la divinità giudeo-cristiana sia un’entità benevola e amorevole, allora si sta imbrogliando, ha inghiottito una menzogna professionale e non è onesto a livello intellettuale.

La stessa Bibbia rivela che Yahweh è un vero demone!

La verità è che l’immoralità e la crudeltà del Dio biblico non conoscono limiti.
Lontano dalla fantasia dei piccoli pastori e teologi evangelici che pensano che il loro dio è l’epitome di amore e gentilezza, il Signore Yahweh è in realtà un dio guerrafondaio e tirannico, con una sete insaziabile di conquista.

Non solo gode nell’invadere territori stranieri, ma arraffa sadicamente anche molte prede grazie alle vittime del suo popolo eletto. Secondo la Bibbia, il Signore comanda gli israeliti, non solo di uccidere i guerrieri uomini dei villaggi circostanti, ma anche di massacrare spietatamente donne disarmate, indifesi anziani, bambini piccoli e anche i neonati (1 Samuele 15: 2-3; Deuteronomio 2: 33-34; 07:16; 13:15; Giosuè 6:21; Ezechiele 9: 5-7; Isaia 13: 15-18).

Immagine correlataIn aggiunta, lo stesso dio demone e depravato, consiglia ai suoi eletti che, nel momento in cui abbiano conquistato un popolo e ucciso tutti i ragazzi e immolate tutte le donne “deflorate“, essi, per legge di Dio, devono prendere per se stessi tutte le ragazze vergini, come se fossero stivali da guerra (Numeri 31: 17-18).

Yahweh permette ai suoi guerrieri ebrei di rapire e violentare le vergini straniere.

A peggiorare le cose, il dio degli ebrei è un sionista militarista originale, poiché il suo piano per il suo popolo ebraico è sempre stato il dominio del mondo ebraico e la conquista di tutte le nazioni gentili della terra:
Salmo 2: 8 “Chiedi a me, ti darò in possesso le genti e in dominio i confini della terra. 9Le spezzerai con scettro di ferro, come vasi di argilla le frantumerai”.

In breve, la divinità giudeo-cristiana Yahweh è, secondo la Bibbia, un’entità belligerante che gode dell’uccisione di innocenti e addirittura esige l’uccisione di bambini piccoli e neonati.

Che tipo di mostro potrebbe chiedere l’uccisione di un bambino innocente e indifeso?

Se alcuni di voi credono ancora che un infanticida degenerato come Yahweh sia un dio d’amore e degno di lode, allora non avete onestà e vi dico che avete sacrificato la vostra umanità per una menzogna flagrante.

Qualunque persona civile sa che il sacrificio della vita innocente è totalmente immorale. Infatti, per la maggior parte delle persone il massacro rituale degli esseri viventi è una pratica che è associata alle sette sataniche del nostro tempo.

Tuttavia, troppe persone hanno dimenticato che il sacrificio animale è sempre stata la questione centrale e il nucleo essenziale dell’ebraismo biblico.
La verità è che il culto di Yahweh è caratterizzato dalla continua immolazione di creature come pecore e buoi. Nei templi di Yahweh il sacrificio animale veniva offerto ogni giorno per placare la sua rabbia ardente ed espiare la trasgressione della legge mosaica.

Nel giudaismo antico sono stati eseguiti almeno cinque diversi tipi di pratiche sacrificali:

I Sacrifici Umani di Dio1) Olocausto: un “olocausto perenne” di animali (maschi senza difetti) presso l’altare del tempio e il tabernacolo, al momento di preghiera, allo scopo di lodare Yahweh e mostrargli amore e devozione (Numeri 28/29 – Levitico 1);

2) Oblazione di cibo: usata in ambito secolare, per esempio quando si portava un dono ad un sovrano, o quando si voleva onorare (per rispetto o timore) qualcuno. Era un atto di dedicazione e consacrazione a Dio come Salvatore e garante del patto. Era simbolo di ringraziamento e obbedienza (Levitico 2 – Numeri 28/29)

3) Sacrificio di Ringraziamento: (maschi o femmine senza difetti) era un’offerta di pace, un occasione per essere gioiosi di fronte a Dio (a dire dei credenti). Un sacrificio di festa il cui scopo era ringraziare la presunta grazia e la misericordia del Dio d’Israele
Ad un atto di benedizione di Dio l’uomo rispondeva con un sacrificio di ringraziamento/pace (Levitico 3)

4) Sacrificio per il peccato: (giovenco senza difetto) era un’offerta di espiazione, una pratica sacrificale particolarmente sanguinosa in cui il peccatore immolava un animale del suo bestiame sull’altare del Signore per il perdono dei suoi peccati o la trasgressione di uno dei comandamenti o delle leggi che riguardano Dio (Levitico 4)

5) Riparazione per la Trasgressione: (pecora o capra femmina) se qualcuno peccava contro qualcosa di santo che apparteneva a Dio, o dava una falsa testimonianza, commetteva un furto, o un inganno, ecc… , doveva sacrificare una pecorella e una capretta per avere il perdono (Levitico 5)!

Non sarebbe un’esagerazione se dicessimo che il continuo spargimento di sangue in modo rituale era il fondamento della religione ebraica biblica.

Infatti, la Bibbia spiega apertamente che Yahweh si compiace dei sacrifici sanguinosi e macabri (Genesi 8: 20-21, Levitico 1: 5-9, Numeri 18: 17-19). È come se fosse affascinato dall’immolazione della vita innocente.
È evidente che il dio degli ebrei è un’entità carnivora e di natura predatoria poiché nella Genesi rifiuta l’offerta vegetale di Caino e si diletta nel sacrificio animale di Abele (Genesi 4: 3-5).

Inoltre, a volte le immolazioni rituali jehovitiche divennero enormi ecatombe.
Il Primo Libro dei Re racconta che il re Salomone e il suo sacerdozio regale jehovítico hanno ucciso più di 22.000 bovini e 120.000 pecore nel tempio del Signore in un periodo di due settimane (1 Re 8: 62-64).

Il dio ebraico ha sempre avuto sete di sangue immolato!

Tuttavia, a prescindere dal fatto che il sacrificio di animali per lavare via i peccati è qualcosa di totalmente immorale e abominevole, pochissime persone sanno che uno dei segreti inquietante della Bibbia è che Dio (Yahweh) a volte chiedeva e accettava il sacrificio degli umani .

In Esodo, il secondo libro del Pentateuco, abbiamo trovato alcuni riferimenti agghiaccianti riguardanti la pratica dell’infanticidio rituale ordinato da Yahweh stesso, in cui i fedeli hanno dovuto sacrificare i loro figli primogeniti come offerta al loro signore, proprio come fanno per i primogeniti del loro bestiame, al fine di commemorare l’uccisione dei primogeniti maschi in Egitto: 

Esodo 13: 1 Il Signore disse a Mosè: 2″Consacrami ogni primogenito, il primo parto di ogni madre tra gli Israeliti – di uomini o di animali -: esso appartiene a me”.; … anche 12-15.

In Levitico, lo stesso dio sanguinario spiega che nessun uomo, animale o di un campo in possesso di proprietà di un Ebreo che è stato consacrato a lui possono essere salvati,

ma sicuramente muoiono senza remissione:

Levitico 27: 28 Nondimeno quanto uno avrà consacrato al Signore con voto di sterminio, fra le cose che gli appartengono: persona, animale o pezzo di terra del suo patrimonio, non potrà essere né venduto né riscattato; ogni cosa votata allo sterminio è cosa santissima, riservata al Signore. 29 Nessuna persona votata allo sterminio potrà essere riscattata; dovrà essere messa a morte.

Nel primo libro dei Re, vediamo di come Yahweh chiede l’immolazione della vita dei figli degli Ebrei per la santificazione delle città, al momento della sua ricostruzione. Questi versetti dicono che Chiel di Betel ricostruì Gèrico, ed esso ricevette il castigo annunziato da Giosuè 6:26 .. “Maledetto davanti al Signore l’uomo che si alzerà e ricostruirà questa città di Gèrico! Sul suo primogenito ne getterà le fondamenta e sul figlio minore ne erigerà le porte!”
e così fù…
1 Re 16: 34 “Nei suoi giorni Chiel di Betel ricostruì Gèrico; gettò le fondamenta sopra Abiram suo primogenito e ne innalzò le porte sopra Segub suo ultimogenito …”

Risultati immagini per palestina ossa bambini mura

L’archeologia biblica rivela, che questa pratica barbara di seppellire i corpi dei bambini sacrificati nelle fondamenta degli edifici, era molto comune nelle regioni di Megiddo, Gerico e Guerer in Palestina (B.A. Turaiev, ‘The East classica’).

L’esempio più spaventoso della pratica di sacrificio umano si trova nel libro dei Giudici, in cui l’Israelita Jefte, dopo essere stato istigato dallo spirito del Signore, fece voto a Yahweh promettendo di sacrificare in olocausto la prima persona che lasciare la propria casa, in cambio della vittoria nella guerra contro i nemici di Israele

Giudici 11:30 Iefte fece voto al Signore e disse: “Se tu mi metti nelle mani gli Ammoniti, 31la persona che uscirà per prima dalle porte di casa mia per venirmi incontro, quando tornerò vittorioso dagli Ammoniti, sarà per il Signore e io l’offrirò in olocausto”.

Yahweh adempì alla sua promessa e Iefte tornò alla sua casa vittoriosa. Tuttavia, purtroppo la prima persona che ha lasciato la sua casa non era altro che la sua amata figlia, e il povero Jefte fù stato costretto ad offrirla in olocausto al suo dio depravato (Giudici 11: 34-40).

La verità è che uno studio approfondito della Bibbia ebraica rivelerà che il sacrificio umano era un’usanza comune nel culto ebraico originale.
Questa orribile rivelazione non dovrebbe sorprendere gli studiosi che hanno una buona comprensione della storia della regione della Palestina.

Studi archeologici dimostrano che anche nel 2′ millennio aC la divinità semitica El, il re del pantheon levantina e precursore di El-Yahweh della Bibbia, era un dio associato a rituali di sacrifici umani, e il cui culto è stato caratterizzato dall’olocausto del primogenito (Olyan Saul, 1988).
Lo stesso culto sacrificale continuerà tra gli ebrei nel giudaismo primitivo (Smith, 2002).

Vediamo che il sacrificio cruento sia animale che umano, è sempre stato saldamente radicato nella religione jehovítica originale.

I Sacrifici Umani di DioÈ più probabile che Yahweh non solo abbia goduto dei sacrifici per il proprio divertimento, ma abbia anche avuto bisogno di nutrire la sua energia a livello astrale.

Ricorda che nel corso della storia alcune scuole esoteriche, come quello gnostico, insegnano che il male Yaldabaoth, demiurgo associato al Dio ebraico Yahweh ed i suoi predatori Arconti, si nutrono della sofferenza umana e l’energia viene trasferita attraverso i culti religiosi demiurgici.

Gli ebrei e i cristiani hanno fatto tutto il possibile per nascondere questo segreto vergognoso della proprio religione, e inventano qualsiasi scusa e menzogna pur di convincerci che non ci sono sacrifici umani nelle Sacre Scritture, e garantiscono invece che tutti i versetti biblici citati qui, ad esempio, sono “fraintesi”!

… anche se diversi passaggi della Bibbia stessa affermano chiaramente che ci sono stati molti sacrifici umani ordinati da Yahweh e persino descritti con dei raccapriccianti dettagli.

Gli apologeti nelle chiese citano spesso la Bibbia in modo selettivo e quindi i loro ministeri sono ingannevoli.
Sono disposti a dire qualsiasi cosa per giustificare il comportamento malvagio del loro dio misantropo. Impiegano tutti i loro sforzi per difendere qualcosa che è completamente immorale, e lo presentano come qualcosa di morale e giusto. Così hanno solo sacrificato la propria umanità e il loro comportamento è alquanto vergognoso!

Ma il suo orrore non finisce qui;

oltre alle sue orrende richieste, Yahweh mente al suo popolo istigandolo ad offrirgli sacrifici infanticidi, solo perchè non avevano adempiuto alle sue leggi, ma fatto l’orribile atto, Dio non li perdona lo stesso!

Ezechiele 20:25 Allora io diedi loro perfino statuti non buoni e leggi per le quali non potevano vivere. 26 Feci sì che si contaminassero nelle loro offerte facendo passare per il fuoco ogni loro primogenito, per atterrirli, perché riconoscessero che io sono il Signore.

Come sappiamo già, la frase biblica di “passare per il fuoco ogni loro primogenito” è un riferimento all’olocausto dei bambini, un tipo di sacrificio in cui la vittima viene completamente bruciata e offerta al Signore. …. Tale è la contorta moralità del malvagio Dio degli ebrei!

Molte persone ingenue considerano la cultura giudeo-cristiana una fonte di sani valori morali.

Queste persone difendono la Bibbia per ragioni etiche.
Nelle società occidentali siamo condizionati a credere che le cosiddette Sacre Scritture sono un manuale per raggiungere la santità.

Tuttavia, una volta pienamente compresa la legge biblica, che il Signore ha rivelato a Mosè sul monte Sinai, comprendiamo che non è in alcun modo un codice morale autentico, ma piuttosto un manifesto politico, quasi il cui vero scopo è la giustificazione per la dittatura tirannica del despota cosmico Yahweh.

10 comandamentiLa Legge mosaica sembra essere un manuale etico a prima vista, ma in realtà non tenta di stabilire un sistema morale autentico e coerente, ma cerca solo di giustificare le discutibili usanze del culto Jehovitico. La moralità di Yahweh non ha coerenza.

Ad esempio come 5′ comandamento dice di “Non Uccidere“, ma allo stesso tempo ordina genocidi a destra e a manca; o il decimo “Non desiderare la roba d’altri“, e ordina di continuo di andare e conquistare territori, persone e cose.

La verità è che la legge biblica è solo una tortura sadica per l’uomo.

Questo presunto “padre amorevole” richiede inoltre, di lapidare a morte chiunque accendi una fiamma o raccolga un legno nel giorno del sabato, il giorno sacro del Signore (Esodo 31: 12-15; Numeri 15: 32-36);
ed inoltre richiede ai credenti di uccidere i loro parenti e/o amici, se essi lasciare il culto di Yahweh e seguono altri percorsi spirituali (Deuteronomio 13: 6-10).

Allo stesso modo, la teologia del Nuovo Testamento insegna che tutti coloro che non seguono la religione barbara di Dio, e del suo presunto figlio Gesù, saranno processati e bruciati in un lago di fuoco (Apocalisse 20: 10-14; Giovanni 8:24; 2 Tessalonicesi 1 : 8-9; 2: 11-12 ).
Yahweh non è un dio benevolo ma un mostro aberrante, e il suo dannato libro sacro non è altro che uno strumento malvagio per la distruzione dell’umanità!

Oltre ad essere un soggetto estremamente malvagio con un carattere sadico, il Dio ebraico Yahweh è anche un avversario che ha sempre opposto l’illuminazione dell’uomo.

La storia del Giardino dell’Eden nel Libro della Genesi inizia con una proibizione del frutto dell’Albero della Conoscenza (Genesi 2:17).

Nel terzo capitolo il Signore mente sul fatto che se Adamo avesse mangiato il Frutto, sarebbe sicuramente morto, cosa che, come tutti sappiamo, non accade! Infatti il Serpente dice all’uomo che “Dio sa che quando voi ne mangiaste, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio (Genesi 3: 4-22), e verrà confermato da Dio stesso nel ventiduesimo versetto “Ecco
l’uomo è diventato come uno di noi, per la conoscenza del bene e del male.

Chiaramente il Signore non ha mai voluto che l’uomo si svegliasse e apprendesse la stessa conoscenza degli esseri divini; egli voleva mantenere l’uomo come uno schiavo ignorante nel suo santuario terreno.

La politica dell’oscurantismo di Yahweh non finisce qui.

La Legge mosaica proibisce qualsiasi tipo di conoscenza spirituale dalla magia e dalla divinazione alla comunicazione con spiriti familiari o entità interdimensionali (Levitico 19:26, 19:31, Deuteronomio 18: 10-12).

Perché Yahweh teme così queste pratiche, tanto da proibire ai popoli di comunicare con esseri interdimensionali?
La risposta è che Yahweh temeva che gli uomini potessero avere un contatto con i loro dei ancestrali e che quindi conoscessero la verità sulla sua autentica identità.

Ironia della sorte il Libro di Enoch, un testo apocrifo di notevole importanza nel giudaismo del Secondo Tempio, rivela che le arti e le tecniche di divinazione magiche sono radicate in cielo, e sono state insegnate alle figlie degli uomini e degli angeli, i quali avevano “tradito” dio per essersi uniti con le umane (Enoc 7: 1, 8: 3).
Gli angeli del Signore poi accusano gli angeli ribelli di aver rivelato agli uomini i “segreti del mondo che si compiono nei cieli” (Enoc 9: 6).

Risultati immagini per libro di enochDio, per tutta risposta, manda il Diluvio.

Allo stesso modo durante l’episodio della Torre di Babele, in Genesi 11, il Signore si spaventa del sorprendente progresso spirituale degli uomini, la cui torre (allegoricamente) è in procinto di raggiungere il cielo. Dio ammette con i suoi compagni divini, gli altri Dei Elohim, che nulla sarà in grado di fermarli (Genesi 11: 6).
Qui Yahweh teme che l’uomo raggiunga il regno divino e diventi un rivale. Così lui e i suoi scagnozzi celesti scendono sulla terra e confondono il linguaggio (spirituale) dell’umanità.

Questo è molto interessante dal momento che alcuni dei più antichi testi sumeri, su cui si basano molti dei racconti biblici, dicono che il più alto dio in cielo si oppose alla rivelazione della scienza del disegno del cielo e della terra all’uomo (Legend of Adapa).
La verità è che Yahweh è sempre stato contro l’illuminazione dell’umanità e quindi deve essere considerato il nemico della nostra razza.

In breve, lontano dalle fantasie di pastori evangelici e le loro vittime ingannate, il Dio della Bibbia non è il nostro padre amorevole, ma un incubo del male per l’umanità.

Può essere solo il vero diavolo.

Apologisti cristiani che hanno qualsiasi scusa per giustificare il loro dio, ignorano l’infinità di versetti biblici che raccontano il male del Signore.
Fantasticano sul fatto che questa divinità giudeo-cristiana è perfetta, benevola e infinitamente amorevole, ma a dir mio sono in malafede e ingannano solamente loro stessi. Sono caduti nella trappola dell’inversione accusatoria e ingannevole della religione sionista di Yahweh.

Anche se la Bibbia stessa è molto chiara e ne fa testimonianza sul fatto che il Signore Yahweh, ha tutti gli attributi di una entità demoniaca. La maggior parte delle persone ancora ingenuamente crede che il serpente della saggezza è il nemico dell’umanità.
In realtà, il serpente dell’Eden, il grande “Ushumgal di Eridu” e il nostro benevolo Enki; è il vero sostenitore e benefattore della razza umana e si è ribellato contro la tirannia e crudeltà del malvagio Lord Enlil per giusta causa. ….. ma questa è un’altra storia!


LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

fonte: https://www.enkiptahsatya.com

Gesù, capro espiatorio di Dio

Gesù, capro espiatorio di Dio


Un Dio crudele?

Gesù, capro espiatorio di Diodi José Maria Castillo
Gli scritti del Nuovo Testamento insistono nel sostenere che nella morte di Gesù «apparvero la bontà di Dio, salvatore nostro, e il suo amore per gli uomini» e anche che «È apparsa infatti la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini».
Per le comunità primitive, «Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito» . Da questo punto di vista, la vita, la Passione, la morte e la risurrezione di Gesù il Cristo sono la manifestazione dell’amore di Dio che ci viene incontro per redimerci o per liberare l’umanità. Lo professa il Concilio di Trento, affermando che l’autore della nostra redenzione è «Dio misericordioso»­.Risultati immagini per dio misericordiosoE tuttavia, pur essendo questo concetto espresso così chiaramente nei primi scritti del cristianesimo, è necessario riconoscere che questo modo ragionevole e persino attraente di intendere Dio non è giunto negli stessi termini fino a noi.
La teologia successiva si preoccupò infatti di deformare le cose. E lo fece subito.
Primo, perché i concetti di “sacrificio” ed “espiazione” si prestavano a essere interpretati nel modo più “tradizionale”,­ nel senso peggiore di queste parole, cioè come vennero intesi i sacrifici e le espiazioni nelle religioni antiche, senza tenere conto della radicale trasformazione del concetto stesso di “sacrificio” che il Nuovo Testamento introduce.
Ma soprattutto perché, con il passare del tempo, nella teologia cristiana prese forza l’idea secondo la quale la morte di Gesù fu la «soddisfazione»­ che Dio esigeva e di cui aveva bisogno per poter perdonare i peccati dell’umanità. In questo modo, alla teologia del sacrificio e dell’espiazion­e si venne a sommare la teoria della soddisfazione­. Per cui la violenza del peccato si accanì tanto contro l’immagine di Dio che, a pensarci, risulta quasi incomprensibile­ che la gente non veda in un simile Dio un essere assolutamente intollerabile.
L’idea della morte di Cristo come «soddisfazione»­ per i nostri peccati non è contenuta nel Nuovo Testamento. Compare, per la prima volta, in Tertulliano (sec. III) e poi in Ambrogio di Milano (sec. IV).
Risultati immagini per Anselmo di CanterburyMa fu Anselmo di Canterbury (sec. XI) a elaborare questa teoria così come è giunta fino a noi e come la si suole predicare al popolo cristiano.
Anselmo volle dimostrare che l’incarnazione di Dio in Cristo fu assolutamente necessaria. Per questo scrisse il suo libro «Cur Deus homo» (titolo che, tradotto alla lettera, significa: «Perché Dio si è fatto uomo»).
Il suo argomento parte dalla teoria del diritto romano riguardo la «soddisfazione»­.
Secondo questa teoria chi commette un’offesa deve rendere la dovuta soddisfazione all’offeso. Ma la gravità dell’offesa si misura in base alla dignità dell’offeso.
Ebbene, nel caso del peccato, poiché l’offeso è Dio (che ha dignità infinita), l’offesa è di una gravità infinita. E, pertanto, la soddisfazione richiesta, in questo caso, deve essere ugualmente infinita. Cosa che, come è logico, solo chi sia al tempo stesso Dio e uomo può offrire. Deve essere uomo per dare una soddisfazione umana. E deve essere Dio per offrire una soddisfazione di valore infinito.
Da qui, la necessità assoluta dell’incarnazio­ne di Dio.
Naturalmente la prima difficoltà che viene in mente a chiunque, in relazione a questa argomentazione,­ è che con essa si pretende di interpretare Dio e il disegno divino secondo una mentalità puramente giuridica. Di modo che i rapporti dell’uomo con suo Padre-Dio (rapporti di amore e di misericordia) sono regolati esclusivamente secondo l’ordine giuridico e legalista che codifica le relazioni più materiali (forse puramente “mondane”) di una società umana. Ciò appare subito come un’autentica assurdità.

Ma la questione non finisce qui. Anselmo di Canterbury, seguendo la logica del suo ragionamento, presenta Dio offeso in modo tale che «la collera divina altro non è che la sua volontà di castigare». Si tratta, dunque, di un Dio collerico e punitore.
E l’aspetto più grave è che fa ricadere il castigo sul suo stesso Figlio. Una punizione crudele, che consiste niente meno che nell’ordine che il Padre impone al Figlio di accettare la morte.
Si può addirittura affermare che il Padre spinse il Figlio a morire, lo trascinò a morire.
Lo stesso Anselmo si rende conto della barbarie che ciò rappresenta. Ecco perché afferma, senza esitazione, che «desta meraviglia che Dio goda e abbia bisogno del sangue di un innocente e che non voglia o non possa perdonare al colpevole senza la morte di un innocente».
Ma è lo stesso Anselmo a trovare la risposta. Tutto si risolve dal momento che, a giudizio di questo autore, comprendiamo in che cosa consiste il peccato. Peccare è «togliere a Dio l’onore che gli è dovuto». E chi lo fa non trova il suo scioglimento nemmeno nella misericordia divina, perché è estremamente sconveniente (valde inconveniens videtur), per una ragione che provoca in chiunque una sensazione di terrore, ma che Anselmo vede invece come la cosa più ragionevole: «Nessuno ha il diritto di vendicarsi se non colui che è il Signore di tutti».
L’argomentazion­e è tanto chiara quanto patetica. Dio è una sorta di signore feudale. Un signore che non sembra un Padre. Non segue gli impulsi della bontà e della misericordia. Un signore a cui interessa soltanto il proprio onore. E a chi osa privarlo di questo onore non resta altra via d’uscita che la morte.
Gesù, capro espiatorio di DioFu così che a morire quale “capro espiatorio” perché potessimo sfuggire al peccato e ai suoi castighi infernali fu il Figlio di Dio. Cioè Dio decise la morte di suo Figlio per salvaguardare e assicurare così il suo onore. Per cui la nostra salvezza fu in realtà un regolamento di conti” tra Dio e Dio, perché restasse intatto l’onore e la dignità dello stesso Dio.
Questa è l’esemplarità che noi mortali possiamo trovare in Dio, nel Dio giustiziere, crudele e vendicativo che ci presenta la teologia della “soddisfazione vicaria”, in virtù della quale Gesù ci salvò dai nostri peccati.
Senza alcun dubbio, Anselmo non si rese conto del danno che causava all’immagine santa e buona del Dio Padre di nostro Signore Gesù, come lo stesso Gesù ce lo rivela nel Vangelo.
——————————————
fonte: http://gruppodelguado.blogspot.com/2013/05/un-dio-crudele.html

Perché Dio odia le donne. La Misoginia nella Bibbia.

Perché Dio odia le donne. La Misoginia nella Bibbia. 

Risultati immagini per donne maltrattate

Dio odia le donne, di questo non c’è dubbio.
Dallo stesso momento in cui Dio decide di creare la donna, inizia il lungo, doloroso e degradante percorso della donna attraverso le linee della Bibbia.

Il Pentateuco ha centinaia di versi che offendono direttamente il genere femminile. 

Qui nomineremo il più noto e influente:

Genesi 2

21 Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una
delle costole e rinchiuse la carne al suo posto. 22 Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse all’uomo. 23 Allora l’uomo disse:
“Questa volta essa è carne dalla mia carne e osso dalle mie ossa. La si chiamerà donna perché dall’uomo è stata tolta”.

Come vediamo, la donna non è più che un “pezzo” del corpo dell’uomo. Un pezzo di lui. Qui viene creato un simbolismo implicito che lega le donne agli uomini come dipendenti da loro. Come “sei un pezzo di me”, sei “Mio”, di “me” proprietà. Un oggetto di mio possesso.


Genesi 3

16 Alla donna disse: “Moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze, con dolore partorirai figli. Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ma egli ti dominerà”.

Ingiustamente Dio condanna la donna a soffrire di dolore fisico a causa del suo “errore” di mettere in discussione i comandi divini, ossia di non prendere il frutto proibito. La donna soffrirà di dolori del parto, ma l’uomo non impone alcuna sofferenza fisica, a parte il sudore per procurarsi il cibo. In questo modo la donna perde l’opzione di “nascite senza dolore”!

E, naturalmente, “Verso tuo marito sarà il tuo istinto, ma egli ti dominerà “, inoltre punisce la donna legando il suo desiderio all’uomo e sottoponendola al mandato e alle disposizioni maschili. La donna non ha scelte da sola, è l’uomo che decide per lei. Altre versioni bibliche dicono l’espressione “e il tuo desiderio sarà per tuo marito” o “La tua volontà sarà soggetta a quella di tuo marito”. Quando esce la prima donna dell’Eden, lei ha già sulle sue spalle la balla del maschilismo che sarà ereditata anche dalle donne di oggi.


Genesi 17:10

10 Questa è la mia alleanza che dovete osservare, alleanza tra me e voi e la tuadiscendenza dopo di te: sia circonciso tra di voi ogni maschio.

Come vediamo, qui Dio stabilisce un’alleanza con l’uomo attraverso il sanguinoso rito della circoncisione . Non c’è patto tra Dio e la donna. Ovviamente non ci può essere, la donna è subordinata all’uomo per essere un pezzo di lui. Non ha gli stessi diritti. 

Altre religioni come l’Islam eseguono una carneficina simile alla circoncisione ebraica: l’orribile “ablazione femminile” a cui le ragazze vengono rimosse il clitoride e le piccole labbra. Tutto ciò con l’intenzione di non sentire il desiderio sessuale come l’uomo. Questo viene fatto su una pietra senza la minima asepsi e molte ragazze innocenti muoiono per infezione e setticemia. Quelle che sopravvivono sono condannate a una vita sessuale frustrante e senza desiderio o divertimento. Ecco come sono gli Dei … odiano le donne.


Genesi 19

1 I due angeli arrivarono a Sòdoma sul far della sera, mentre Lot stava seduto alla porta di Sòdoma … 2 E disse: “Miei signori, venite in casa del vostro servo … 4 Non si erano ancora coricati, quand’ecco gli uomini della città, … si affollarono intorno alla casa, …
5 Chiamarono Lot e gli dissero: “Dove sono quegli uomini che sono entrati da te questa notte? Falli uscire da noi, perché possiamo abusarne!”. 6 Lot uscì verso di loro sulla porta … 7 e disse: “No, fratelli miei, non fate del male! 8 Sentite, io ho due figlie che non hanno ancora
conosciuto uomo; lasciate che ve le porti fuori e fate loro quel che vi piace, purché non facciate nulla a questi uomini, …

Lot, meraviglioso servitore di Dio che, quando gli abitanti di Sodoma e Gomorra intendono “abusare” dei due angeli, offre (gentilmente) le sue due figlie vergini per essere violentate. Molto affettuoso questo padre. 

Perché non è stato offerto uno dei tuoi figli maschi? … Nooo, meglio le figlie! Perchè sono inferiori!


Esodo 20:17

17 Non desiderare la casa del tuo prossimo. Non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo”.

In questo grande comandamento biblico, la donna è qualificata come oggetto di proprietà dell’uomo, anche al di sotto di una casa e di uno schiavo, e allo stesso livello degli animali della fattoria.        ….. Questo non è sorprendente?!


Esodo 13

13 Riscatterai ogni primo parto dell’asino mediante un capo di bestiame minuto; … Riscatterai ogni primogenito dell’uomo tra i tuoi figli

Esodo 34

19 Ogni essere che nasce per primo dal seno materno è mio: ogni tuo capo di bestiame maschio,… 20 … Ogni primogenito dei tuoi figli lo dovrai riscattare.
Nessuno venga davanti a me a mani vuote.

In questi due versi, la preferenza di Dio per i “maschi” è più che ovvia. Bisogna offrire a Dio il primogenito “Maschio” … le femmine no. Dio non li vuole!


Esodo 21

7 Quando un uomo venderà la figlia come schiava, essa non se ne andrà come se ne vanno gli schiavi. 8 Se essa non piace al padrone, che così non se la prende come concubina, la farà riscattare. ….  9 Se egli la vuol dare come concubina al proprio figlio, si comporterà nei suoi riguardi secondo il diritto delle figlie. 10 Se egli ne prende un’altra per sé, non diminuirà alla prima il nutrimento, il vestiario, la coabitazione. 

Capisci caro lettore che crede “all’amico”? Il verso non solo appoggia e sostiene la schiavitù e la vendita delle donne, ma ella deve sottostare alle regole dei maschi… e di Dio! Nessuna libera scelta!


Esodo 22

15 Quando un uomo seduce una vergine non ancora fidanzata e pecca con lei, ne pagherà la dote nuziale ed essa diverrà sua moglie. 16 Se il padre di lei si rifiuta di dargliela, egli dovrà versare una somma di denaro pari alla dote nuziale delle vergini.

È incredibile Se qualcuno imbroglia una ragazza vergine e fa sesso con lei … Dio la costringe a sposarsi !, senza tener conto dei loro desideri o del loro consenso. (Questo vale anche per le donne che vengono violentate?), Ma se il proprietario (scusate, suo padre) non vuole darla a lui, allora viene trattata come l’ennesima merce, e procede a pagare in denaro. Umiliazione più impossibile.


Esodo 22

17 Non lascerai vivere colei che pratica la magìa.

Immagine correlataCOLEI!!… ovviamente!! Un “COLUI” non potrebbe mai praticare la Magia secondo il nostro amorevole Dio! …. quindi…. uccidiamola!


Levitico 12

2 Quando una donna sarà rimasta incinta e darà alla luce un maschio, sarà immonda per sette giorni; …. 3 L’ottavo giorno si circonciderà il bambino. 4 Poi essa resterà ancora trentatré giorni a purificarsi dal suo sangue; …. 5 Ma, se partorisce una femmina sarà immonda due settimane …; resterà sessantasei giorni a purificarsi del suo sangue. 7 Questa è la legge relativa alla donna, che partorisce un maschio o una femmina … 

Ecco un altra aberrazione di Dio. Se una donna dà alla luce un maschio, ella sarà impura solo sette giorni e trascorrerà 30 giorni di purificazione … perooooo, se si dà alla luce una bambina E ‘sporca due volte!, Vale a dire, due settimane impura e dovrà purificarsi per più di due mesi. L’odio e l’avversione di Dio al genere femminile è così evidente che qui mette anche dei paletti. Lui odia le donne il doppio degli uomini. 


Levitico 15:19

19 Quando una donna abbia flusso di sangue, cioè il flusso nel suo corpo, la sua immondezza durerà sette giorni; chiunque la toccherà sarà immondo fino alla sera. 20 Ogni giaciglio sul quale si sarà messa a dormire durante la sua immondezza sarà immondo; ogni mobile sul quale si sarà seduta sarà immondo. 21 Chiunque toccherà il suo giaciglio, dovrà lavarsi le vesti, bagnarsi nell’acqua e sarà immondo fino alla sera. 22 Chi toccherà qualunque mobile sul quale essa si sarà seduta, dovrà lavarsi le vesti, bagnarsi nell’acqua e sarà immondo fino alla sera. 23 Se l’uomo si trova sul giaciglio o sul mobile mentre essa vi siede, per tale contatto sarà immondo fino alla sera. 24 Se un uomo ha rapporto intimo con essa, l’immondezza di lei lo contamina: egli sarà immondo per sette giorni e ogni giaciglio sul quale si coricherà sarà immondo.

Perché Dio odia le donne. La Misoginia nella Bibbia.In questi versetti Dio discrimina le donne per avere una normale funzione fisiologica (le mestruazioni), che in teoria questa funzione è stata data alle donne da Dio stesso. In breve, per fare una cosa normale che Dio stesso ha imposto alle donne quando l’ha creata … la donna è sporca, … e a parte questo, qualunque mobile o giaciglio o sedia ella tocca sarà “immonda”…. quindi GUAI a toccare uno di questi oggetti o a giacere col lei… perchè sarai “immondo” anche tu, e dovrai lavarti per bene!!

Levitico 18:19

19 Non ti accosterai a donna per scoprire la sua nudità durante l’immondezza mestruale.

Può essere più arcaico e irrazionale?


Levitico 19:20

20 Se un uomo ha rapporti con donna che sia una schiava sposata ad altro uomo, ma non riscattata o affrancata, saranno tutti e due puniti; ma non messi a morte, perché essa non è libera.

Se qualcuno dorme con una donna che è schiava di un altro … saranno entrambi frustati; ma la donna non sarà libera. Non solo giustificano la schiavitù della donna, ma la privano della libertà mentre l’uomo viene liberato.


Levitico 21: 9

9 Se la figlia di un sacerdote si disonora prostituendosi, disonora suo padre; sarà arsa con il fuoco.

Se la figlia di un prete disonora suo padre … finirà in un barbecue. 


Levitico 27,1-7

1 Il Signore disse ancora a Mosè: 2 “Parla agli Israeliti e riferisci loro: Quando uno deve soddisfare un voto, per la stima che dovrai fare delle persone votate al Signore, 3 la tua stima sarà: per un maschio dai venti ai sessant’anni, cinquanta sicli d’argento, secondo il siclo del santuario; 4 invece per una donna, la tua stima sarà di trenta sicli. 5 Dai cinque ai venti anni, la tua stima sarà di venti sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina. 6 Da un mese a cinque anni, la tua stima sarà di cinque sicli d’argento per un maschio e di tre sicli d’argento per una femmina. 7 Dai sessant’anni in su, la tua stima sarà di quindici sicli per un maschio e di dieci sicli per una femmina

Qui vediamo come Dio, senza vergogna, attribuisce un valore all’uomo e un valore alla donna. (che già questo è ripugnante!) Non ci sono dubbi … spiegato con numeri e figure, l’uomo è più prezioso della donna. Le donne valgono il 40% in meno degli uomini. E la differenza è del 50% se la tua età è compresa tra cinque e venti anni. Non c’è dubbio: la donna vale meno di un uomo!


Numeri 30:13

14 Il marito può ratificare e il marito può annullare qualunque voto e qualunque giuramento, per il quale essa sia obbligata a mortificarsi.

Questa è una legge mosaica che consente all’uomo di confermare o annullare i voti matrimoniali. In altre parole, l’uomo decide quando annullare un matrimonio. La donna non ha il diritto di decidere nulla. In realtà, l’intero capitolo 30 di Numeri è dedicato a questo privilegio dell’uomo (marito o padre) di annullare il suo matrimonio.


Numeri 31,14-18

14 Mosè si adirò contro i comandanti dell’esercito, … che tornavano da quella spedizione di guerra. 15 Mosè disse loro: “Avete lasciato in vita tutte le femmine? ….  17 Ora uccidete ogni maschio tra i fanciulli e uccidete ogni donna che si è unita con un uomo; 18 ma tutte le fanciulle che non si sono unite con uomini, conservatele in vita per voi.

Questo è uno dei frammenti biblici più aberranti e mostruosi che ho letto. In uno dei suoi numerosi massacri, Dio ordina di uccidere tutti i bambini e uccide anche ogni donna che ha conosciuto un uomo. Le vergini rimarranno vive come schiave! La cosa veramente avvilente è … Come hanno fatto i soldati a verificare che le ragazze hanno incontrato il maschio o no? … questo è imbarazzante. Presumo che lo confermi fisicamente. Puoi immaginarlo, caro amico? Un soldato di Dio che controlla ogni ragazza (con le dita, suppongo) se è vergine o no, e se scopre che non è vergine, viene uccisa in flagrante.

Non ci sono parole per descriverlo. Ti fa venire voglia di vomitare.


Deuteronomio 21

11 se vedrai tra i prigionieri una donna bella d’aspetto e ti sentirai legato a lei tanto da volerla
prendere in moglie, te la condurrai a casa. 12 Essa si raderà il capo, si taglierà le unghie, 13 si leverà la veste che portava quando fu presa, dimorerà in casa tua e piangerà suo padre e sua madre per un mese intero; dopo, potrai accostarti a lei e comportarti da marito verso di lei e sarà tua moglie. 14 Se in seguito non ti sentissi più di amarla, la lascerai andare a suo piacere, ma non potrai assolutamente venderla per denaro né trattarla come una schiava, per il fatto che tu l’hai disonorata.

Ecco un altro frammento biblico umiliante e sessista. Dio concede all’uomo di prendere una donna che gli piace tra i prigionieri (come in una vetrina di un centro commerciale) e se in seguito non gli piace più , la butta via. È così semplice! Come un prodotto in vendita con una garanzia, l’uomo può restituire il suo acquisto se non soddisfa più la sua qualità. Certo, non puoi venderlo … è un prodotto usato.     …….Incredibile!


Deuteronomio 22

13 Se un uomo sposa una donna e, dopo aver coabitato con lei, la prende in odio, 14 le attribuisce azioni scandalose e diffonde sul suo conto una fama cattiva, dicendo: Ho preso questa donna, ma quando mi sono accostato a lei non l’ho trovata in stato di verginità, 15 il padre e la madre della giovane prenderanno i segni della verginità della giovane e li presenteranno agli anziani della città, alla porta. 16 Il padre della giovane dirà agli anziani: Ho dato mia figlia in moglie a quest’uomo; egli l’ha presa in odio 17 ed ecco le attribuisce azioni scandalose, dicendo: Non ho trovato tua figlia in stato di verginità;

ebbene, questi sono i segni della verginità di mia figlia, e spiegheranno il panno davanti agli anziani della città. 18 Allora gli anziani di quella città prenderanno il marito e lo castigheranno 19 e gli imporranno un’ammenda di cento sicli d’argento, che daranno al padre della giovane, per il fatto che ha diffuso una cattiva fama contro una vergine d’Israele. Ella rimarrà sua moglie edegli non potrà ripudiarla per tutto il tempo della sua vita. 20 Ma se la cosa è vera, se la giovane non è stata trovata in stato di verginità, 21 allora la faranno uscire all’ingresso della casa del padre e la gente della sua città la lapiderà, così che muoia, perché ha commesso
un’infamia in Israele, disonorandosi in casa del padre. Così toglierai il male di mezzo a te

Risultati immagini per verginità lenzuoloPiù bizzarro e degradante non può essere. 

Se il marito appena sposato dopo essere stato con sua moglie presume che non era vergine … i genitori rimuoveranno le lenzuola dal letto nuziale e lo esporranno come una bandiera alla loro casa. Se ha sangue (che secondo questi esseri arcaici è un segno inconfondibile di verginità) significa che l’uomo ha mentito e deve pagare una multa. Ma se lei non ha sangue, vuol dire che non era vergine e prendono la donna come bersaglio per le pietre e lei è orribilmente lapidata.

Tu, amico lettore, dovresti sapere che il sanguinamento NON è un segno inequivocabile della verginità. Ci sono ragazze che con forti esercizi fisici rompono l’imene; o anche a volte sono nate senza esso. Quanti giovani innocenti saranno morti ingiustamente per questo ?, inoltre accade il contrario, molte donne sanguinano durante l’atto sessuale anche se non sono più vergini.

Vediamo anche l’enorme differenza nel trattamento tra l’uomo e la donna … per l’uomo, solo una piccola multa; invece, alla donna viene offerta una solenne pioggia di pietre.

In poche parole: La Bibbia ordina di uccidere tua moglie se risulta che non è vergine!

Maschilismo e ignoranza al suo meglio!


Deuteronomio 24

1 Quando un uomo ha preso una donna e ha vissuto con lei da marito, se poi avviene che essa non trovi grazia ai suoi occhi, perché egli ha trovato in lei qualche cosa di vergognoso, scriva per lei un libello di ripudio e glielo consegni in mano e la mandi via dalla casa. 2 Se essa, uscita dalla casa di lui, va e diventa moglie di un altro marito 3 e questi la prende in odio, scrive per lei un libello di ripudio, glielo consegna in mano e la manda via dalla casa …

Chi ha detto che Dio non permette il divorzio? … Certo che lo permette!

Se la persona appena sposata vede qualcosa che non gli piace di sua moglie, scrive semplicemente su un foglio che la ripudia, glielo dà in mano e la butta fuori di casa … (!!!!!) così semplice. Lo sai, caro amico lettore … se non ti piace tua moglie (per niente, non importa) basta scrivere su un pezzo di carta che non ti piace più e metterlo per strada … Dio approva!!


Deuteronomio 25

5 Quando i fratelli abiteranno insieme e uno di loro morirà senza lasciare figli, la moglie del defunto non si mariterà fuori, con un forestiero; il suo cognato verrà da lei e se la prenderà in moglie, compiendo così verso di lei il dovere del cognato; 6il primogenito che essa metterà al mondo, andrà sotto il nome del fratello morto perché il nome di questo non si estingua in Israele.

Questa è la famosa legge del “Levirato”; dove, senza consultare l’opinione della donna, quando il marito muore viene consegnata al fratello del defunto (suo cognato). Non solo la donna ha a che fare con il dolore della morte del suo defunto marito, ma è anche data a suo cognato. La tua opinione non conta!


Deuteronomio 25

11 Se alcuni verranno a contesa fra di loro e la moglie dell’uno si avvicinerà per liberare il marito dalle mani di chi lo percuote e stenderà la mano per afferrare costui nelle parti vergognose, 12 tu le taglierai la mano e l’occhio tuo non dovrà averne compassione.

Questo non è solo sorprendente e vergognoso, ma in parte è anche divertente. Se una donna va a difendere il marito in una rissa, e accidentalmente tocca il pene di uno di loro, allora gli verrà tagliata la mano. Riesci a immaginare la situazione?

– Aspetta … fermiamo il combattimento per un momento. – Cosa è successo? – Tua moglie ha toccato il mio pene. – Ahhh, fammi tagliare la sua mano e torniamo a combattere. …. !!!!


Versi come questi sono molto frequenti nel Pentateuco. Scriverli tutti sarebbe estenuante e inutile. Questi sono solo alcuni esempi. Penso che il punto sia provato. Dio è macho e misogino.

Perché Dio odia le donne. La Misoginia nella Bibbia.Ricorda amico lettore credente, che tutto il Pentateuco è stato scritto presumibilmente da Mosè e ispirato da Dio. Perfino Dio detta direttamente molte di queste leggi umilianti e assurde. E naturalmente … lo sai già, ma lo ripeterò: Dio è immutabile; Dio non cambia. Dio è lo stesso ieri oggi e sempre. Se Dio era un misogino e un violentatore di donne nel passato … dovrebbe continuare ad essere oggi. Non lo dico io, la stessa Bibbia e Dio stesso lo afferma.

Che disgrazia è essere una donna agli occhi di Dio!

————————————-

CLICCA QUI PER LEGGERE GLI ALTRI ARTICOLI RIGUARDANTI LA BIBBIA

Fonte: http://ateismoparacristianos.blogspot.com

Perché Dio odia i bambini – prima parte

Perché Dio odia i bambini

Saturno che divora suo figlio Ateismo Dio
“Saturno che divora un figlio” Francisco de Goya. (1819-1823)

.Dio odia i bambini. Di questo non c’è dubbio.

Può essere abbastanza comprensibile (date le circostanze del tempo) che Dio e gli scrittori hanno avuto rancore contro di loro, ad esempio dei maiali (animali impuri), cani (uno degli animali più bassi), o contro altri molti animali (perché sono inferiori all’uomo), e persino le donne (anche loro inferiori dal loro punto di vista) … ma quello che non si è mai capito, è l’odio che Dio ha contro i bambini indifesi e innocenti.

È inconcepibile che un Dio che si definisce “Amore” e “comprensione” non solo abbia permesso e sostenuto la morte di bambini innocenti; ma che anche lui stesso ha ucciso bambini con le sue stesse mani invisibili.

I bambini NON sono responsabili delle loro azioni, e né possono essere puniti per questo. Anche nella nostra era moderna, un bambino non viene punito fino a quando non raggiunge la maggiore età. 

PECCATI “EREDITATI”

Molto meno i bambini dovrebbero pagare per gli errori e i peccati commessi dai loro genitori. Questa è un’aberrazione che tuttavia la Bibbia esprime molto bene:

Esodo 34.7

6 … “Il Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all’ira e ricco di grazia e di fedeltà, 7 che conserva il suo favore per mille generazioni, che perdona la colpa, la trasgressione e il peccato, ma non lascia senza punizione, che castiga la colpa dei padri nei figli e nei figli
dei figli fino alla terza e alla quarta generazione“.

Vediamo in questo orribile versetto come i bambini pagano per i peccati dei loro genitori fino alla quarta generazione. Questo contraddice tutti gli elementi della più elementare giustizia e ci insegna un Dio eccessivamente crudele e arbitrario. Che senso ha cercare di essere buono per tutta la vita se alla fine pagherò gli errori dei miei genitori o dei miei nonni? Perché un bambino non ha l’opportunità di essere buono e accedere al paradiso se ha già lo stigma del peccato e gli errori delle generazioni precedenti?

E questo non è un verso isolato; Dio lo rende molto chiaro anche tra i “10 Comandamenti”


Esodo 20: 5

5 Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai. Perché io, il Signore, sono il tuo Dio, un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla quarta generazione, per coloro che mi odiano, …

Dio ci dice in uno dei suoi comandamenti che il male e gli errori fatti da qualcuno saranno accusati fino alla quarta generazione. Assolutamente atroce!

Tu amico credente,dirai che tutte queste sono solo mie invenzioni per cercare di screditare il tuo Dio. Bene, mi dispiace informarti che non è così. La Bibbia stessa ci dice in innumerevoli passaggi che i bambini sono stati vittime degli odi e dei risentimenti di Dio.

Vediamone alcuni…..


La creazione dell’Uomo

Già dall’inizio del tempo si può notare un rifiuto e l’indifferenza di Dio nei confronti dei bambini. Vediamo che il Dio onnipotente che avrebbe potuto creare l’uomo così com’è … lo ha creato come una persona adulta; evitando totalmente lo stadio dell’infanzia e dell’adolescenza, periodi molto importanti per l’apprendimento. (Forse a causa di questo Adamo ed Eva erano abbastanza sciocchi da disobbedire a un semplice comando di Dio)

La creazione di Adamo ed Eva, ora adulti, sarebbe la prima indicazione del suo odio per i bambini?


Il diluvio universale

Questa è la prova più ovvia che a Dio non interessa un fico secco dei bambini.

Perché Dio odia i bambini - prima parteQuando decide in modo molto intelligente di distruggere l’intera razza umana sotto uno strato d’acqua, per risolvere l’inarrestabile problema del peccato eccessivo; Dio decide che solo 8 persone saranno salvate, tutti adulti, senza figli. La Genesi non lo fa notare, ma è molto probabile che i figli di Noè abbiano avuto figli o forse anche nipoti (ricordiamo che Noè iniziò a costruire l’arca all’età di 500 anni) … e se avessero avuto bambini piccoli, sicuramente morirono sotto l’angoscia dell’alluvione. Certo … non potevano protestare, al contrario, dovevano essere grati a Dio della loro sopravvivenza, non di certo che avesse ucciso la loro prole. 

Ma la cosa peggiore è la mancanza di cuore e la sensibilità divina, quando uccide il resto della popolazione di bambini nel diluvio . Bambini completamente innocenti che sono solo colpevoli di essere figli di genitori peccatori.

Il numero esatto di morti umane durante l’alluvione (che presumibilmente si è verificato circa 2 mila anni prima di Cristo) non è noto, ma conoscendo il prolifico dei primi umani, ci devono essere stati milioni.

Milioni di bambini innocenti uccisi da Dio !


Sodoma e Gomorra

Dopo che Lot offrì le sue figlie agli uomini di Sodoma e Gomorra per essere violentate, solo per salvare i due “Angeli” che gli avevano fatto visita…. Dio decide di distruggere entrambe le città sotto una pioggia di fuoco. Come sempre solo pochi eletti poterono fuggire, mentre gli altri vennero bruciati nella terribile strage … compresi centinaia se non migliaia di bambini innocenti, il cui unico errore era stato essere figli di peccatori. Ad ogni modo, a Dio non importa!

Genesi 19

24 quand’ecco il Signore fece piovere dal cielo sopra Sòdoma e sopra Gomorra zolfo e fuoco proveniente dal Signore. 25 Distrusse queste città e tutta la valle con tutti gli abitanti delle città e la vegetazione del suolo …


omicidio dei primogeniti

Ecco un altro atto di atrocità e divina irresponsabilità.

Come ultima piaga per far sì che il Faraone liberasse gli schiavi israeliti, Dio, attraverso il suo servo Mosè, decise di uccidere il primogenito di tutti gli abitanti della zona. Naturalmente, per impedire ai figli degli israeliti di morire, hanno dovuto dipingere con sangue d’agnello sulle porte delle loro case un segno, in modo che quando l’angelo della morte fosse passato, non avrebbe ucciso nessuno in quella casa.

E poiché gli egiziani non erano a conoscenza di tutto ciò, centinaia di primogeniti innocenti morirono tra la popolazione comune dell’Egitto che non aveva alcuna relazione tra questi conflitti politici e divini. E molti (forse la stragrande maggioranza) di questi primogeniti erano bambini innocenti.


Esodo 4

22 Allora tu dirai al faraone: Dice il Signore: Israele è il mio figlio primogenito. 23 Io ti avevo
detto: lascia partire il mio figlio perché mi serva! Ma tu hai rifiutato di lasciarlo partire. Ecco io faccio morire il tuo figlio primogenito!“.Perché l’Onnipotente e Gentile Dio punisce gli innocenti bambini egiziani di tutto questo? … ricorda che Dio è “Onnipotente” e con il solo volere, sarebbero morti solo gli egiziani adulti, lasciando i bambini vivi. Perché non l’ha fatto?

Inoltre, non scordiamo che Dio aveva già punito la popolazione egiziana con devastanti piaghe, orribili malattie e flagelli, causando di conseguenza la sofferenza di migliaia di poveri bambini.


2 Samuele 12

… Natan tornò a casa. 15 Il Signore dunque colpì il bambino che la moglie di Uria aveva partorito a Davide ed esso si ammalò gravemente. …. 18 Ora, il settimo giorno il bambino morì

Ecco la migliore prova di come il vero Dio dell’amore uccida un bambino innocente con le sue stesse mani.

Per leggere la storia completa, vi invito a leggere l’articolo:”Dio, assassino di bambini


sterminateli tutti

Levitico 26:22

22 Manderò contro di voi le bestie selvatiche, che vi rapiranno i figli, stermineranno il vostro bestiame, vi ridurranno a un piccolo numero e le vostre strade diventeranno deserte…

Bene … Dio manda bestie per uccidere bambini. Non solo usa gli animali per i suoi scopi oscuri e non macchia le sue mani con il sangue; ma anche i bambini vengono uccisi in un modo molto brutale.


Deuteronomio 7

1 Quando il Signore tuo Dio ti avrà introdotto nel paese che vai a prendere in possesso ….  2 quando il Signore tuo Dio le avrà messe in tuo potere e tu le avrai sconfitte, tu le voterai allo sterminio; non farai con esse alleanza né farai loro grazia.

16 Sterminerai dunque tutti i popoli che il Signore Dio tuo sta per consegnare a te; il tuo occhio non li compianga; non servire i loro dèi, perché ciò è una trappola per te.

Deuteronomio 20

16 Soltanto nelle città di questi popoli che il Signore tuo Dio ti dà in eredità, non lascerai in vita alcun essere che respiri; 17 ma li voterai allo sterminio:

.In questi tre versi Dio offre le istruzioni all’esercito israelita, rendendo molto chiaro che quando sono in battaglia devono uccidere tutte le persone di quei popoli. 

Uccidere senza pietà donne, anziani e soprattutto bambini!


Numeri 31

1 Il Signore disse a Mosè: 2″Compi la vendetta degli Israeliti contro i Madianiti … 7 Marciarono dunque contro Madian come il Signore aveva ordinato a Mosè, e uccisero tutti i maschi. …  9 Gli Israeliti fecero prigioniere le donne di Madian e i loro fanciulli e depredarono tutto il loro bestiame …. 14 Mosè si adirò contro i comandanti dell’esercito, …..15 Mosè disse loro: “Avete lasciato in vita tutte le femmine? …. 17 Ora uccidete ogni maschio tra i fanciulli e uccidete ogni donna che si è unita con un uomo; 18 ma tutte le fanciulle che non si sono unite con uomini, conservatele in vita per voi.

Questo è ancora peggio. Dio costringe gli israeliti a uccidere i fanciulli e a “controllare” le ragazze e le donne. Quelle che non sono vergini testano il fil della spada!

Non voglio immaginare i soldati che massacrano un gruppo di bambini innocenti che piangono in un angolo. Suppongo che Dio sorrida con piacere ogni volta che un bambino morto cade a terra.


Giosuè 6

20 Allora il popolo lanciò il grido di guerra e si suonarono le trombe. Come il popolo udì il suono della tromba ed ebbe lanciato un grande grido di guerra, le mura della città (Gerico) crollarono; il popolo allora salì verso la città, ciascuno diritto davanti a sé, e occuparono la città. 21 Votarono poi allo sterminio, passando a fil di spada, ogni essere che era nella città, dall’uomo alla donna, dal giovane al vecchio, e perfino il bue, l’ariete e l’asino.Anche Giosuè esegue alla lettera gli ordini di Dio, non risparmiando nessuno!!


Giosuè 7

20 Rispose Acan a Giosuè: “In verità, proprio io ho peccato contro il Signore, Dio di Israele, e ho fatto questo e quest’altro. 21 Avevo visto nel bottino (di Gerico) un bel mantello di Sennaar, duecento sicli d’argento e un lingotto d’oro del peso di cinquanta sicli; ne sentii bramosia e li presi ed eccoli nascosti in terra in mezzo alla mia tenda e l’argento è sotto”.

24 Giosuè allora prese Acan di Zerach e l’argento, il mantello, il lingotto d’oro, i suoi figli, le
sue figlie, il suo bue, il suo asino, le sue pecore, la sua tenda e quanto gli apparteneva. Tutto Israele lo seguiva ed egli li condusse alla valle di Acor. 25 Giosuè disse: “Come tu hai portato sventura a noi, così il Signore oggi la porti a te!”. Tutto Israele lo lapidò, li bruciarono tutti e li uccisero tutti a sassate.

A quanto pare a Dio non piace che gli rubino degli oggetti, sopratutto d’oro, e quindi per punizione fa lapidare e bruciare TUTTA la famiglia, compresi animali e quanto gli apparteneva!

Ma che se ne farà mai Dio, che è onnisciente e fatto di spirito, di oggetti, persone e oro!!!


…dopo Gerico, tocca alla città di Ai, per proseguire poi sul resto del territorio fino a conquistare il Negheb. Citta dopo città, tutti Sterminati! (Giosuè 8/9/10 )

Giosuè 10

40 Così Giosuè batté tutto il paese: le montagne, il Negheb, il bassopiano, le pendici e tutti i loro re. Non lasciò alcun superstite e votò allo sterminio ogni essere che respira, come aveva comandato il Signore,

Ancora una volta Giosuè “Il Sicario di Dio” devasta tutte le persone della montagna uccidendo “Tutto ciò che aveva vita”, compresi ovviamente i bambini!


1 Samuele 15: 3

2 Così dice il Signore degli eserciti: …. 3 Va’ dunque e colpisci Amalek e vota allo sterminio
quanto gli appartiene, non lasciarti prendere da compassione per lui, ma uccidi uomini e donne, bambini e lattanti, buoi e pecore, cammelli e asini”

Dio ordina di uccidere l’intera popolazione … compresi i bambini e gli animali innocenti.


Isaia 13

1 Oracolo su Babilonia, ricevuto in visione da Isaia figlio di Amoz.

9 Ecco, il giorno del Signore arriva implacabile, con sdegno, ira e furore, per fare della terra un deserto, per sterminare i peccatori.

15 Quanti saranno trovati, saranno trafitti, quanti saranno presi, periranno di spada.
16 I loro piccoli saranno sfracellati davanti ai loro occhi; saranno saccheggiate le loro case, disonorate le loro mogli.
18 Con i loro archi abbatteranno i giovaninon avranno pietà dei piccoli appena natii loro occhi non avranno pietà dei bambini.

Perché Dio odia i bambini - prima parteForse questi sono i passaggi in cui la furia omicida di Dio è più violenta con i bambini innocenti. Dio ordina che si schiantino contro i muri, che li trafiggano con gli archi, che aprano il ventre delle donne incinte …      … Fortunatamente, Dio è Amore!


Isaia 14:21

21 Preparate il massacro dei suoi figli a causa dell’iniquità del loro padre e non sorgano più a conquistare la terra e a riempire il mondo di rovine”. 22 Io insorgerò contro di loro – parola del Signore degli eserciti -, sterminerò il nome di Babilonia e il resto, la prole e la stirpe – oracolo del Signore -. 23 Io la ridurrò a dominio dei ricci, a palude stagnante; la scoperò con la scopa della distruzione – oracolo del Signore degli eserciti -.

In effetti … preparati a far macellare i tuoi figli nello stile “mattatoio” … come se fossero bestiame.


Osea 14

1 Samaria espierà, perché si è ribellata al suo Dio. Periranno di spada, saranno sfracellati i bambinile donne incinte sventrate.

Dio minaccia di nuovo di sfracellare i bambini contro i muri e anche di aprire le donne incinte per eliminare e uccidere i feti non nati.

Apparentemente Dio vuole assicurarsi che questi bambini non abbiano la minima possibilità di vita….      ….Vai con il buon Dio!


Ezechiele 9,5-7

1 … la mano del Signore Dio si posò su di me … 5 Mi disse: “Figlio dell’uomo, alza gli occhi verso settentrione!”. … vedi che fanno costoro? Guarda i grandi abomini che la casa d’Israele commette qui per allontanarmi dal mio santuario! … 18 Ebbene anch’io agirò con furore. Il mio occhio non s’impietosirà; non avrò compassione: manderanno alte grida ai miei orecchi, ma non li ascolterò”. …4 Il Signore disse: “Passa in mezzo alla città, in mezzo a Gerusalemme e segna un tau sulla fronte degli uomini che sospirano e piangono per tutti gli abomini che vi si compiono”. 5 Agli altri disse, in modo che io sentissi: “Seguitelo attraverso la città e colpite! Il vostro occhio non perdoni, non abbiate misericordia. 6 Vecchi, giovani, ragazze, bambini
e donne, ammazzate fino allo sterminio: solo non toccate chi abbia il tau in fronte; cominciate dal mio santuario!”. Incominciarono dagli anziani che erano davanti al tempio. 7 Disse loro: “Profanate pure il santuario, riempite di cadaveri i cortili.

Sempre più ordini da parte di Dio per uccidere un’intera città, compresi i bambini piccoli.


Geremia 51

20″Un martello sei stata per me, uno strumento di guerra;con te martellavo i popoli, con te annientavo i regni, … 22 con te martellavo uomo e donna, con te martellavo vecchio e ragazzocon te martellavo giovane e fanciulla, …

Qui Dio parla di Babilonia, e non si dimentica certo le ennesime minacce contro i bambini.


==>> CONTINUA 2′ parte <<==


CLICCA QUI PER LEGGERE GLI ATRI ARTICOLI CHE RIGUARDANO LA BIBBIA

Fonte: http://ateismoparacristianos.blogspot.com.html

L’ESOTERISMO DEL GATTO

L’ESOTERISMO DEL GATTO

L’ESOTERISMO DEL GATTO

Il micio è da diecimila anni compagno e amico dell’Uomo, ma i poteri che contraddistinguono questo piccolo carnivoro sono ancora tutti da scoprire.L'ESOTERISMO DEL GATTO

Chiunque ami i gatti sa che questi piccoli felini sono esseri viventi straordinari, capaci di sentimenti e condotte incredibili. Hanno comportamenti eccezionalmente comici che li rendono irresistibili ma compaiono spesso anche in vicende eroiche ai limiti dell’irreale. I poteri definiti impropriamente “magici” rendono questo animale domestico un vero mistero casalingo.

Il gatto infatti è un predatore abilissimo, dotato di capacità fisiche stupefacenti e in parte comunemente note.
gatto saltaBenché si tratti di uno dei più piccoli carnivori della Terra, il gatto è capace di saltare da fermo fino a tre metri d’altezza; può correre raggiungendo punte di cinquanta km orari ed effettuare salti di cinque-sei metri in orizzontale, può cadere da quindici metri senza grossi danni, è in grado di vedere nel buio attraverso “occhi sensibilissimi”, ed è dotato di “baffi-radar” (le vibrisse) in grado di farlo muovere nei cunicoli senza luce nel più assoluto silenzio, grazie ai cuscinetti carnosi posti sotto le zampe.
Le unghie sono sempre affilate grazie alla caratteristica di essere retrattili e hanno la potenza di coltelli. Udito incredibile (in grado di percepire il respiro di un topo a decine di metri sottoterra), olfatto paragonabile a quello di un cane benché soltanto a distanza ravvicinata completano il quadro di una macchina da guerra progettata per cacciare.

Se in natura il gatto selvatico è un animale solitario perché può trovare facilmente anfratti e rocce in cui ripararsi, il gatto addomesticato, nelle più pericolose città, invece ha sviluppato una vita sociale basata su Colonie Feline che possono comprendere decine e decine di individui, che si proteggono e si accudiscono a vicenda. colonia felinaLa vita casalinga in una famiglia umana altro non è che la riproposizione della società base del gatto, quella della mamma gatta che alleva i suoi cuccioli. Nella colonia felina il componente più importante sarà la femmina più anziana; nelle famiglie umane il capofamiglia sarà la persona che si occupa di preparare i pranzi (solitamente, la donna di casa).
Questo atteggiamento matriarcale ha fatto sì che il gatto storicamente fosse apprezzato maggiormente in quelle società più aperte e tolleranti nei confronti della donna, venendo ferocemente avversato in quelle più patriarcali.

Storicamente la sua incredibile giocosità e le sue prestazioni fisiche hanno incantato gli esseri umani fin dalla Preistoria e almeno da diecimila anni scheletri di gatti accompagnano quelli di esseri umani, anche se vi è il dubbio che un primo addomesticamento fosse già praticato dai Neanderthal circa 150mila anni fa.
Il fatto che popolazioni preistoriche umane dedite ai culti sacri alla “Dea Madre” avessero avuto, in tempi remoti, un rapporto forte con il gatto, è importante perché costituì una base culturale, in cui le prime società organizzate, svilupparono un forte legame religioso con questo bellissimo mammifero.

bastetIn Egitto, in Mesopotamia, in India ma anche nel Mediterraneo, tutte le società matriarcali primigenie iniziarono ad adorare il gatto come animale divino. L’esempio per eccellenza sicuramente è quello dell’Egitto, in cui il gatto era personificazione della Dea Bastet. Bastet era alter-ego di IsideHathor, quindi a tutti gli effetti la Dea Madre nel suo aspetto più dolce e materno, contrapposto alla forza spaventosa della Dea-leonessa Sekhmet.
Mentre questa rappresenta la crudeltà più incontrollabile, la mamma gatta Bastet viene raffigurata come una figura umana con la testa di gatto, con ai piedi una cesta piena di adorabili gattini.

Chiunque abbia avuto la fortuna di avere una gatta con i piccoli, sa che il sentimento di protettività assoluto della mamma gatta è qualcosa che non può che commuovere l’essere umano, una specie che analogamente ai felini presta moltissime cure alla prole.
mamma gatta

La mamma sviluppa verso i micini un rapporto simbiotico, quasi che la loro esistenza possa essere più importante della sua. In un ambiente naturale in cui solitamente l’istinto di conservazione è più forte di quello materno, salvo rare eccezioni, il gatto in questo senso diventa davvero un esempio di amore assoluto, come quello che prova la Dea Madre verso i suoi figli.

Anche in Estremo Oriente, specialmente nel Sud-Est asiatico, il gatto divenne un campione di sacralità diventando, anche grazie alle sue doti occulte paranormali, un tramite con la divinità.
Ancor oggi i siamesi sono sacri in Thailandia, per non parlare della razza del Sacro di Birmania, allevato da millenni nei monasteri buddhisti.

Un altro popolo che ebbe grande amore verso i gatti fu quello dei Fenici (e prima ancora i loro mentori, i Micenei), che adottarono i gatti a bordo delle loro navi. Iniziò qui il legame tra il gatto e il mare, elemento odiato da tutti i felini eppure uno dei fattori chiave che contribuì alla sua diffusione mondiale.
Il gatto selvatico africano infatti, addomesticato in Egitto, fu diffuso in tutta l’area mediterranea dalle navi che trasportavano merci già in tempi remoti. In Europa si fuse con il gatto selvatico europeo e qui, in epoche più recenti, fu ampiamente apprezzato anche dai Romani, fortemente patriarcali ma anche assai pratici nella mentalità, che lo impiegarono per la custodia dei granai, analogamente a quanto accadeva in Egitto e in Mesopotamia.
Il gatto “romano” visse un momento di gloria durante l’Impero, quando da animale da cortile divenne un elemento di decoro dello sfarzo imperiale. I Romani anche in questo caso copiarono le usanze orientali, in quanto da secoli in Persia e in India il gatto era partecipe della vita di sovrani e nobili, per via della sua intrinseca bellezza ed armonia.
Selezioni e accoppiamenti mirati crearono razze nuove e indubbiamente da animale utile ed evocativo della Dea Madre, il micio divenne anche uno status-symbol di lusso e prestigio.

gatti e stregheIn Oriente questo atteggiamento rimase fino a tempi moderni; in Europa invece il gatto divenne, a seguito degli assurdi strali dell’Inquisizione, un simbolo del Male, del Satanismo, delle Streghe.
Le Streghe sono state ideologicamente create dal Cristianesimo come figure negative, mentre al contrario erano sacerdotesse pagane, erboriste e guaritrici naturali che furono colpite nella loro condizione per realizzare il duplice scopo di estirpare il paganesimo e fornire al popolo sottomesso un capro espiatorio in cui incanalare le loro ansie e le loro paure.
Parimenti il Satanismo fu creato a tavolino come una religione del male da quella stessa Inquisizione che ipocritamente si faceva portabandiera degli ideali cristiani di amore e tolleranza: un atteggiamento criminoso che ancor oggi ha le sue vittime sacrificali in quei gatti neri che nelle notti attorno alla festa di Ognissanti, il 1° Novembre, vengono massacrati a migliaia dagli adoratori del presunto diavolo, figura ancora una volta inventata di sana pianta da un Cristianesimo degenerato come quello medievale. (Sembra assurdo, ma le associazioni animaliste arrivano al punto di non dare in adozione i gatti neri randagi nelle settimane precedenti questa ricorrenza).

La persecuzione cristiana contro i gatti raggiunse livelli assurdi a partire dalla metà del ‘200, quando vi fu un’estremizzazione della Chiesa contro le pratiche esoteriche, dovuta alla Crociata contro gli Albigesi in cui la Chiesa Romana vide il suo predominio in Occidente messo in pericolo dall’Eresia Catara. Questa radicalizzazione a cuì i contrasti con tutto quanto veniva percepito come una minaccia alla diffusione del Cristianesimo e i gatti finirono nel mirino come esponenti terreni di Satana. Per quanto assurda sia questa considerazione, vennero scritti trattati sulla pericolosità dei gatti, specialmente quelli neri. E così, milioni di felini in tutta Europa vennero rastrellati, uccisi bruciati in massa in enormi roghi nella festa di San Giovanni, il 26 giugno. Una data che come Halloween era una festività pagana legata alla vita e alla fecondità…

Un insulto all’Antica Religione e alla sacralità del simbolo, ma più ancora uno sterminio indiscriminato che ha portato il gatto domestico medievale all’estinzione totale. Il risultato? L’assenza di predatori specifici consentì la proliferazione del ratto nero, un roditore vorace e prolifico che proveniva direttamente dall’Asia portando con sé il terribile morbo della Peste Nera. Questa malattia, che ebbe tassi di mortalità altissimi, si diffuse inizialmente dall’assedio di Costantinopoli da parte di soldati saraceni, che portarono in quell’area i ratti contagiati; una nave genovese, con a bordo i roditori infetti, diffuse il morbo in vari porti.

Grazie alla sporcizia, le condizioni di malnutrizione e l’assoluta assenza di norme igieniche, la Peste Nera spopolò il continente europeo in meno di tre anni, uccidendo venti milioni di persone. L’antidoto fu anch’esso portato dall’Oriente: navi veneziane reintrodussero il gatto andandolo a recuperare direttamente a Bagdad, cuore deli regni musulmani che avevano imparato ad amare i gatti dall’Egitto.

MUEZZAE’ infatti risaputo che Maometto avesse una gatta chiamata Muezza a cui voleva un bene infinito e seguendo il loro Profeta i fedeli islamici presero l’abitudine di ospitare i gatti nelle proprie case.
I gatti soriani derivano il nome dal quartiere siriano della città, Sorian: le caratteristiche erano quelle che siamo abituati vedere nei gatti comuni, con un mantello grigio o marrone tigrato. Non a caso il termine inglese con cui si descrive questa tigratura, “tabby“, deriva dal nome stesso della regione di Bagdad, Attabiyah, che designava nel Medioevo l’attuale Irak.
Introdotto in Europa, il gatto tabby si accoppiò con quei pochi esemplari selvatici non ancora sterminati e in poco tempo riacquistò la sua diffusione originaria. Ma non è un caso che ai picchi di intolleranza e brutalità dell’Inquisizione e delle cacce alle streghe protestanti del Nord Europa faceva riscontro una maggior proliferazione delle epidemie di peste…

Ma perché questa paura, questo terrore dei vertici ecclesiastici per i gatti?
Si tratta dell’ennesima ipocrisia, perché al sicuro nei loro conventi i monaci cristiani allevavano gatti eccezionali come i Certosini che facevano della caccia al topo la loro particolare abilità. Ma al di fuori dei monasteri, la Chiesa temeva nel gatto il suo aspetto magico, la sua capacità di vedere l’invisibile e quindi di essere un valido ausilio nelle pratiche occulte. Come sostenevano gli Egizi, il gatto pare vedere gli spiriti dei morti (chiunque abbia un gatto può riferire come il micio di casa, sonnacchioso e pigro, qualche volta alzi lo sguardo, addirittura a volte ringhi o soffi furiosamente, verso qualcosa che il padrone non scorge). gatto e orbsFantasie del felino, sogni ad occhi aperti? Non proprio. La capacità che i mici riescano a vedere con i propri occhi quel particolare fenomeno che è costituito dagli Orbs, le sfere che appaiono nelle fotografie realizzate con le macchine digitali o con le pellicole più sensibili, è facilmente dimostrabile. Esistono varie foto che mostrano il gatto osservare con curiosità e interesse in direzione delle sfere Orbs, peraltro invisibili all’Uomo. Com’è possibile? Se si trattasse di un difetto ottico dovuto al pulviscolo, come sostengono gli scienziati, come potrebbe il gatto dimostrare interesse o paura per un semplice granello di polvere? Se viceversa si trattasse di entità diverse, non necessariamente spiritiche ma anche solo energetiche, allora la speciale abilità del gatto di percepire vibrazioni e frequenze ignote all’uomo potrebbe spiegarsi in termini scientifici. La particolare sensibilità sensoriale consentirebbe al micio di vedere oggetti e fenomeni che i sensi umani, non particolarmente sviluppati, non riescono a percepire. Non è detto che ciò che non si vede non debba esistere: solo perché gli scienziati non hanno gli strumenti per osservare un fenomeno, non vuol dire che non esista, come invece stupidamente molti di questi soloni affermano. questo potrebbe spiegare una serie di abilità specifiche del gatto, come la sua empatia. Sempre chi possiede un micio ha sicuramente sperimentato che quando non si sta bene, il nostro amico in qualche modo lo “senta” e cerchi di trasmettere energia alla parte malata. Esempio classico è un mal di stomaco, un disturbo intestinale: ecco che il nostro felino si accoccola sulla pancia, donandoci un calore e una sensazione di benessere incredibile. Non a caso oggi si utilizza questa empatia per la celebre Pet Therapy, che cura con successo svariati malanni anche psichici.

reticolo-di-hart

Non è il solo potere che dispone la nostra meraviglia a quattro zampe: caso unico tra gli animali, il gatto cerca di dormire sopra i cosiddetti Nodi di Hartmann, ossia quelle particolari intersezioni delle linee del campo magnetico terrestre che avviluppano tutto il pianeta a intervalli regolari.
Se un uomo sostasse a lungo sopra uno di questi nodi, proverebbe una sensazione di spossatezza: non così il micio, che sembra al contrario rilassarsi in questi nodi evitati da tutti gli altri animali. Perché? Questa percezione del magnetismo è nota in tanti animali, come ad esempio tutti i migratori. Ma il gatto fa di più, è come se fosse in connessione con l’Energia Oscura che permea tutto l’Universo. E’ questo il segreto dei gatti? E’ questo il calore curativo che ci trasmette quando stiamo male? Se pensiamo che questa energia, teorizzata e dimostrata attraverso calcoli matematici ma non ancora avvistata per il già citato deficit sensoriale degli esseri umani, è in relazione con i riti magici ancestrali legati al concetto della Dea Madre, si comprende come gli Egizi avessero potuto divinizzare il gatto come esponente terreno della stessa divinità femminile universale.

Ma in tutto questo, quali sono le conseguenze pratiche? Da un lato, occorre considerare il micio come un essere evoluto, intelligente e sensibile, forse anche più dell’Uomo a livello emotivo. Per tale motivo occorre trattarlo in maniera sempre rispettosa e riverente, comportamento peraltro che si dovrebbe tenere con tutti gli esseri viventi. E dall’altro osservare le sue sfumature e imparare a percepire i mondi sottili, le dimensioni invisibili che ci circondano.


PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI CLICCA QUI


FONTE ==>> http://renovatio-zak.blogspot.it/2015/02/il-gatto-e-lesoterismo.html

I GATTI NELL’ARTE DI TUTTO IL MONDO

I GATTI NELL’ARTE DI TUTTO IL MONDO

I GATTI NELL’ARTE DI TUTTO IL MONDO

Quale, tra i numerosi piccoli felini selvatici che vivono in Europa, Asia, Africa o America, avrà dato origine al gatto domestico? In quale periodo sarà avvenuta la domesticazione? La risposta a queste domande non è ancora sicura: vi sono infatti moltissime ipotesi.

FOSSILE GATTOAlcuni Fossili attestano la presenza del gatto in tempi antichissimi. Ossa di gatto risalenti a 10.000 anni fa, per esempio, sono state ritrovate assieme a quelle di altri animali in una grotta sui Monti Sandia, nel Nuovo Messico. Reperti archeologici di 8.000 anni fa, venuti alla luce nell’Anatolia sud-occidentale, ci dimostrano che a quell’epoca tra l’uomo e il gatto vi era già amicizia. La paleontologia, tuttavia, può accertare la presenza di un animale in un certo periodo, ma non aiuta a stabilire quando iniziò l’addomesticamento.

Arte orientale

In Oriente i gatti hanno sempre goduto di molta considerazione da parte degli artisti, dalla Persia e dall’India fino alla Cina divennero simboli di potere e comando. Man mano che si diffondeva verso est il gatto domestico conquistava un posto nell’arte.

Gatto dell’Antico Egitto.egitto.okkio

statuetta bronzea 722-332 a.C,
statuetta bronzea 722-332 a.C,

Le prime rappresentazioni pittoriche sono quelle che lo immortalano nelle vesti di una divinità, nell’antico Egitto, e da qui probabilmente trae origine il suo atteggiamento altezzoso e impertinente. 
 Animale sacro nell’Antica civiltà Egizia, il gatto veniva venerato e rappresentato, bellissimo e regale, in numerosi manufatti ed opere d’arte. Sono tante le antiche statuette feline provenienti dall’Antico Egitto: alcune di queste erano oggetti votivi, altre delle vere e proprie urne per piccole mummie di gatti. Quella in foto è una statuetta bronzea databile al periodo 722-332 a.C, conservata oggi al Museo Egizio di Torino.La dea Bast, conosciuta anche come dea Bastet, era il simbolo della femminilità nell’antico Egitto.

La dea Bastet o Bast era un’antica divinità della mitologia egizia raffigurata generalmente con il corpo di donna e la testa di gatto: una divinità dai tratti solari, simbolo della vita, della fecondità e della maturità, venerata per la sua forza e la sua agilità. Per ottenere un favore dalla dea Gatta gli Egizi avevano la consuetudine di offrire del pesce prelibato al proprio gatto, che amavano tenere in casa, vezzeggiato e trattato con ogni riguardo.

Talmud Babilonese

Non ci è giunta nessuna testimonianza di pitture o sculture Assiro Babilonesi che attestino o neghino l’esistenza dei gatti in quel periodo: sono stati rappresentati cani, tori e leoni, ma non c’è traccia di questi felini. Solo l’ antico Talmud Babilonese, uno dei testi sacri dell’ Ebraismo, redatto in aramaico nelle accademie rabbiniche della Mesopotamia, tra il III e il V secolo, tra i suoi insegnamenti civili e religiosi parla delle ammirevoli qualità dei gatti e ne incoraggia l’allevamento “per aiutare a mantenere pulite le case”.

Arte Araba

MUEZZAI musulmani tenevano il gatto in grande considerazione perché animale di Maometto, secondo un’antica leggenda. Le immagini dei gatti provenienti dal Medio Oriente sono molto rare perché l’Islam non ammette il concetto di arte figurativa. Nei dipinti di anonimi artisti ottomani del Trecento sono raffigurati gatti domestici in scene della Bibbia ma in ruoli secondari. Nell’arte orientale i gatti più ritratti sono quelli bicolore e gli squama di tartaruga con bianco, probabilmente perché i preferiti dai viaggiatori dell’epoca.

In Indiashashthi gatto

In India il gatto è simbolo di nobiltà e ricchezza. La maggior parte delle opere artistiche che ritraggono questi felini sono di natura religiosa, come ad esempio un’opera che ritrae la dea della fertilità Shashthi  a cavallo di un gatto.

In Thailandia

I thailandesi hanno sempre amato i gatti tanto che dipingevano magnifiche scene su papiri per illustrarne la varietà di colori e forme. Le numerose copie manoscritte dei Cat Book Poems, risalenti al Cinquecento, rappresentano gatti pointed e dai tanti colori.
Cat Book PoemsDurante la Dinastia Sung (960/1279) i gatti comparvero per la prima volta nell’arte cinese come simbolo di corte e prestigio, come nell’opera “Commedia Primaverile” in un giardino Tang che raffigura micetti che giocano tra i fiori. Nel Cinquecento il gatto diventò un soggetto comune negli smalti e nelle lampade di porcellana.

gatti giapponeIn GiapponeCatsTokaidoKUNIYOSHI

Nei dipinti e nelle xilografie dell’antico Giappone compaiono i gatti a squama di tartaruga in compagnia di bellissime donne. L’artista più rappresentativo fu Utagawa Kuniyoshi (1797/1861) che dipinse gatti con estrema precisione, la sua opera più celebrè Cinquantatre stazioni di Tokaido, dove ogni stazione è rappresentata da un gatto.

Nell’arte Americana

Nelle opere americane il gatto non era che una figura secondaria presente occasionalmente in quadri d’arte popolare. Daniel Merlin (Francia, 1861-1933)Ma l’inizio del Novecento segnò una nuova era, gli artisti americani scelsero spesso proprio i felini come soggetti delle loro opere. In America verso la fine dell’Ottocento il gatto non è più simbolo di paganesimo ma diventa simbolo di bellezza e modernità. I gatti sono ritratti nelle opere spesso in compagnia di bambini. L’opera più famosa a tema felino è Cats and Kittens di Daniel Merlin (Francia, 1861-1933) che raffigura una scena domestica con una gatta e i suoi cuccioli.

Nell’arte Europea

In epoca greco-romana i gatti passarono in secondo piano dopo leoni e tigri.

Cipro

E’stata scoperta una tomba risalente al 7.500 a. C. nella quale fu seppellito un gatto selvatico accanto a un essere umano.

Erotodo e Antica Grecia

gatto greciaNell’ antica Grecia il ruolo del gatto non fù mai così importante come quello del leone o del cane. Il gatto si ritagliò però un piccolo spazio nella letteratura greca di Erotodo (484-430 a. C.) che lo descrisse con senso favolistico e gusto estetico. Erotodo raccontò anche l’arrivo e la diffusione dei gatti in Grecia grazie ad abili mercanti che li rapirono agli egiziani causando non pochi incidenti diplomatici tra i due paesi. Persi i privilegi ed il suo ruolo divino, arrivando in Grecia il gatto venne apprezzato più come animale curioso, da compagnia, ma non come animale da utilità, poichè per la caccia ai topi si preferivano le piccole e fameliche donnole, solo più tardi si capì che il gatto poteva essere più adatto a questo scopo.

Antica Roma

Se i Greci furono i primi ad importare il gatto dall’Egitto, i Romani lo conobbero molto più tardi, ma ne seppero apprezzare subito le doti sia come animale da lavoro che da compagnia. In particolare negli scavi di Ercolano e Pompei, importanti città di epoca romana, sono stati rinvenuti resti di ogni genere di animale, ma non del gatto a dimostrazione che i felini, animali arguti, fuggirono alle prime avvisaglie del terremoto, mettendosi in salvo. Ma la loro esistenza è testimoniata dal ritrovamento di un mosaico che raffigura un gatto mentre afferra un volatile.

gatto pompei
Gatto della Casa del Fauno

 

Su un pannello musivo rinvenuto della casa del Fauno di Pompei, risalente al II secolo a.C., oggi al Museo Archeologico di Napoli, un piccolo gatto, in una forma antica di natura morta, azzanna un volatile per divorarlo. Piccolo e agile, il felino di epoca romana sta in realtà rubando dalla dispensa la cacciagione, ma è qui rappresentato con occhi dolci e con tenerezza che suggeriscono l’amore e l’indulgenza per il gatto, ormai già animale domestico.

Antica Francia

Gatto e nimismatica 1I GATTI NELL'ARTE DI TUTTO IL MONDONumismatica: Medaglia francese del 1968 con gatto. Sul dritto è rappresentato il muso di un gatto in basso rilievo visto di fronte. Sul retro è raffigurato un gatto in primo piano che doma un cobra. Sullo sfondo si stagliano le piramidi con i due simboli del sole e della luna e la scritta “Ami du Soleil Venu de la Nuit des Temps”.

Alcune tradizioni del Nord Europa prevedevano il seppellimento di gatti,vivi, nelle fondamenta della casa, in modo che il loro spirito potesse poi vegliare su chi abitava all’interno delle mura e in Polonia erano arsi vivi durante alcune cerimonia nuziali, come simbolo di buon augurio.


PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI CLICCA QUI


FONTE ==>> http://www.tuttosuigatti.it/arte.html
FONTE ==>> http://www.veterinariogennaro.it/news.php?id=36
FONTE ==>> http://www.fanpage.it/i-gatti-piu-famosi-della-storia-dell-arte/
FONTE ==>> http://web.tiscali.it/acquabranda/origini_e_storia_del_gatto.htm

I CARRI DEGLI DEI

I CARRI DEGLI DEI

CARRI DEGLI DEI

Riferimenti ad oggetti volanti non identificati, o UFO nel termine propriamente letterale, la nostra storia moderna ne è piena; ma forse pochi di noi sanno che non sono una caratteristica solo di questo secolo, o di questo continente.

Provando ad osservare minuziosamente i quadri sacri che troviamo in giro per le chiese e nei musei
e a leggere più attentamente i Testi Antichi, e sopratutto accantonando i riferimenti vari dell’interpretazione soggettiva canonica che l’uomo ha operato nei secoli, potremmo arrivare ad una conclusione tutt’altro che sacrale e direi anche fantasiosa, ma che piuttosto porta alla luce trasparenza e veridicità.

In tutte le cronache dell’antichita del mondo si parla di questi Dei che “miracolosamente” si alzano dalla terra per salire in cielo emettendo una luce brillante e facendo molto rumore e che vagano a loro piacimento da un luogo all’altro.
Ma era davvero un miracolo? Oppure questi presunti “Dei” avevano un qualcosa con cui spostarsi? Magari una macchina volante?

Sta di fatto che TUTTE le culture dell’antichità chiamarono queste apparizioni “Carri degli Dei”, ed altre varianti:
Immagine Carri, Gloria, Shem, ecc.. sono quindi una costante sia negli episodi canonici che in tutte le altre ideologie e credenze in linea e non con quelle dominanti e maggiormente diffuse, ed aventi tutti quanti le stesse specifiche oggettive che oggi possiamo riscontrare negli UFO.

Ma da dove nasce l’archetipo di queste cosiddette manifestazioni soprannaturali? Sono davvero accadute?

Secondo uno studioso americano, Joseph Campbell, questi sarebbero solo dei semplici miti legati alla vita di tutti i giorni di specifiche tribù o popolazioni (concetto che ci propinano ormai da secoli), ma forse o più sicuramente, potremmo affermare che qualcosa di reale e tangibile avrebbe comunque dovuto generare quell’IDEA di apparizioni totalmente estranee a quelle singole culture; ossia una tribù, che viveva in modo semplice di coltivazione o di caccia e che si spostava con carretti e cavalcature, è molto improbabile o meglio impossibile, che si sarebbe inventata dal nulla certi “oggetti volanti splendenti e rumorosi”, possiamo quindi affermare che queste tribù “semplicemente” LI abbiano visti di persona, e di conseguenza li avrebbero descritti con le sole parole che conoscevano, come carri, nubi, uccelli, ecc…

Ma se quindi questi “carri celesti” erano comuni a tutti gli abitanti di quelle epoche e visibili nella vita di tutti i giorni, cosa centrano con la religione?

Centrano e come!
Dato che ad un certo punto questi personaggi sono spariti nel nulla lasciando dietro di loro solo una scia di ricordi e speranze, ecco che spunta fuori la Religione con i suoi sacerdoti che, come ha fatto con tantissime altre situazioni, per manipolare e controllare le società, ha inserito anche questi “Ufo” nel suo contesto sacro interpretandoli col suo misticismo come il transito di una “nube divina” e trasformandoli infine come manifestazioni soprannaturali.


PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI  ==> CLICCA QUI <== 

TORNA SU

Viral Box

LA RELIGIONE

LA RELIGIONE

religioni1

Una delle più scaltre invenzioni escogitate dall’inizio dei tempi, fu la religione, intesa come culto dogmatico e narcotico per lo spirito, come instrumentum regni. Che poi tale religione coincida con l’adorazione di “dèi” assetati di sangue animale ed umano, come molti idoli medio-orientali o che, con un po’ di maquillage, sia stata resa un briciolo più degna ed appetibile e diffusa col nome di Ebraismo, “Cristianesimo”, Islam ecc… poco importa. 

Sono sempre sistemi dottrinari assurdi e, in gran parte, falsi, ma di grandissima presa sulle masse ora blandite con la promessa di un paradiso ultraterreno, ora spaventate e controllate con la minaccia dell’inferno.

Come sappiamo, dai tempi più antichi, in tutto il mondo, esistono culti e movimenti di ogni genere, che venerano l’uno o l’altro Dio (Monoteismo) e Dei vari (Politeismo); essa è forse o sicuramente l’arma più potente che sia mai stata creata da quando l’uomo ha fatto la sua comparsa sulla terra influenzando le menti di tutti.
Ma quello che non sappiamo è che queste Religioni hanno innumerevoli somiglianze, e convergono tutte in un unico punto comune, cioè “l’origine della loro nascita”; un’essere venuto dal cielo scese sulla terra e creò ogni cosa.(Anunnaki? Neteri? Nephilim? ecc.)

La prima somiglianza che troviamo fra tutte le Religioni mondiali, è sicuramente l’eterna lotta del “bene contro il male”, della “luce contro l’oscurità”, che è la bipartizione più conosciuta e quella più onnipresenti; DIO E SATANA; HORUS E SET; ENKI E ENLIL; ecc…ecc….
– Un’altro punto costante in comune e è che è riuscita a convincere il genere umano, nell’esistenza di una qualche forma di individuo che vive nel cielo e che vede tutto;
– e che questi ha una lista di cose che non vuole che ognuno di noi faccia;
– e se ne infrangi una vi è un luogo di dannazione per le anime, pieno di fuoco, dove si brucia e si viene torturati: luogo cha seconda della dottrina a cui apparteniamo, viene chiamato Inferno (Bibbia), o Tartaro(Grecia), o ancora Amenti (Egitto), o Fung Doo (Cina), ecc… ((…altre somiglianze))

Ma nonostante tutto, è giusto anche affermare che ogni Dio ama i suoi figli, egli è perfetto in tutto e vede tutto, ma che, non si sa bene il motivo, ha anche bisogno di sangue e soldi, tanti soldi. Infatti come ben sappimo ogni Religione conosciuta raccoglie milioni di euro, dollari, yen, e sappiamo anche che non pagano le tasse. Insomma, circa 4 miliardi di persone credono nell’esistenza di un’entità che controlla e vede tutto.
Robert G. Ingersoll (1833-1899) affermò: “La religione non potrà mai migliorare l’umanità, in quanto la religione è schiavitù”
…e per schiavitù possiamo intendere che la Religione riduce la responsabilità dell’uomo, considerato che è “Dio” che controlla ogni cosa, e oltretutto giustificando così l’azione di terribili crimini nel nome di un obbiettivo divino, come ad esempio furono le Crociate o la Santa Inquisizione.

Quindi la Religione rende potenti “coloro che sanno la verità”, usando questo “mito” per manipolare e controllare le società, un “mito” che serve come terreno psicologico sopra il quale altri miti possono sorgere, creando una storia in grado di orientare e mobilitare la gente, perchè una storia non può funzionare se non la si viene considerata vera.

E se per qualsiasi motivo una persona ha “il cattivo gusto” di discutere o porgere domande o sia anche in disaccordo circa la verità della “Storia Sacra” o del “mito”, i tutori della fede non entrano in dibattito con loro, ma semplicemente li ignorano o li condannano pubblicamente come blasfemi, quindi può aspettarsi facilmente di essere deriso, attaccato e addirittura essere indicato come un agente di Satana.
Un Mito è un’idea che, sebbene venga creduta come vera da molte persone, probabilmente è falsa, pertanto potremmo presumere o semplicemente alludere che la cristianità, assieme agli altri sistemi religiosi teistici, sono un qualsivoglia raggiro di questa Era??
Cosa ci nascondono? O per meglio dire, “CHI” stanno occultando con i loro insabbiamenti e dissimulazioni?
Forse stanno distogliendo la nostra coscienza dalla verità? Quella verità che riguarda questi esseri venuti dal cielo? Gli Anunnaki?? I Neteri?? I Nephilim?? ecc. ecc. ecc….

Il problema di fondo è che le persone sono state tradite con il lavaggio del cervello da parte della classe dirigente che difenderanno a pappagallo la religione, indipendentemente dalla quantità di prove che dimostrino che non è la parola di Dio.

PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI  ==> CLICCA QUI <== 

TORNA SU

GESUITI: LA CREAZIONE DELL’ISLAM

Gesuiti: La creazione dell’Islam

Un cardinale gesuita di nome Agostino Bea ci ha mostrato con quanto accanimento la chiesa cattolica volesse Gerusalemme alla fine del terzo secolo. Per via della sua storia religiosa e della sua collocazione strategica la città santa era considerata un tesoro inestimabile. Bisognava studiare un piano per rendere Gerusalemme una città cattolica romana.

La grande fonte di manodopera non ancora sfruttata, ma che poteva compiere quest’opera, erano i figli di Ismaele. I poveri arabi caddero vittime di uno dei piani più astuti mai realizzati dai poteri delle tenebre! I primi discepoli del Messia diffusero ovunque la buona notizia creando piccole chiese. Ma incontrarono pesanti opposizioni. Sia gli ebrei che il governo romano perseguitarono i credenti nel Messia per fermare la loro diffusione.

Ma gli ebrei si ribellarono a Roma, e nel 70 d.C. l’esercito romano al comando del generale Tito distrusse Gerusalemme e il tempio che era al centro del culto religioso e spirituale ebraico, adempiendo così alla profezia del Messia in Matteo 24:2. In questo luogo sacro dove una volta sorgeva il tempio, oggi sorge la Cupola della Rocca, il secondo luogo sacro dell’Islam.

Grandi cambiamenti erano nell’aria. Corruzione, apatia, avidità, crudeltà, perversione e ribellione stavano corrodendo l’Impero Romano, che era sull’orlo del collasso. La persecuzione contro i discepoli era inutile, perché continuavano a rinunciare alle loro vite per il vangelo del Messia. L’unico modo che satana aveva per fermare questa stoccata, era di creare un duplicato di religione cristiana.

La soluzione era Roma. La loro religione derivava dall’antica Babilonia e aveva solo bisogno di qualche ritocco. Questo non avvenne in un giorno, ma cominciò con gli scritti dei “padri” della chiesa. Fu attraverso i loro scritti che prese forma una “NUOVA RELIGIONE?” La statua di “Giove” a Roma finì per rappresentare “S.Pietro” e la statua di “Venere” fu mutata in quella della “Vergine Maria”.

Il sito scelto come suo centro era su uno dei sette colli, quello detto “Vaticanus”, il luogo del serpente divinatore dove sorgeva il tempio satanico del “dio” Giano. La GRANDE “falsa religione era la chiesa cattolica romana, dal nome misterioso “Babilonia la grande città, madre delle prostituzioni e degli abomini di tutto il mondo” (Apocalisse 17:5). Essa fu creata per fermare la Verità, uccidere i messaggeri di Dio, fondare nuove religioni, creare guerre e ubriacare il mondo con il vino della sua “fornicazione con i poteri”, come vedremo.

Le tre principali religioni hanno una cosa in comune: ciascuna ha un luogo sacro a cui si rivolge.

La chiesa cattolica romana ha come città sacra il Vaticano,
gli ebrei il muro del pianto a Gerusalemme
e i mussulmani hanno come città sacra la Mecca.

Ciascun gruppo crede di ricevere particolari benedizioni per il resto della vita quando si reca in visita al proprio luogo sacro. In principio, i visitatori arabi portavano doni alla casa di Dio, e i custodi della Qaaba erano concilianti con tutti.

Alcuni portavano i loro idoli, e per non offenderli i custodi li collocavano nel santuario (Si dice ..) che gli ebrei guardassero alla Qaaba con venerazione, come ad un tabernacolo periferico del Signore, finché non venne contaminato dagli idoli. Durante una contesa tribale riguardo a un pozzo (zam zam), il tesoro della Qaaba e le offerte dei pellegrini furono gettate nel pozzo, che fu poi interrato e scomparve. 

Molti anni dopo, Abd Al-Mattalib ricevette visioni sul sito del pozzo e del suo tesoro. Egli divenne l’eroe della Mecca, colui che sarebbe diventato il “nonno” di Maometto. Prima di questi fatti, S. Agostino divenne vescovo del Nord Africa e riuscì a convertire gli Arabi al cattolicesimo. 

Fu tra questi convertiti arabi che venne fatta “sviluppare” l’idea di cercare un profeta arabo. Il padre di Maometto morì di malattia, e a quel tempo i figli delle famiglie arabe facoltose venivano mandati nel deserto per essere allattati, svezzati e per trascorrere parte della loro infanzia con le tribù beduine per essere addestrati, e ad evitare le malattie nelle città.

Dopo che furono morti anche sua madre e il nonno, Maometto era con suo zio quando un “monaco cattolico”..(?) profetizzò la sua identità e disse: “riporta il figlio di tuo fratello nel suo paese e preservalo dagli ebrei, perché se lo scoprono e sanno di lui quel che so io, gli faranno del male”. Perché: “grandi cose sono in serbo per questo tuo nipote” (detto da un monaco cattolico).

Questo “monaco cattolico” aveva creato la futura persecuzione degli ebrei per mano dei seguaci di Maometto. Il Vaticano voleva disperatamente Gerusalemme per il suo significato religioso, ma era ostacolato dagli ebrei. Un ulteriore problema erano i veri discepoli (Natsarym) che predicavano il vangelo in Nord Africa. Il cattolicesimo aveva un potere sempre maggiore e non tollerava opposizioni. In qualche modo doveva trovare il sistema per “ELIMINARE gli ebrei, e i veri discepoli” del Messia Yahushua che rifiutavano il cattolicesimo.

Guardando al Nord Africa, la chiesa cattolica identificò nelle masse di arabi la forza lavoro utile a fare il loro lavoro sporco. Alcuni Arabi erano “diventati cattolici” e potevano essere usati per riportare informazioni ai  Capi di Roma. Altri furono usati in una rete occulta di spionaggio per realizzare il piano generale di Roma, atto a “controllare” le grandi moltitudine di Arabi che avevano rifiutato il cattolicesimo. 

Quando S. Agostino apparve sulla scena religiosa, SAPEVA di questo “diabolico progetto segreto”. I suoi monasteri furono utilizzati come basi operative per cercare e distruggere i manoscritti della Bibbia “usati dai veri discepoli”. Il Vaticano voleva “creare un Messia per gli arabi”, qualcuno da poter allevare come un grande leader del mondo arabo, un uomo con grande carisma, da “addestrare” per poi unire tutti gli arabi non cattolici dietro di lui, creando una potente armata che avrebbe infine conquistato Gerusalemme per il Papa.

Il Cardinale Bea ci ha raccontato questa storia durante gli incontri in Vaticano. Una ricca “vedova araba”, (fedele seguace del Papa) giocò un RUOLO CHIAVE in questo piano diabolico, una vedova di nome Khadijah. Essa lasciò il suo patrimonio alla chiesa e si chiuse in un convento, ma ricevette un incarico. Doveva trovare un brillante giovane arabo, che potesse essere usato dal Vaticano, per creare una nuova religione e divenire il condottiero (Messianico) per i figli di Ismaele.

Khadaijah aveva un cugino di nome Waraquah, “anche lui fedele cristiano cattolico” che il Vaticano pose in un ruolo fondamentale “come consigliere di Maometto”. E questo ebbe una ENORME INFLUENZA su di lui. Al giovane Maometto furono inviati maestri, e ricevette un intenso addestramento. Maometto studiò le opere di S.Agostino, che lo prepararono alla GRANDE CHIAMATA. Il Vaticano fece diffondere dagli arabi la notizia del prossimo avvento di un profeta prescelto tra il popolo; da Allah.

Mentre Maometto veniva preparato, gli fu detto che i suoi nemici erano gli ebrei, e che “gli unici veri adoratori erano i cattolici” .. (???) gli insegnarono che tutti gli altri che si chiamavano “credenti” erano in realtà dei malvagi impostori da distruggere. Molti mussulmani credono tutt’oggi questo. Maometto iniziò a ricevere “rivelazioni divine” e Waraquah, il cugino cattolico di sua moglie, lo aiutò a interpretarle.

Così nacque il Corano. Nel quinto anno della missione di Maometto e i suoi seguaci erano perseguitati perché si rifiutavano di adorare gli idoli alla Qaaba. Maometto istruì alcuni di loro a fuggire in Abissinia, dove li accolse il re cristiano cattolico Negus, perché le vedute di Maometto sulla Vergine Maria erano molto vicine a quelle della chiesa di Roma. Questi mussulmani ricevettero protezione dai re cattolici grazie alle rivelazioni di Maometto.

Più tardi Maometto conquistò la Mecca e la Qaaba fu “epurata” dagli idoli. La storia dimostra che prima dell’avvento dell’Islam, i Sabei di Arabia adoravano la dea luna che era sposata con il dio sole. Essi avevano tre figlie che erano adorate in tutto il mondo arabo come “figlie di Allah”. Un idolo scoperto ad Hazor in Palestina nel 1950 mostra Allah seduto su un trono con mezzaluna sul petto.

Maometto sosteneva di aver avuto una visione da Allah, che gli diceva: “Tu sei il messaggero di Allah”. Così iniziò la sua carriera di profeta, e ricevette molti messaggi. Quando Maometto morì, la religione dell’Islam era in grande espansione. Le tribù nomadi arabe si stavano unendo nel nome di Allah e del suo profeta Maometto. Alcuni degli scritti di Maometto furono inseriti nel Corano, altri non furono mai pubblicati. Ora sono nelle mani di uomini “santi” che occupano alte posizioni nella fede islamica, gli Ayatollah.

Quando il Cardinale Bea si è confidato con noi in Vaticano, ci ha detto che questi “scritti sono tenuti segreti” perché contengono informazioni che legano il Vaticano alla CREAZIONE DELLA RELIGIONE ISLAMICA. Entrambe hanno così tante informazioni l’uno sull’altro che se divulgate, potrebbero creare un tale scandalo che sarebbe un’apocalisse per entrambe le religioni.

Nel loro libro “sacro”, il Corano, Cristo è considerato un semplice profeta. Se il Papa fosse il suo rappresentante, allora anche lui deve essere un profeta di Dio. Questo ha indotto i mussulmani a temere e rispettare il Papa come un altro “uomo santo”. Il Papa agì in fretta e pubblicò delle bolle papali che garantivano ai generali il permesso di invadere e conquistare le nazioni del Nord Africa. Il Vaticano contribuì a finanziare la formazione di questi grandi eserciti islamici in cambio di tre favori: 1) Eliminare gli Ebrei ed i veri discepoli del Messia Yahushua, che essi chiamarono “INFEDELI”; 2) proteggere i monaci agostiniani e cattolici romani; 3) Conquistare Gerusalemme per “Sua Santità” al Vaticano.

Con il passare del tempo il potere dell’Islam divenne enorme – gli Ebrei e i veri discepoli furono uccisi, e Gerusalemme cadde nelle mani degli arabi. Né i cattolici né i loro luoghi di culto furono attaccati, in quel periodo. Ma quando il Papa pretese Gerusalemme fu stupito dal loro rifiuto! I generali arabi avevano un tale successo che il Papa non poteva intimidirli. Niente poteva mettersi tra loro e il loro obiettivo. Sotto la direzione di Waraquah, Maometto scrisse che Abramo offrì Ismaele come sacrificio. La Bibbia dice che il sacrificio fu Isacco, ma Maometto fece cancellare il nome di Isacco e lo sostituì con quello di Ismaele.

A seguito di questa visione di Maometto, i mussulmani fedeli costruirono una moschea, la Cupola della Roccia, in onore di Ismaele, nel luogo dove sorgeva il Tempio ebraico distrutto nel 70 d.C. Questo fece di Gerusalemme il secondo luogo sacro per la fede islamica. Ma come potevano cedere al Papa un simile tempio sacro senza provocare una rivolta? Il Papa si rese conto di aver perso il controllo della sua creatura, quando seppe che gli arabi chiamavano “Santità” un infedele.  

I generali mussulmani erano determinati a conquistare il mondo ad Allah, ed ora si rivolgevano verso l’Europa. Alcuni ambasciatori islamici andarono dal Papa, e chiesero delle bolle papali con il permesso di invadere i paesi europei. Il Vaticano era scandalizzato, e la guerra inevitabile. Il potere temporale ed il controllo del mondo erano considerati diritti fondamentali del Papa. E non aveva intenzione di condividerle con coloro che considerava dei pagani.

Il Papa mise in campo i suoi eserciti, i “crociati”, per impedire ai figli di Ismaele di impadronirsi dell’Europa cattolica. Le crociate durarono secoli, e Gerusalemme sfuggì alle mani del Papa. La Turchia cadde insieme a Spagna e Portogallo, che furono così invase dalle forze islamiche. In Portogallo essi chiamarono “Fatima” un villaggio di montagna in onore della figlia di Maometto senza immaginare che sarebbe diventato famoso in tutto il mondo.

Anni dopo, con le truppe islamiche pronte ad invadere l’Italia attraverso la Sardegna e Corsica, si pose un problema serio. I generali Islamici si accorsero di essersi spinti troppo oltre. Era il tempo di trattare la pace. E uno dei negoziatori fu, Francesco d’Assisi. Quindi, ai mussulmani fu consentito di occupare la Turchia all’interno del mondo cristiano. Mentre ai cattolici fu concesso di occupare il Libano nel mondo arabo. Fu anche concesso agli arabi di costruire moschee nei paesi cattolici senza intromissioni, purché la chiesa cattolica potesse espandersi nei paesi arabi.

Il Cardinale Bea ci ha raccontato durante gli incontri segreti in Vaticano, che mussulmani e chiesa cattolica si accordarono per bloccare e distruggere l’opera del loro comune nemico I VERI DISCEPOLI del Vangelo, fedeli alla Bibbia. Attraverso questi concordati, Satana ha impedito ai figli di Ismaele di pervenire alla conoscenza delle Scritture e della Verità. Fu mantenuto un controllo “morbido” sui mussulmani, dagli Ayatollah, sacerdoti, monache e monaci islamici.

Il Vaticano dirige anche una campagna d’odio tra gli arabi mussulmani e gli ebrei. Ove in precedenza, essi avevano sempre convissuto in pace. La comunità islamica considera i missionari fedeli alla Bibbia come “demoni” che portano veleno ai figli di Allah. Questo spiega perché l’opera di anni di predicazioni in quei paesi ha avuto scarso successo. Il passo successivo era di controllare lo stesso Islam. Nel 1910, il Portogallo stava diventando socialista. Mentre apparivano le bandiere rosse, la chiesa cattolica stava affrontando gravi problemi. E un numero crescente si opponeva alla chiesa.

I Gesuiti volevano coinvolgere la Russia, e la collocazione della visione a Fatima poteva giocare un ruolo chiave nel trascinare l’Islam all’interno della Madre Chiesa. Nel 1917, la Vergine apparse proprio a Fatima, La “madre di Dio” ebbe un successo clamoroso, e attrasse folle oceaniche. Di conseguenza, i socialisti del Portogallo furono sconfitti. I cattolici di tutto il mondo cominciarono a pregare per la conversione della Russia, i Gesuiti inventarono le Novene di Fatima che potevano celebrare anche in Nord Africa, migliorando le relazioni col mondo islamico.

Nel “culto di Fatima” gli arabi credevano di rendere onore alla figlia di Maometto, e questo era proprio ciò che i Gesuiti volevano. Come risultato dell’apparizione di Fatima, Papa Pio XII ordinò al suo esercito nazista di schiacciare la Russia, la religione ortodossa e rendere la Russia cattolica romana. Alcuni anni dopo avewr perso la II guerra mondiale, Pio XII sorprese il mondo con la sua falsa visione del “sole danzante” per mantenere alla ribalta Fatima. Fu un grande show religioso e tutto il mondo ci cascò.   

Incredibilmente, Papa Pio XII fu l’unico a vedere quel miracolo. Con la conseguenza che un gruppo di seguaci divenne un Esercito Blu mondiale, con milioni di fedeli cattolici pronti a morire per la fede nella vergine santissima. Ma questo non è niente, i Gesuiti hanno programmato 4 o 5 apparizioni della Vergine Maria da tenersi in Cina e Russia, e un’importante apparizione negli Stati Uniti. 

Cosa c’entra tutto questo con l’Islam? Ascoltiamo le dichiarazioni del vescovo Sheen: “Le apparizioni di nostra signora a Fatima hanno segnato un punto di svolta nella storia dei centinaia di milioni di mussulmani nel mondo”. Perché dopo la morte di sua figlia, Maometto scrisse che lei era “la più santa tra le donne in Paradiso accanto alla Vergine Maria”. Egli (Maometto) credeva che la vergine Maria avesse scelto di farsi conoscere come nostra “Signora di Fatima”, come segno e testimonianza per i mussulmani che avessero creduto alla nascita del Messia da una Vergine, così avrebbero creduto anche alla sua “Divinità” (?!)

Il vescovo Sheen ha rimarcato che le statue di nostra “Signora di Fatima” donate ai pellegrini sono state ricevute con entusiasmo dai mussulmani in Africa, India e altrove e anche molti mussulmani stanno ora convertendosi alla chiesa cattolica romana!

Intanto nel mondo sta tornando lo spettro di una Jahad mondiale (guerra santa) combattuta in nome di Allah! Questa inizia proprio con Babilonia (Iraq) la sede secolare di una moltitudine di religioni pagane! Così il “segno” della profezia indica che la FINE della prostituta religiosa, collusa con i poteri forti internazionali sta per avvenire e con essa verrà vendicato il sangue dei Giusti, dei Santi e di TUTTI QUELLI CHE SONO STATI UCCISI SULLA TERRA. Rivelazione capitolo 18 

FONTE ==> http://ningishzidda.altervista.org/isacco-ismaele/

 

PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI  ==> CLICCA QUI <== 

TORNA SU

DAL POLITEISMO AL MONOTEISMO

DAL POLITEISMO AL MONOTEISMO: LA NASCITA DI YAHWEH

DAL POLIT.AL MONOT.

La Genesi e gran parte del materiale contenuto nella Bibbia non sono altro che passaggi di eventi immortalati, su tavolette di argilla, precedentemente dai Sumeri, e questa cosa è ormai nota a tutti. La religione ebraica, nata dal culto del dio Enlil e della sua stirpe, è giunta a noi come religione monoteista e ha spianato la strada per il cristianesimo e l’islamismo, ma nella sua fase iniziale l’ebraismo non conosceva una singola divinità.
Quando leggiamo nella Bibbia il plurale Elohim non dobbiamo lasciarci ingannare dalle spiegazioni che ora ci vengono date dagli interpreti di una religione monoteista i quali asseriscono che Elohim è un plurale majestatis.
Allora se così fosse perché non vogliono spiegare perché in alcuni casi verrebbe usato questo plurale majestatis e altre volte invece la versione singolare?
Forse perché in alcuni casi si faceva riferimento ad una pluralità di individui mentre in altri si faceva riferimento al singolo?
La realtà è che il termine Elohim, plurale di Eloah (provenienti entrambi dalla radice El = Signore/Dio), indica una ‘collettività’ di dei e ciò è dimostrato dalle innumerevoli iscrizioni sumere in cui si parla di un ‘consiglio degli dei’, dei ‘sette che decretano i fati’ etc.
En.Lil, figlio di Anu, fratellastro di En.Ki, era considerato in Mesopotamia la maggiore divinità, anche se a capo del pantheon sumero stava Anu, ma la sua figura era più quella di un ‘patrono’ che quella di un Dio-guida.
Era una ‘carica onoraria’ in quanto padre delle due divinità principali, appunto En.Lil ed En.Ki i quali, assieme ai loro discendenti, fecero nascere ed evolvere la civiltà a Sumer.
Il nome En.Lil significa letteralmente ‘Signore del Vento/Aria’ ma il termine Lil ha anche il significato di ‘potere, comando’, da qui la traduzione di ‘Signore del Comando’ che viene fatta in molte tavolette sumere dedicate all’esaltazione della figura di questa divinità.
En.Lil veniva chiamato anche Ellil, nome da cui è nata poi la radice accadica Ilu per descrivere gli dei, e dalla quale a sua volta nacquero il termine ebraico El e quello arabo Allah.
El, dunque, non era un nome proprio di una divinità ma un termine descrittivo.
Uno degli appellativi accadici di En.Lil era Ilu.Kur.Gal, ovvero ‘Signore della Grande Montagna’, che è esattamente lo stesso epiteto che l’ebraismo usa per la sua divinità con il nome El Shaddai.
A questo punto è bene tenere presente una cosa: essendo l’ebraismo nato dalla devozione a En.Lil, è a lui che vengono attribuiti tutti gli eventi e le azioni principali e ‘positivi’ per la civiltà ebraica, a lui e alla sua progenie.

MIX GENETICONel racconto della creazione dell’ uomo, il testo biblico ci racconta che ‘Gli Elohim (quindi un numero minimo di 2 divinità) crearono Adamo dalla terra, […] maschio e femmina li crearono[…]’.
Successivamente si dice che ‘Allora Il Signore Dio (singolare) piantò un giardino nell’Eden a Oriente, e vi pose Adamo, perché lo coltivasse […]’.
Nelle bibbie moderne il tutto viene ridotto al singolare, ma è rimasta la differenza di denominazione tra i due passaggi infatti nel primo si parla di ‘Dio’ che rivolgendosi a qualcuno dice ‘Creiamo l’uomo a nostra immagine’, nel secondo si parla del ‘Signore Dio’ e i verbi sono al singolare.
Da una analisi attenta si comprende come un gruppo di dei nel primo passaggio crei l’ uomo, e come poi un singolo dio, nel secondo passaggio, lo ponga nel giardino dell’ Eden.
Andando a leggere le traduzioni di alcuni miti sumeri, troviamo una esatta corrispondenza difatti il primo passaggio della Genesi corrisponde a un testo che in forma ridotta è stato incluso nell’Enuma Elish e che racconta di una riunione di divinità (vengono menzionati Anu, En.Lil , En.Ki e poi Nin.Hur.Sag) durante la quale En.Ki propone di creare un essere che porti il fardello del lavoro che spettava agli dei.
Le parole usate d En.Ki e tramandate nel mito sono: “L’essere di cui parlo esiste già (Homo erectus?), dobbiamo solo imprimergli la nostra immagine, il nostro marchio – creiamo un essere a nostra immagine, che sia lui a portare il fardello degli dei”
Anche qui, come nel primo passaggio della Genesi, abbiamo un discorso tra varie divinità, l’uso del plurale, e l’intenzione di creare un essere umano ad opera di più divinità.

Il testo sumero continua con ‘Guardate, abbiamo qui Mami (uno degli epiteti di Ninmah e dalla quale parola deriva il termine MAMMA), che sia lei a dare vita al nuovo essere’ e con la risposta di Ninmah: ‘Da sola non posso farlo, abbiamo qui En.Ki dio di grande sapienza, che sia lui ad aiutarmi in questa impresa’, e anche in questo passaggio quindi si fa riferimento al fatto che la creazione avviene ad opera di almeno due diverse divinità.

Nel racconto biblico del Diluvio Universale, Dio decide di sterminare gli uomini a causa della loro ‘corruzione morale’ e decide di mandare un diluvio che avrebbe distrutto ogni forma di vita e simbolicamente lavato il peccato dal mondo, però improvvisamente leggiamo che ‘Noè trovò grazia nel cuore di Dio perché era un uomo giusto’.
Quindi Dio cambia idea e decide di salvare non solo Noè, ma anche sua moglie, i suoi 3 figli, e le 3 nuore, e quindi va da Noè e gli dà istruzioni per costruire una barca nella quale dovrà salire con la famiglia prima del diluvio, e stipare provviste animali e vegetali per poter far ripartire la vita dopo la catastrofe.
Ma stranamente il racconto sumero è molto più dettagliato e ci dice che è sempre En.Lil (Yahwe) che decide di distruggere i discendenti di Adamo a causa del loro proliferare: “Le loro voci mi arrecano fastidio, il loro accoppiarsi mi toglie il sonno, […] ma non posso fare niente contro loro per causa di mio fratello, Egli li protegge”. Successivamente En.Lil convoca En.Ki e gli intima di usare il suo potere per correggere i danni che la sua creazione aveva portato: <<” crea quindi un diluvio che spazzi via l’ uomo dalla terra”>>, ma En.Ki risponde che: <<“questo non è mio potere, non è una azione per me… è una azione per te, En.Lil, e tuo figlio Nin.Ur.Ta. Se vuoi un diluvio dì a Nin.Ur.Ta di aprire le porte del cielo”>>
La frase conclusiva del passaggio, pronunciata da En.Lil, è una trasposizione della frase del racconto biblico: “Ecco io allora lo farò da me… manderò il diluvio per spazzare l’ uomo dalla terra”.
sigillo enki-noèNel racconto sumero però troviamo una differenza significativa infatti mentre nella Genesi è Dio a cambiare idea all’ultimo momento e decidere di salvare Noè e la famiglia, nel corrispondente passaggio sumero è En.Ki (Satana) a voler salvare Noè, dirigendosi fuori dalla sua casa e facendo finta di parlare a un paravento di canne (in modo che comunque Noè potesse sentirlo), perché En.Lil (Yahwe) aveva fatto giurare agli altri dei di non rivelare la sua intenzione.
Le parole del testo sumero iniziano con:“O capanna di canne ascoltami! O Muro ascoltami! Abbatti questa casa, lascia qui ogni tuo bene terreno e costruisci una nave, riempila di tutto ciò che è vivo […]”.
Questa divisione dei ruoli di distruttore (EN.LIL)e di salvatore (EN.KI) nel testo sumero, nel momento in cui si sono attribuite a En.Lil (Yahwe) tutte le azioni ‘positive’ compiute da altri dei, è stata tradotta nell’improvviso quanto sospetto ‘cambiamento di idea’ che compare nella Genesi.

Anche il racconto della Torre di babele, nella Bibbia, seppur di poche righe, contiene una traccia utile a identificare En.Lil con Dio difatti mentre il popolo che si è stanziato nella ‘Valle di Shinar’ costruisce la città con la torre, “Il Signore venne giù a vedere la città e la torre che i figli degli uomini avevano costruito”.
A questo punto Dio, rendendosi conto che l’uomo era talmente civilizzato da pensare come un ‘popolo’ e non come gruppi di singoli o tribù, vede in questo un pericolo, e questa preoccupazione traspare dalle parole: <<“Guardate! Ora la gente è unita, con una sola lingua, ed ecco ciò che cominciano a fare. Compiendo questo niente sarà più loro impossibile di ciò che immagineranno”>>.
Il Signore prende quindi una decisione ed esorta altri non precisati dei a seguirlo: <<“Venite, scendiamo e confondiamo le loro lingue, così che non possano più comprendersi”>>.
La strategia di Dio è semplice ed efficace, se gli uomini fino ad allora parlando una lingua comune erano riusciti ad organizzarsi, ora con lingue diverse non ci sarebbero più riusciti.
La Genesi è un ultra condensato di racconti, e ciò fa sì che le varie parti del racconto della Torre di Babele siano riportate brevemente anche se descrivono momenti diversi distanti parecchio nel tempo,
difatti nella Bibbia subito dopo questa esortazione da parte del Signore, ci viene raccontato di come il Signore confuse le loro lingue, e scacciò gli uomini in varie zone della terra.
Ovviamente il ‘confondere’ le loro lingue non può essere un gesto immediato, e anche la dispersione degli uomini dalla valle di Shinar in altre terre non è una azione immediata, e per entrambe queste opere è richiesto un certo lasso di tempo che però viene eliminato nel racconto biblico che è appunto un sunto.
E’ bene notare come anche in questo racconto c’è un personaggio al singolare che parla a un gruppo di altri personaggi, ma agisce da solo e la distinzione singolare/plurale anche in questo passaggio è molto chiara, e abbiamo un corrispondente racconto sumero che racconta la medesima storia.
Esiste un racconto che contiene poche linee che descrivono un fatto molto simile a quello raccontato dalla Genesi, si tratta di un racconto della ‘biografia’ di Marduk, figlio di En.Ki che agli occhi di En.Lil (Yahwe) fu sempre sgradito per la sua pretesa regale.
Infatti bisogna ricordare che, quando furono divisi i regni sulla terra tra gli dei, il ruolo più importante fu dato a En.Lil, e nella ‘seconda generazione’, cioè quella dei figli di questi dei, il prescelto per il comando non fu Marduk come invece sarebbe dovuto essere, ma Nin.Ur.Ta, figlio di En.Lil.
BABELEIn questo racconto si parla di Marduk e del suo esilio e di come grazie a suo figlio Nabu tornò nelle sue terre a Canaan per raggruppare i suoi seguaci dirigendosi in Mesopotamia dove fondare una nuova città, Babilonia.
Il progetto di Marduk prevedeva una città con una grande ‘torre a gradini’ (una Ziggurat) chiamata E.Sag.Ila (Casa del grande dio), e fu allora che En.Lil, considerandolo un affronto al suo ruolo, decise di intervenire per scacciare Marduk.
Convocato suo figlio Nin.Ur.Ta, En.Lil dispose che: <<“Non più egli dovrà offendere il nostro potere, se ora il suo popolo lo eleggerà sovrano niente più potrà essergli impedito”>>.
En.Lil lancia dunque un appello a suo padre Anu, e non ottenendo il favore, si rivolge misteriosamente a Dam.Ki.Na, madre di Marduk, la quale però collerica risponde che: <<“‘Il suo numero […] il suo nome io sceglierò, al suo fianco starò”>>.
L’ enigmatica frase ‘Il suo numero’ è un riferimento al fatto che gli dei Anunnaki, come ci dicono i sumeri, avevano un grado di importanza definito da un numero, Anu che era il capo aveva rango 60, En.Lil 50, En.Ki 40 e Marduk solo 10.
A Nin.Ur.Ta, figlio di En.Lil, era stato dato lo stesso rango di suo padre quindi 50 e ciò fa capire l’astio di Marduk da cosa era dovuto.
Poche righe più avanti nel testo si legge quindi che: <<“Durante la notte il Signore del Cielo scese sulla terra ma gli uomini contro lui si scagliarono […] Egli rase allora al suolo la città, e il suo comando fu che fossero dispersi e le loro menti confuse”>>.
Al di la quindi degli epiteti e dei nomi, abbiamo gli stessi elementi che identificano il racconto biblico con quello sumero, la costruzione di una città con la torre, l’appello di un (singolare) dio ad altri dei (Nin.Ur.Ta, Anu, Dam.Ki.Na), distruzione della torre, la dispersione del popolo in varie terre, e la confusione (delle menti nel racconto sumero, nella bibbia delle lingue).
Nel racconto della Genesi si dice che: <<“‘allora questo posto fu chiamato Babele, perché qui il Signore Dio confuse le lingue dell’ uomo”>>, così il termine Babele prese da qui un significato di bolgia, confusione, che è arrivato fino a noi, ma questo termine non significa confusione ma bensì “Porta del Dio/degli dei” (Bab-ilu) quindi si vuole tramandare il nome della città assegnandogli un significato che non ha.

Finora abbiamo stabilito che, quando nella Bibbia, o meglio nel vecchio testamento, si fa riferimento al ‘Signore’ ci si riferisce a En.Lil e il nome generalmente usato in molti di questi racconti è El, e viene utilizzato sia come nome proprio sia come parte di un epiteto, come per esempio El Shaddai o anche El Elyon.
Da questa prima riflessione abbiamo visto 3 esempi in cui i resoconti biblici sono corrispondenti ad altrettanti racconti sumeri con protagonista proprio En.Lil.
Dobbiamo quindi concludere che El (Yahwe) è SEMPRE il dio sumero En.Lil?
No, perchè ci sono tantissimi altri episodi che, se presi singolarmente, identificano El (yahwe) con altre divinità, a volte discendenti di En.Lil, ma altre volte discendenti di En.Ki.
Abbiamo già visto che l’atto della Creazione di Adamo avvenne ad opera di En.Ki (Satana), e questo è il primo degli episodi che collega questa divinità al Dio ebraico.
Oltre a questo episodio abbiamo visto anche il suo intervento nel salvare la vita a Noè in procinto del diluvio, ci sono però anche altri riferimenti che sembrano identificare En.Ki (Satana) come probabile candidato a vestire i panni di Yahweh/El.
Innanzitutto En.Ki era il più saggio degli Anunnaki, era colui che deteneva tutti i segreti della scienza, della medicina, dell’estrazione mineraria etc., e nonostante tutti gli dei avessero conoscenze in questi ambiti ed alcuni addirittura eccellessero in determinati campi per cui venivano adorati, era En.Ki il più grande depositario di conoscenze.
Il simbolo di En.Ki era il serpente, e val la pena ricordare che Yahweh trasformò per prodigio il bastone di Mosè proprio in un serpente.
Uno dei nomi che veniva dato a En.Lil era Ilu.Kur.Gal che trova il suo corrispondente nell’ebraico El Shaddai, Signore delle Montagne, ma esisteva anche un altro ‘Signore delle Montagne’ nel territorio mesopotamico, precisamente nella parte più a est.
Era il figlio minore di En.Lil conosciuto dai sumeri come Ish.Kur e dagli accadi come Adad e il suo regno era la parte nord dell’Asia Minore, dove svetta la catena del Tauro.
Il nome Ish.Kur è legato alle montagne dalla radice Kur, ma il sillabico Ish è sempre stato controverso infatti può essere fatto derivare da Isha (Signore) che dunque comporrebbe con Kur proprio quel titolo di ‘signore della montagna’ di cui stiamo trattando.
Ma la parola Ish veniva tradotta in accadico con Shaddu, ed è da questo termine che deriva l’ebraico Shaddai, inoltre alcuni passi dei salmi (135:7) e del libro di Giobbe si parla di Dio come di colui che chiama la pioggia e le nubi durante l’Esodo, e in altri punti della Bibbia si parla di Dio dicendo: <<“Al suono della sua voce rombano le acque, […] egli produce i fulmini e le nubi […] e libera i venti dalle loro riserve>>”.
Dio era quindi legato alle tempeste, e Ish.Kur era appunto il dio delle tempeste e in tali veste era adorato come Adad dagli accadi e come Teshub dagli ittiti e hurriti.
La conoscenza medica e scientifica di En.Ki (Satana) venne trasmessa ai suoi due figli prediletti: Marduk e Nin.Gish.Zid.Da i quali erano venerati in Egitto con i nomi di Ra e Thot.
Uno dei lati più controversi che la Bibbia assegna a Dio era la sua capacità di guarire infatti ci sono innumerevoli riferimenti a questo ‘dio guaritore’.
Nel libro di Geremia si legge: <<” Guariscimi o Signore ed io sarò guarito […]”>>, mentre in Salmi 103:1-3 si legge: <<” Anima mia benedici il Signore, […] egli guarisce tutte le mie malattie”>>. Yahwe inoltre guarisce Ezechia salvandolo da morte certa e gli dona oltre 10 anni di vita in più e riportava in vita i morti, come in una visione di Ezechiele.
Inoltre era un architetto eccezionale, dato che diede istruzioni dettagliate per la costruzione del Tempio di Gerusalemme perfino sugli orientamenti, sugli arredamenti, sui materiali da usare.
La divinità sumera che più corrisponde a tutti questi tratti è Nin.Gish.Zid.Da, infatti fu lui che in qualità di Thot (Dio egizio) accorse in aiuto di Iside quando Horus fu morsicato da uno scorpione velenoso, e fu lui il rinomato architetto che progettò il tempio di Nin.Ur.Ta a Nippur, fu lui che secondo gli egizi progettò le piramidi e che secondo i sumeri aiutò suo padre En.Ki (Satana) a rendere i primi Lu.Lu (Adam biblici) creati capaci di procreare.

armi-atomicheC’è un episodio della Bibbia, quello della distruzione di Sodoma e Gomorra, che analizzato in alcuni dettagli (più che nella storia completa) ci rimanda a un lungo testo sumero chiamato Epica di Erra.
Entrambi i racconti contengono elementi che hanno quasi del fantascientifico: piogge di fuoco e zolfo, un vento maligno che semina morte, divinità iraconde, la distruzione di una zona geografica ben identificabile.
Nel racconto della Bibbia la distruzione arriva su Sodoma e Gomorra, due città ‘corrotte allo sguardo di Dio’, mentre nell’Epica di Erra ad essere distrutte sono Sumer e la zona del Mar Morto.
Nel racconto biblico è Dio che distrugge queste città dopo averne constatato la corruzione, mentre nel testo sumero a condurre l’attacco sono si due divinità distinte, ma delle quali una in particolare si accanisce in maniera spietata, appunto il dio Erra, questo nome è uno degli epiteti di Ner.Gal, figlio di En.Ki e fratello di Marduk.
La distruzione avviene a causa del tentativo di Marduk (ancora una volta) e di suo figlio Nabu di prendere il controllo della zona di Babilonia e di Nippur ed è per questo che Nin.Ur.Ta e Ner.Gal, chiamati rispettivamente nell’epica Ishum (colui che brucia) ed Erra (colui che annienta), vengono autorizzati a usare le ‘sette armi del terrore’ contro le città conquistate da Nabu.
Nel racconto biblico è famoso il passaggio in cui si descrive la morte della moglie di Lot che, fermatasi ad assistere alla distruzione delle città, venne tramutata in una ‘statua di sale’.
Il termine esatto che viene utilizzato nello scritto ebraico è “Netsiv Melah”, ma se come è probabile questo racconto è un eco della Epica di Erra, scritto in sumero, si deve chiarire che il termine Melah deriva dal sumero Ni.Mur che significava sia ‘sale’ che ‘vapore’.
Nell’epica di Erra, il dio Ner.Gal conducendo l’ attacco dichiara che: <<“Le genti io farò scomparire […] le loro anime tramuterò in vapore”>> e il termine utilizzato è proprio Ni.Mur.
Queste molteplici possibilità di identificare El con varie divinità, si spiega con il fatto che tra l’epoca sumero-accadica e l’avvento del monoteismo ebraico ci sono comunque oltre 1000 anni di storia, e tra la civiltà sumera e la stesura della Bibbia ci son oltre 2000 anni. Durante questo arco di tempo la Mesopotamia fu frazionata in tanti regni, si succedettero tante dinastie di re, tanti popoli, ognuno dei quali venerava un particolare dio derivato dal pantheon sumero. Questa venerazione avveniva sistematicamente riconoscendo anche gli altri dei, “enoteismo” ma eleggendone uno a ‘divinità principale o nazionale’, ed è questa la chiave che ci porta a comprendere la ‘nascita di Yahweh”.
Due popoli, con le rispettive religioni, sono essenziali in questo cammino, sono Gli Ittiti e gli Assiri.
Gli Ittiti erano un popolo proveniente dai balcani e si stabilrono nell’Anatolia del sud nel II millennio a.C., una epoca successiva all’espandersi della civiltà sumera e alla nascita del primo regno di Babilonia.
La prima vera fase in cui gli Ittiti si diffusero coincide con la adozione della città di Hattusa come loro capitale, e venendo in contatto con le popolazioni circostanti, gli Ittiti adottarono un pantheon misto che si rifaceva in gran parte alle divinità dei sumeri.
Nei loro scritti sono menzionati Utu e Teshub assieme ad altre divinità di più difficile identificazione, ma Utu è ben identificabile nell’omonimo dio del sole sumero, e Teshub è altrettanto identificabile nella versione hurrita di Ish.Kur/Adad.
Fu con gli Ittiti che molti degli dei ‘giovani’ sumeri trovarono un nuovo nome e un loro culto, ed è interessante notare che di volta in volta questi ‘dei nazionali’ venivano venerati attribuendogli opere di altri dei.
In parallelo a questa azione però gli Ittiti furono i primi a distaccarsi dalle tradizioni mesopotamiche e creare una nuova religione basata sul culto dei morti e su un nuovo concetti di aldilà, e furono con loro che gli dei, da esseri in carne ed ossa che vivevano con il popolo, diventarono delle entità da venerare come ‘incarnazioni’ di concetti astratti
Gli Assiri invece erano un popolo che abitava la zona a nord-est della Mesopotamia, ai piedi dei monti Zagros, erano fortemente imparentati con i babilonesi ed erano un popolo molto combattivo le cui tracce ci arrivano già a cavallo del 1900 a.C. con l’ inizio del loro primo regno.
La religione Assira era una versione quasi speculare di quella babilonese del periodo in cui Marduk era dio nazionale di Babilonia, il cui corrispondente assiro era Ashur, un dio molto violento, che veniva rappresentato con gli attributi di precedenti divinità sumero-accadiche.
Aleyan-BaalLa figura di Ashur successivamente si evolvette nel Aleyan-Baal, arrivato a noi tramite i fenici, ma adorato precedentemente da tutti i popoli canaanei.
Questo Baal é il punto focale della trasformazione degli dei mesopotamici nella figura che poi nell’ebraismo fu adorata come El/yahweh difatti il Baal della mitologia canaanita è la prima figura che prende su di se gli attributi di tutte le principali divinità precedenti.
Se tutte queste divinità erano ricondotte al nome El, che potremmo pensare come un ‘nome collettivo’, serviva una figura che potesse permettere il ‘grande passo’ nell’azione di creazione di una unica figura che rispondesse a tutte le caratteristiche degli dei precedenti, ma che allo stesso tempo non fosse identificabile come una ben precisa divinità tra tutte queste.
L’unico candidato possibile era il figlio di Baal e della sua sorellastra Asherah, e si chiamava, stranamente, Jaw.
Questo nome era una radice che iniziò ad apparire in molti epiteti divini e cronologicamente parlando non si hanno testimonianze di questa radice prima del 1400 a.C., ed è bene evidenziare che è questo, il XV secolo a.C., il lasso di tempo in cui si svolge l’esodo e yahweh fa la sua prima comparsa.
Nel suo apparire a Mosè, quando egli gli chiede quale nome dovesse dare agli Israeliti, rispose con le famose parole: <<“Il dio dei vostri padri mi ha mandato[…]”>>, e continuando Mosè: <<“ma se essi mi diranno: Chi è questo Dio? Come si chiama? – Io cosa risponderò loro?”>>, e yahweh gli risponde con l’ enigmatica frase: <“Io sono colui che sono![…] dirai al tuo popolo: Ehyeh mi ha mandato da voi. Questo è il mio nome, con questo titolo sarò ricordato di generazione in generazione”>>.
Ci sono ben due cose da notare in questo passaggio: innanzitutto il Dio dice a Mosè che sarà ricordato con un titolo, facendo intendere che si tratti di un epiteto e non di un nome proprio, inoltre la prima frase ‘Io sono colui che sono’ nell’originale ebraico è “Ehyeh asher Ehyeh”, che grammaticalmente non è un presente ma un futuro, e il significato letterale è “Io sono chiunque sarò”.
Questa frase è la chiave che ‘taglia’ tutte le figure divine delle varie divinità di El, e crea la figura di yahwe come unico Dio che funge da summa di tutte le precedenti.
Questa rottura è ben resa anche dal passaggio in cui yahwe dice a Mosè: <<“Ad Abramo e Isacco mi presentai come El Shaddai […] ma il mio nome yahweh loro non conobbero”>>, dando un chiaro segno di un momento, l’ incontro con Mosè, in cui questo Dio cambia identità da El a yahweh.
La frase “Io sono chiunque sarò” suona come una imposizione che vieta una ben precisa identificazione e pone un muro che taglia con le figure passate, rafforzato da quel passaggio da El Shaddai (e quindi El) a Yahweh.
Con questa serie di frasi si apre quindi una nuova era religiosa, in cui una nuova divinità viene creata raggruppando tutte le possibili divinità sotto il nome di El e cambiandogli nome in Yahweh eliminando, con la stessa definizione del nome, ogni riferimento al passato.

FONTE ==> http://gizidda.altervista.org/down/LA-NASCITA-DI-JAHWE.pdf

PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI  RELIGIONI ==> CLICCA QUI <== 

O BIBBIA ==> QUI <==

TORNA SU

ERE ZODIACALI NELLA BIBBIA

ERE ZODIACALI NELLA BIBBIA

La Bibbia, come già detto, è uno dei tanti libri di storia che racconta le vicende accadute ad un popolo nell’antichità e dovrebbe essere letta per com’è, senza interpretazioni o metafore come ci impone tutt’oggi la chiesa.

Tra le molte “metafore” (come ci dice la chiesa, ma che mai ci spiega) che riscontriamo in questo Testo “Sacro”, una molto importante riguarda l’astrologia, e più precisamente si riferisce alle ERE, ossia la suddivisione dell’età del mondo su base zodiacale, resa possibile dal fenomeno astronomico della precessione degli equinozi.
Secondo Charles Dupuis, un erudito illuminista, e molti altri studiosi, i riferimenti a questo argomento sono numerosi, e affermano inoltre che nella Bibbia sarebbero delineate le transizioni fra quattro ere.
La curiosità è che “per coincidenza”, anche altre culture parlano di ERE, come quella Sumera che racconta di Tempi e di Domini, ad ogni Era, un “Dio” dominava. Ad Enlil, capo degli Anunnaki apparteneva la costellazione del Toro, a Marduk quella dell’ Ariete, a Inanna la Vergine e così via.
Nella Bibbia la Prima Era che riscontriamo è quella del Toro e la troviamo in Esodo 32, quando gli Israeliti venerano un falso idolo, il vitello d’oro, e questo Totem bovino in effetti rappresenta Taurus, ossia il Toro (3400-2150 a.c.), mentre Mosè rappresenta la nuova Era di Aries, l’Ariete (2150 a.c. – 1 d.c.) e questa è la ragione per cui gli Ebrei ancora oggi suonano il corno di Ariete.
Mosè rappresenta la nuova era e con la nuova era tutti devono abbandonare quella vecchia, e Gesù quindi è la figura che introduce l’era successiva a quella di Mosè (Aries): l’Era dei Pesci (1-2150 d.c.).
Il Pesce è un simbolismo molto comune nel Nuovo Testamento, essendo Gesù conosciuto come il Grande Pescatore che ha sfamato 5000 persone con pane e due pesci (Matteo 14:17); inoltre la Mitra (cappello) del Papa è incontrovertibilmente una testa di pesce che rappresenta quindi l’Era dei Pesci di jesus lives2Gesù; e credo che tutti conosciamo il simbolo del pesce “Jesus Lives” ma pochi sanno realmente cosa significa veramente, esso è un simbolo astrologico pagano per il Regno del Sole durante l’Era dei Pesci.
In Luca (22:10), quando i discepoli chiedono a Gesù dove si preparerà la Pasqua dopo la sua morte, Gesù replicò:” Appena entrati in città, vi verrà incontro in uomo che porta una brocca d’acqua. Seguitelo nella casa dove entrerà.”
Questa scrittura è di gran lunga uno fra i più significativi riferimenti astrologici della Bibbia, l’uomo che porta la brocca d’acqua è l’Acquario che è sempre rappresentato come un uomo che versa acqua da una brocca.
Esso rappresenta l’era dopo i Pesci, e quando il Sole, il “Dio Sole”, lascerà l’era dei Pesci (Gesù) entrerà nella Casa (Era) dell’Acquario (2150-4300 d.c.), dato che Acquario segue i Pesci nella Precessione degli Equinozi.
Gesù sta solo dicendo ai suoi discepoli che dopo l’Era dei Pesci, arriverà l’Era dell’Acquario, quindi nessuna fine dei tempi o fine del mondo, perchè in Matteo (28:20) dove Gesù disse: “Io sarò con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”, la traduzione della parola “mondo” è errata, (assieme a molti altri errori di traduzione che ritroviamo nella Bibbia), o meglio è stata sostituita, in quanto la parola originale del versetto è “AEON”, che significa “ERA” pertanto: “Io sarò con voi fino alla fine dell’era”, è solamente la personificazione dell’Era dei Pesci in Gesù-Sole che terminerà quando il Sole entrerà nell’Era dell’Acquario e quindi l’intero concetto di fine dei tempi e di fine del mondo è un errore di interpretazione.

PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI  ==> CLICCA QUI <== 

TORNA SU

LA RELIGIONE E IL CULTO DEL SOLE

LA RELIGIONE E IL CULTO DEL SOLE

Uno dei vari argomenti che accomuna la nascita delle Religioni è il “Sole”.

In seguito al Diluvio Universale (10.000 a.c.) tutti i popoli del mondo hanno iniziato a venerare e adorare questo lucente oggetto del cielo per il semplice fatto che ogni giorno il sole sorge, illumina e riscalda e quindi “porta la vita”; ed è da questo “Potere di dare la Vita” che si crea l’appellativo di “salvatore” o “Creatore” e quindi accomunato a “Dio”.
Insieme allo studio delle stelle, della luna e dei pianeti, l’evoluzione del Sole viene ordinato e registrato dando così vita alle più antiche raffigurazioni della storia umana, le Costellazioni; queste sono state antropomorfizzate, ovvero personificate come persone o animali, reali o fantastici, che si manifestano in quel preciso periodi dell’anno, come ad esempio L’Aquario, che è l’uomo che versa l’acqua, e che pertanto porta le piogge di primavera. Da qui infatti l’etimologia del nome che deriva dal greco ζῳδιακός, “zōdiakòs”, parola a sua volta composta da ζῷον,zòon, “animale, essere vivente” e ὁδός, hodòs, “strada, percorso”.
Le Costellazioni saranno quindi raggruppati in quella che noi oggi chiamiamo “Croce dello Zodiaco”.
La croce dello Zodiaco quindi, rappresenta il viaggio del sole che attraversa le 12 costellazioni, oltre che a rappresentare i 12 mesi dell’anno, le 4 stagioni, i solstizi e gli equinozi.

Come già detto, tutte le Religioni del mondo, quasi contemporaneamente, hanno iniziato a venerare e antropomorfizzare la figura del “Dio Sole”, e questo è abbastanza strano, ma ancor più irreale è il fatto che, nononstante i nomi diversi, tutte queste culture gli abbiano attribuito caratteristiche e sopratutto “immagini” quasi del tutto identiche, in quanto queste divinità solari sembrano avere tutte la stessa struttura mitologica generale.

In Egitto abbiamo prima Iside, poi Horus col simbolo del Sole Alato; in seguito verrà venerato Ra; in Africa la Tribù dei Munsh considera il Sole figlio dell’essere supremo Awondo, la tribù dei Barotse invece crede che il Sole sia abitato dalla divinità del cielo Nyambi. Nella mitologia azteca abbiamo Tonatiuh (Nahuatl: Ollin Tonatiuh, “Movimento del Sole”), mentre in quella Inca c’è Inti, nei Veda Sanscriti degli Indù invece moltissimi inni sono dedicati a Surya/Mitra la personificazione del Sole, i Buddisti adorano la Dea Marici, mentre gli Giapponesi venerano Amaterasu, primordiale dea del sole. Nella Mesopotamia Accadica c’era Utu/ Shamash, mentre nella religione Cananea c’era Shapash, la dea del sole; e così via per il resto del mondo e dei millenni.


chiesa e sole pagano2Inoltre, questo “Emblema dello Zodiaco”, che rappresenta graficamente i movimenti del sole, viene adottato dai Pagani come simbolo spirituale, “una Croce con al centro un cerchio”; possiamo dire quindi che è tutto fuorchè cristiano, poichè è antecedente ad esso.

Ma la Cristianità se nè appropriata quasi subito associandolo a Gesù raffigurandolo nell’arte sacra sempre con la sua testa nella Croce, giustificandosi in quanto Gesù è il Sole, il Sole di Dio, la Luce del Mondo, il Salvatore Risorto che ritornerà ancora, come ritorna ogni giorno il Sole e può essere visto “arrivare dalle nuvole”, “lassù in cielo” (Giovanni 3:13), con la sua “corona di spine” o raggi solari (Giovanni 19:5).

Tutte queste strane somiglianze sono sempre state giustificate dalla Chiesa come opera del demonio per sviare i cristiani dalla vera fede, ma se tutte queste divinità sono antecedenti alla nascita di Gesù, chi e su cosa voleva sviare il demonio se la venuta di Cristo non era stata ancora predette e quindi il Cristianesimo non era ancora nato?
Forse prima di studiare teologia si dovrebbe studiare un pò di storia delle religioni.

PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI  ==> CLICCA QUI <== 

TORNA SU

LA BIBBIA, Dubbi e Domande

LA BIBBIA, Dubbi e Domande

BIBBIA

La BIBBIA è un testo tramandato di generazione in generazione e il punto di riferimento è il cosiddetto Codice di Leningrado dei Masoreti, che sono i custodi della tradizione, dal quale derivano tutte le bibbie così come noi le conosciamo.

Secondo la religione cattolica il vecchio testamento è composto da 46 libri, “libri ispirati da Dio” e che “dobbiamo ritenere veri”, mentre secondo l’ebraismo i libri da ritenere attendibili sono soltanto 39.
Secondo la comunità cristiana-copta invece sono veri dei libri, che sia per il cristianesimo sia per l’ebraico sono falsi, come ad esempio il libro di Enoch.
Nelle nostre bibbie odierne sono citati ben 11 libri; libri che gli antichi autori biblici conoscevano e menzionavano e quindi ritenevano attendibili perché ispirati da Dio, ma che oggi sono scomparsi dalle Bibbie attuali. Questo perché nel corso della storia chi aveva in mano il potere di decidere della bibbia, decideva in base al momento storico quali erano le verità che dovevano essere conosciute e quindi di veicolare le masse verso una verità piuttosto che un’altra.
Ma allora se tutta la bibbia è ispirata da Dio quali sono i libri da ritenere attendibili? Perché non tutti i libri sono ritenuti veri? Chi decide quali sono i libri veri e quelli falsi?

Svelare la Bibbia è stato un esercizio secolare, e la maggior parte delle religioni e delle filosofie, che stanno ancora cercando queste verità assolute, hanno dato vita a incongruenze e contraddizioni tanto da rendere difficile la sua comprensione.
Ma chiunque abbia studiato la storia da vicino si rende conto che ogni vicenda viene inclinata a vantaggio degli autori stessi, e in questo caso gli eruditi Biblici l’hanno offuscata col mistero, abbandonandosi in spiegazioni utopistici tanto da imbambolare e spaventare l’umanità.

Quindi la Bibbia è realmente la Parola di Dio che non contiene errori di sorta?? In altre parole, la Bibbia è l’infallibile?

La chiesa ribadisce che la Bibbia va compresa, che quando leggiamo un versetto questo dev’essere interpretato, insomma quando dice una cosa ne intende dirne un’altra.
Ma se non fosse proprio così?? E se prendessimo atto che quando la Bibbia dice una cosa, sta esattamente dicendo quella cosa??!!

Così facendo possiamo scoprire cose molto interessanti, come ad esempio la cosa più semplice, ossia che la Bibbia è uno dei tanti libri di storia scritti nell’antichità, inoltre scopriremmo che quando ci parla di Elohim non si riferisce ai “Giudici”, agli “Idoli di Pietra” ecc.., ma semplicemente ad una molteplicità di individui dotati di un corpo materiale che camminavano, mangiavano, si riposavano e si lavavano come tutti; ma sopratutto quando ci racconta del “Dio Unico” o ” Signore Iddio” “JAHWEH”, non siamo di fronte “Alla Divinità Trascendentale” che ci hanno sempre fanno credere, ma egli è solamente uno degli Elohim fatti di carne ed ossa.
Di esso infatti, anche durante le messe, vengono letti dei passi in cui viene definito come” il Signore degli eserciti” … ma la gente deve interpretare, e quindi sorvola come se nulla fosse!!

Ma l’abbiamo mai davvero interpretata la Bibbia?? O meglio..l’abbiamo mai letta sul serio??

Si sa che la BIBBIA è il libro più venduto al mondo, ma è anche un dato di fatto che essa sia il testo meno letto dalla società, e per meno letto si intende il non limitarsi alla meccanica lettura dei Salmi durante la Messa.
Nessuno di noi ha mai avuto la necessità di leggerla poichè l’educazione religiosa a noi impartita, a scuola o in chiesa, è ricca di narrazioni colorite, e quindi quasi nessuno si è mai preso la briga di verificare ciò che ci è sempre stato raccontato in maniera così pittoresca e allegorica; e se poi aggiungiamo anche la cinematografia che ha contribuito ad arricchire la “nostra” conoscenza del testo biblico, non si vede effettivamente il perché si dovrebbe leggere ciò che si conosce così “bene” generando, in questo modo, in ognuno di noi l’errata convinzione di conoscere la materia senza alcuna ombra di dubbio.

Se riflettiamo, di interrogativi ce ne sono parecchi!

PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI  ==> CLICCA QUI <== 

TORNA SU

Translate »
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.