COMUNICARE CON I GATTI

COMUNICARE CON I GATTI

COMUNICARE CON I GATTI

Gli animali “sentono”, “vedono”, “comunicano” con altri sensi. Numerosi esperimenti incruenti dimostrano come gli animali percepiscano in modo nitido gli avvenimenti anche se “privati” dei normali sensi.
Vi sono montagne di prove che indicano le capacità extrasensoriali degli animali: animali domestici che sanno quando il padrone muore o è in pericolo anche se è lontano centinaia di chilometri; capacità di leggere nella mente; predizioni di terremoti, temporali e perfino bombardamenti molto tempo prima che abbiano luogo; capacità di attraversare un continente alla ricerca del padrone perduto; il loro ritorno dall’aldilà per avvisare i padroni di un pericolo; perfino preveggenza, come nello strano caso di Missie, il Boston Terrier che sapeva contare e dialogare con gli esseri umani secondo un linguaggio convenzionale.
Sono poteri che pochi di noi, la razza “superiore” del pianeta, possiedono. E forse gli animali fanno uno sforzo maggiore per comunicare con noi di quanto noi ne siamo consapevoli, e la maggior parte dei loro messaggi non ricevono mai la nostra attenzione.
COMUNICARE CON I GATTILa capacità degli animali a trasmettere e a ricevere messaggi telepatici, è una proprietà acquisita dell’organismo animale che precede la coscienza sensoriale. La telepatia potrebbe spiegare l’improvviso cambio di direzione di uno stormo d’uccelli che volano assieme, e potrebbe anche aiutarci a capire come mai cani e gatti sono in grado di ritrovare i loro padroni anche a grandi distanze, in luoghi dove non sono mai stati.

A coloro che convivono con cani e gatti si dà il seguente suggerimento: per abituare il vostro beniamino a capire la parola seduto, per esempio, chiedetegli di sedersi mentre lo visualizzate in quella posizione. Presto l’animale risponderà al “comando”, se lo desidera, quando avrà ricevuto l’immagine da voi. Mentre viene dato questo tipo di istruzione, avviene un tipo di comunicazione ESP, ovvero si conversa nel linguaggio degli animali. Quando diventerete abili, diventerà naturale “chiacchierare” col vostro Gatto (attraverso le immagini ESP). I Gatti, più di qualsiasi altro animale, sono in grado di leggere nel pensiero e di comunicare a livello inconscio con gli esseri umani, ma accade solo quando le onde elettromagnetiche di entrambi coincidono.

Nel corso della nostra vita quotidiana tutti noi sperimentiamo diversi “stati di coscienza”. Nell’arco di una giornata, tra la luce del mattino e il buio della notte, ci muoviamo da uno stato ordinario di veglia ai diversi stadi del sonno, tuttavia anche gli stati di coscienza “straordinari” fanno parte della nostra comune esperienza: quando ci sentiamo particolarmente “creativi”, insolitamente “intuitivi”, eccezionalmente “lucidi”, profondamente “rilassati”.
Ordinari o straordinari che siano, tutti gli stadi della nostra coscienza sono dovuti all’incessante attività elettrochimica del cervello, che si manifesta attraverso onde elettromagnetiche, le onde cerebrali, appunto.

La frequenza di tali onde, calcolata in cicli al secondo, o Hertz (Hz), varia a seconda del tipo di attività in cui il cervello è impegnato, e può essere misurata con apparecchi elettronici. Gli scienziati suddividono comunemente le onde inquattro bande, che corrispondono a quattro fasce di frequenza e che riflettono le diverse “attività del cervello”.

Tutti noi, anche se ignari, siamo dotati di uno strumento eccezionale che emette e capta onde elettromagnetiche. Uno strumento che, chiamato in gergo “corna del cervello”, rappresenta la proiezione della forza psichica al di fuori del corpo. Gli stati delle onde elettromagnetiche nell’uomo si dividono in:

Onde Delta (Centro di Potere Psichico)
ONDE DELTAStato di Coscienza: Sonno Profondo
Hanno una frequenza tra 0,1 e 4 Hz, e sono associate al più profondo rilassamento psicofisico. Le onde cerebrali a minore frequenza sono quelle proprie della mente inconscia, del sonno senza sogni, dell’abbandono totale; in questo senso vengono prodotte durante i processi inconsci di autogenerazione e di autoguarigione.
Come le Theta, sono l’elettricità nervosa del Centro di Potere Psichico, o della personalità inconscia.

Onde Theta (Potere Psichico)ONDE THETAStato di Coscienza: Sonno (REM)
La loro frequenza è tra i 4 ed i 8 Hz, e sono proprie della mente impegnata in attività di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa. Tendono ad essere prodotte durante la meditazione profonda, il sogno ad occhi aperti, la fase REM del sonno (cioè, quando si sogna).
Nelle attività di veglia le onde Theta sono il segno di una conoscenza intuitiva e di una capacità immaginativa radicata nel profondo. Genericamente vengono associate alla creatività e alle attitudini artistiche.

Onde Alfa (Mente Subcosciente)ONDE ALPHAStato di Coscienza: Dormiveglia (Stato Alfa)
Hanno una frequenza che varia da 8 a 14 Hz, e sono associate ad uno stato di coscienza vigile, ma rilassata. La mente, calma e ricettiva, è concentrata sulla soluzione di problemi esterni, o sul raggiungimento di uno stato meditativo leggero.
Le onde Alfa dominano nei momenti introspettivi, o in quelli in cui più acuta è la concentrazione per raggiungere un obiettivo preciso. Sono tipiche, per esempio, dell’attività cerebrale di chi è impegnato in una seduta di meditazione, yoga, taiji. Esse sono l’elettricità nervosa del subcosciente, ovvero l’elettricità nervosa della personalità subconscia.

Onde Beta (Mente Cosciente)ONDE BETAStato di Coscienza: Veglia e Attenzione.
Hanno una frequenza che varia da 14 a 30 Hz, e sono associate alle normali attività di veglia, quando siamo concentrati sugli stimoli esterni. Le onde Beta sono infatti alla base delle nostre fondamentali attività di sopravvivenza, di ordinamento, di selezione e valutazione degli stimoli che provengono dal mondo che ci circonda.
Per esempio, leggendo queste righe il vostro cervello sta producendo onde Beta. Esse, poi, ci permettono la reazione più veloce e l’esecuzione rapida di azioni.
Nei momenti di stress o di ansia, le Beta ci danno la possibilità di tenere sotto controllo la situazione e dare veloce soluzione ai problemi. Sono l’elettricità nervosa della mente cosciente, cioè delle regioni dei sensi e dei muscoli del cervello. Esse sono anche l’elettricità nervosa della personalità conscia.

Onde Gamma (Potere Psichico Profondo)ONDE GAMMAStato di Coscienza: Iperattività.
Onde eccezionali, le onde Gamma sono le onde cerebrali del medium in «trance», e provengono dal Potere Psichico. Esse hanno una frequenza da 30 a 90 Hz e sono rarissime, sono l’elettricità nervosa della personalità totalmente inconscia.

ONDE CEREBRALI

I Gatti viaggiano sulle onde Alfa che, come abbiamo visto, altro non sono che uno stato di dormiveglia, esse sono proprie dello stato di leggero dormiveglia e di molte delle pratiche di auto-aiuto (autoipnosi, meditazione, training autogeno, e via dicendo).
Le Streghe “vivono” sempre questo stato, generalmente, ecco perché comunicano con i Gatti e sono loro più “affezzionati” amici (famiglio).
La frequenza delle fusa dei Gatti coincide con il limite di 30 Hz, circa, delle onde Beta.
In base ad un articolo del 18 Marzo 2001 del Telegraph di Londra di David Harrison:

“Le fusa dei gatti hanno un meccanismo naturale curativo … tra 27 e 44 Hz … sono le frequenze dominante per un gatto domestico, e 20/50 Hz per il puma, ocelot, serval, ghepardo e caracal.
Questi dati confermano che l’esposizione a frequenze di 20/50 Hz rinforza le ossa umane e le aiuta a crescere. Quasi tutti i gatti fanno le fusa, inclusi leoni e ghepardi, non le tigri.”

Comunque, in base alle informazioni sulla Tigre del Bengala:

Le tigri (del Bengala) fanno le fusa. I gatti domestici fanno le fusa quando inspirano ed espirano, le tigri fanno le fusa solo quando espirano. … Il ruggito della tigre del Bengala può essere sentito a 2 miglia di distanza. … La tigre Siberiana, cugina della tigre del Bengala, è il gatto più grande del mondo.”


PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI CLICCA QUI


FONTE ==>> https://giardinodellefate.wordpress.com/creature-magiche/il-gatto/

LA VALUTAZIONE DEL CONSCIO

La valutazione del conscio

La valutazione del conscio

Il primo passo per la valutazione del quiz è la somma dei punteggi delle voci di ogni domanda. Gli elementi appartenenti alle domande specifiche sono riportate in tabella:


Elementi:
Dimensioni dell’Ego
8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15
Superare le funzioni di Ego
1, 3, 4, 7
Coscienza sveglia nel Presente
2, 5, 6, 16


I risultati raggiunti del quiz possono essere interpretati nel modo seguente:

Dimensioni dell’Ego

8-21 punteggi: siete in possesso di un piccolo Ego, che esiste a mala pena. In realtà non insistete su aver ragione in una lite. Siete simpatici con gli altri. Siete solitamente calmi, equilibrati, e siete soddisfatti con le cose intorno a voi, nel modo in cui lo sono. Non avete la smania per gli apprezzamenti.

22-35 punteggi: Il vostro Ego ha medie ambizioni e desideri.

36-48 punteggi: avete un grande Ego. Tendete a pensare di aver sempre ragione, mentre gli altri hanno torto. Vi offendete facilmente, e non accettate volentieri la verità. Siete molto inquieti, insoddisfatti, avete sempre voglia di qualcosa di più, qualcosa di diverso. Vi circondate di oggetti pensando che sarte apprezzati molto di più dagli altri.

Superare le funzioni di Ego

4-10 punteggi: siete completamente identificati con i vostri pensieri e sentimenti. Finora non potete superare il funzionamento del Ego. Per voi, è l’Ego ad interpretare la realtà e il contenuto che lo compone.

11-18 i punteggi: A volte è possibile superare il funzionamento dell’Ego. In questi momenti, sotto l’influenza dell’apparire spazio-coscienza, si può vedere e sentire l’insensibilità dei pensieri, ossia quel caos emotivo interno . Ma momenti come questo scompaiono rapidamente grazie alla vostra identificazione con l’ego e con le sue dichiarazioni di funzionamento.

19-24 punteggi: Avete superato il funzionamento dell’Ego. Non siete più completamente identificati con i vostri pensieri e sentimenti, lo spazio-coscienza è apparso dentro di te. Vi rendete conto di non ritrovarvi a vostro agio con le cose esteriori, quindi tentate di esplorare l’essere dietro i vostri pensieri e sentimenti.

Coscienza sveglia nel Presente

4-10 punteggi: la presenza della coscienza vigile, non è ancora efficace nella tua vita. È ancora intensamente identificata con il vostro ego. La maggior parte delle vostre energie sono spesi principalmente su come ottenere l’attenzione e il riconoscimento nel mondo delle forme.

11-18 punteggi: la presenza, la coscienza vigile si sta svegliando in voi. Ci sono momenti che prende forma nella vostra vita. Tuttavia, questi sono solo momenti evanescenti, l’Ego torna presto e rivendica la sua partecipazione.

19-24 punteggi: la presenza, la coscienza vigile è già apparsa nella vostra vita, e colpisce sempre più. Vivete il vostro corpo-vigilanza; sentite che la pienezza della vostra vita interiore e il campo di energia, sono intensamente vividi. Le identificazioni dell’Ego legate al mondo delle forme stanno gradualmente diventando più deboli.

La valutazione del conscio 1


==>> TORNA AGLI ARTICOLI <<==


(C) Frank M. Wanderer, 2013-2016 Tutti i diritti riservati
FONTE ==>> http://powerofconsciousness.blogspot.it/p/the-evaluation-of-conscious-alertness.html

QUIZ – SEI CONSAPEVOLMENTE SVEGLIO?

QUIZ – Sei Consapevolmente Sveglio?

QUIZ – Sei Consapevolmente Sveglio?

Al giorno d’oggi sempre più persone si stanno svegliando dal loro sonno profondo e sempre più persone sono preoccupate per questo: “chi o cosa sono io?” “Sono solo la somma della mia vita personale?” La storia, i ricordi, le esperienze, i pensieri e le sofferenze?” O “E’ nascosta in me una dimensione di una coscienza misteriosa, che si sovrappone dal rumore delle mie storie personali di vita?”

Eckhhart_Tolle_1

Secondo l’opinione di Eckhart Tolle, la nostra coscienza attuale si apre una porta su una misteriosa dimensione umana della coscienza pura. L’individuo deve vivere il momento presente, mentre la prontezza della sua coscienza permette alla persona di visualizzare i pensieri propri, emozioni e reazioni innescate dagli stimoli dell’ambiente.

La Presenza così creata (attenzione cosciente) determina il senso di tranquillità e pace interiore. L’attenzione cosciente avvia il processo spirituale di transustanziazione che porta l’individuo alla vigilanza cosciente; nuove prospettive e nuovi modi di osservazione. Questo processo, trasformando la coscienza della persona, cambia l’intera personalità dell’individuo.

La trasformazione della coscienza, l’inizio della coscienza spirituale, è quando la persona sperimenta che lui o lei è la coscienza che percepisce l’operazione di Ego. A parere di Tolle, quando una persona è consapevole del fatto che lui/lei sta pensando, la coscienza che sperimenta questo, non fa parte del pensiero della persona. Questa è un’altra dimensione della coscienza.

Il risveglio spirituale significa per la persona ha la capacità “di vedere chiaramente ciò che percepisce” (esperienza, pensare o sentire). Non appena una persona riconosce che lui o lei “non è”, subito arriva il riconoscimento di ciò che lui o lei è in realtà; “la luce della coscienza, in cui le percezioni, esperienze, pensieri ed emozioni vanno e vengono. Questa coscienza in fondo, è il più profondo “vero sé”.

Il più importante fattore che ostacola in questo processo, è l’Io. Significa che il convenzionale “io”, costituisce l’errore comune in cui è radicata la convinzione illusoria nell’identità personale. Questo auto-illusorio sarà poi la base di tutti i processi mentali, le relazioni umane e l’interpretazione della realtà. Solo la coscienza del momento attuale è in grado di interrompere l’illusorio auto-interpretazione ed elevare la coscienza della persona ad un livello più spirituale più elevato.

Eckhart Tolle ritiene che questo “cosciente sveglia” è già apparso in una piccola, ma in rapida crescita, parte del genere umano.


Sei sveglio?

QUIZ - Sei Consapevolmente Sveglio

Tutto quello che dovete fare è compilare il seguente Quiz, il quale è assemblato secondo i rigorosi criteri dello sviluppo di un metodo di ricerca scientifica.
I risultati del quiz rappresentano la realtà solo quando si risponde onestamente agli elementi.

Si prega di leggere tutte le istruzioni con attenzione e segnare l’alternativa che meglio descrive le vostre emozioni e il comportamento per il numero di ogni affermazione, secondo i seguenti criteri:


SCALE:  1 = mai o quasi mai,   2 = raramente,   3 = talvolta,   4 = la maggior parte dei giorni,   5 = ogni giorno,   6 = molte volte al giorno


DOMANDE:
1. Credo che il flusso continuo dei miei pensieri è ricorrente e inutile.
2. Sono sopraffatta dalla gioia e tranquillità, senza alcun motivo particolare.
3. Credo che non sono in grado di trovare me stesso nelle cose esterne (casa, auto, denaro).
4. Credo che i miei pensieri e le emozioni costituiscono solo un piccolo frammento di quello che realmente sono.
5. Credo che dietro la forma esterna del mio corpo c’è una vitalità interiore, campo intensamente vivido di energia.
6. Credo che le cose intorno a me, anche le inanimate hanno un’anima.
7. Io non reagisco ai miei pensieri ed emozioni, semplicemente le faccio accadere.
8. Penso che ho ragione in molte cose, ma gli altri non lo riconoscono.
9. Vengo offeso facilmente
10. Nelle conversazioni, menziono le cose che possiedo sembrare più prezioso agli occhi degli altri
11. Ho la sensazione che nulla è abbastanza per me, voglio sempre qualcosa di più, qualcosa di diverso
12. Mi sembra un onere il dover fare quello che sto facendo.
13. Tendo a rimuginare sugli sbagli che faccio.
14. Penso che di essere imprudente e insoddisfatto.
15. Tendo a lamentarmi di altre persone.
16. Credo che io sono la coscienza dietro i miei pensieri e le emozioni.


Il Quiz rivela tre dimensioni del Risveglio:

 – Dimensioni dell’Ego.
 – Superare le funzioni di Ego.
 – Coscienza sveglia nel Presente.


Troverete la valutazione del Quiz  ==>> QUI

Sulla base del quiz completato, come si potrebbe descrivere la vostra presenza?

Non dimenticare, che questo è solo un gioco! Il risultato del quiz riflette la realtà solo se le domande del quiz sono state risposte onestamente .


==>> TORNA AGLI ARTICOLI <<==



(C) Frank M. Wanderer, 2013-2016

FONTE==>>http://powerofconsciousness.blogspot.it/2015/04/the-consciousness-of-present-moment.html

EGO – AMICO O OSTACOLO?

EGO – AMICO O OSTACOLO?

L’Ego – Amico o un ostacolo?

Nel nostro presente, singolo stato di coscienza, ci identifichiamo con i pensieri e le emozioni che appaiono nella nostra mente, credendo così di essere una persona “illusoria” separata, un “Ego”.

EGO - AMICO O OSTACOLO

La verità è che siamo l’incarnazione della vita, siamo nati in questo mondo come risultato di un miracolo, e poi ci siamo persi in mezzo alla moltitudine di insegnamenti e dogmi. Dopo l’identificazione con le nostre credenze e convinzioni, ci dimentichiamo chi siamo veramente, della persona nata in noi nel mondo, al fine di sperimentare l’esistenza e conoscere tutti gli insegnamenti.

Un segno di risveglio è quando ci rendiamo conto che lo stato in cui ci identifichiamo con il nostro Ego è a basso ordine, molto povera, e non ci sono misteri più significativi dietro la nostra esistenza. Solo la consapevolezza del momento presente è in grado di interrompere l’illusoria auto-interpretazione, ed elevare la coscienza della persona ad un livello spirituale più elevato.

Che cosa è un Ego?

L’Ego è la figura centrale della nostra storia personale, basata sul passato e guardando al futuro.
I componenti del Ego sono pensieri, emozioni, memorie (con il quale la persona si identifica come “la mia storia”), fissi ruoli inconsci e collettiva identificazione (nazionalità, religione, etc.). la maggior parte delle persone si identificano completamente con queste componenti del Ego, e per loro non esiste niente “al di fuori” di questo.

L’Ego è la forma del passato, che determina la sua struttura e i suoi contenuti.
La struttura del Ego è un fattore inconscio, che costringe l’individuo a rafforzare la sua identità unendo un “oggetto esterno”. Il contenuto dell’Ego sarà quindi la cosa con cui l’individuo lui/lei (la mia casa, la mia macchina, il mio bambino, la mia intelligenza, la mia opinione, ecc) si è identificato. Il contenuto dell’Ego (con cui i singoli identifica) è plasmato dall’ambiente e dall’educazione della persona, cioè, la cultura in cui la persona diventa un adulto.

 

L’identificazione del Ego con le cose (oggetti, proprio il corpo della persona, il modo di pensare) crea il legame dell’individuo alle varie cose.
egoL’Ego (e quindi la persona spiritualmente inconscia) sperimenta il la sua esistenza attraverso il possesso di vari oggetti. La soddisfazione fornita dal senso di possesso è, tuttavia breve, così l’individuo si porta di solito alla ricerca di nuovi oggetti.
Vi è una forte motivazione alla base di questa attività dell’individuo, una domanda psicologica per ottenere di più, l’inconscio senso di “non è ancora abbastanza”, e questo sono le superficiali sensazioni di un bisogno di “più”. Questa mancanza è la forza trainante più potente per l’Ego cioè il desiderio di possedere. il disagio dei sentimenti, l’imprudenza, la noia, lo stress e l’insoddisfazione sono tutti in gran parte i prodotti del desiderio insoddisfatto che si ha di più.

I pensieri del tipo “è mio”, “lo voglio”, “ne ho bisogno”, “non è sufficiente”, appartengono alla struttura dell’Io. Il contenuto del Ego cambia con il tempo; è sostituito con nuovi contenuti. Nessun contenuto è, comunque, in grado di soddisfare durevolmente l’Ego finché la struttura del Ego rimane al suo posto. L’individuo continua la ricerca di qualcosa di diverso, qualcosa che promette una maggiore soddisfazione, rendendo il senso di sé dell’individuo più completa.

Eckhhart_Tolle_front

Questa struttura determina le varie funzioni dell’Io. A parere di Eckhart Tolle la più importante delle funzioni sono i seguenti:

· L’Ego si sforza di proteggere, sostenere ed espandersi;
· Le funzioni dell’Io in modalità di sopravvivenza.

Una delle più importanti strategie della Ego per sostenere e rafforzare se stessa è l’esperienza di “ho ragione”. Questa è l’identificazione di un’idea, di posizione, di valutazione. Niente dà all’Ego più potere di quanto sperimenta che “ho ragione”.

Una delle strategie preferite di auto-rafforzamento della Ego è il “lamentarsi” e questo implica il senso del “ho ragione”.  Quando un altro Ego si rifiuta di accettare che “ho ragione”, questa diventa “un’offesa” al lamentarsi dell’Ego, che a sua volta, rafforza ulteriormente la propria auto-consapevolezza.

L’affermazione delle funzioni dell’Io, in una modalità di sopravvivenza, significa che si fa fatica continuamente a rimanere “psicologicamente vivi”, e vede gli altri Ego come rivali o addirittura nemici. E ‘il desiderio del Ego di avere ragione, e, quindi, di superare l’altro, assicurando la propria superiorità.

L’Ego è una piccola parte della personalità.

Se vogliamo capire come funziona l’Io, non bisogna trascurare il fatto che “Ego” è solo una piccola parte della nostra personalità.
Ego è una parte della personalità, e il suo contenuto viene dalle nostre percezioni e ricordi sensoriali; la nostra storia di vita e conoscenze e le esperienze raccolte in tutta la nostra vita. Ego è il pensiero, sentimento e parte del rilevamento.
La parte del nostro ego ci mostrano il mondo esterno, definito da Carl G. Jung, come la recitazione della personalità, ossia quella parte dell’Io che è in primo piano quando siamo in compagnia di altre persone, e che infatti, è la raccolta delle nostre maschere.

Una gran parte della personalità è costituita dal’Ego inconscio, definito da Freud come l’Io istintivo. È qui che la maggior parte degli istinti di base (mangiare, la sessualità ecc) si trovano, ed è anche la parte della personalità descritta da Carl Gustav Jung come ombra. “L’Ombra” è modellata e sviluppata dalla società, quasi in contemporanea con il nostro gioco di ruolo della personalità.

ego maschere

I bambini, quando vogliono soddisfare l’Ego dei genitori, e/o attraverso di loro le aspettative della società, cominciano a svilupparsi queste maschere. Rifiutare certi stimoli offerti dall’ambiente, innesca la disapprovazione dei nostri insegnanti, così l’intenzione di respingere gli stimoli è soppressa. È così che la nostra “ombra-personalità” si sviluppa; non esiste all’interno della nostra personalità, ma la nostra educazione la relega nel nostro subconscio.

Freud ritiene che la terza componente importante della nostra personalità è il “Super-Io”. Esso comprende i valori sociali che la cultura in cui siamo cresciuti siano importanti reperti. Nel corso di un processo lungo e complicato questi valori sono incorporati nella nostra personalità e si manifesta come il sé ideale (la persona che vorremmo essere). Questi valori diventano integrali, parti interne della personalità, e la superficie come opinione e convinzione.

I risultati della ricerca psicologica suggeriscono che più del 90% delle funzioni della personalità sono inconsce. Ampie parti della Istinto-Ego, la Persona e il Super-Io sono inconsce. Le funzioni dell’Io sono anche in gran parte inconscio.

L’Ego è responsabile per l’integrità della personalità, per il nostro benessere interiore. Questo non è un piccolo compito per l’Ego, in quanto è costantemente bombardato da aspettative inconsce dall’istinto Io e l’ombra, che tentano di influenzare il suo comportamento. Esso genera angoscia all’Ego (vale a dire, in noi stessi), che si manifesta come il disagio (non ci sentiamo a posto). L’Ego vuole fuggire dall’angoscia e utilizza anche i meccanismi inconsci. Tale meccanismo è, per esempio, la proiezione. L’Ego proietta i desideri inaccettabili e le funzioni provenienti dal ombra e l’istinto Ego sugli altri (per esempio “io non sono aggressivo”, “si sono aggressivo”). Queste proiezioni del subconscio, di protezione e di angoscia, eliminandoli sono le fondamenta di alcuni dei giochi di mente per essere discussi in seguito.

Al di là del Ego

L’Ego non è male, è semplicemente privo di sensi. Ego è il sogno più profondo della Coscienza . Se un individuo è in grado di notare e osservare le funzioni dell’Io, lui o lei sarà in grado di trascenderlo. In tal caso, l’individuo che è alla ricerca di una percezione più completa del sé, riconoscerà che è sempre stato lì, ma le funzioni dell’Io-identificazione con gli oggetti e pensieri, l’ha spinto in secondo piano.

Uno dei modi di trascendere l’Ego non è reagisce con tutto il cuore al caleidoscopio mutevole di pensieri ed emozioni, ma concentrandosi sulla coscienza vigile in sottofondo.

liberarsi dell'ego

Nella maggior parte delle persone, il termine “coscienza” si identifica con quella dell’Ego socialmente condizionata. In un certo numero di persone questa identificazione è così potente che non sono a conoscenza che la loro vita è governata da una mente socialmente condizionata.

Coloro che sono in grado di andare al di là dell’identificazione riconoscono con la mente questo stato di essere socialmente condizionati, e sono anche in grado di lasciare il condizionamento sociale alle spalle. Una tale persona non identificherà con la mente, ma, sempre più, con la Coscienza (la testimonianza di presenza). La presenza deve, quindi, controllare la mente in misura crescente e si manifesterà attraverso la mente tranquillizzata.


==>> TORNA AGLI ARTICOLI <<==


FONTE ==>> http://powerofconsciousness.blogspot.it/2015/07/ego-friend-or-obstacle.html

3 FASI DEL RISVEGLIO COSCIENTE

3 Fasi del risveglio cosciente

3 FASI DEL RISVEGLIO COSCIENTE

E ‘imperativo che ci dobbiamo risvegliare dalla banale consapevolezza che ci ha attanagliato fino ad oggi, per rievocare in pieno il ricordo spirituale di ciò che siamo realmente.
Il problema è che anche quando siamo fisicamente svegli, possiamo essere ancora mentalmente addormentati, ignari di noi stessi e del tutto assorbiti da qualunque impulso meccanico o stimolo esterno che cattura la nostra attenzione.
Questo stato di convergenza o assorbimento mentale, ci mantiene in uno stato di sogno improduttivo.

3 Fasi del risveglio cosciente

La comune comprensione di ciò che significa essere “svegli” nasconde però la verità, e cioè che, nonostante siano in giro con gli occhi aperti, le persone tendono ad essere comunque ipnotizzati, vagamente coscienti, sognano ad occhi aperti, insomma “sonnambuli” in uno stato di trance.
Ciò che tutti questi stati hanno in comune è che il nucleo cosciente dell’individuo è assente o passivo; soffia come una foglia nel vento trasportato dagli stimoli ambientali.

I nostri sogni non hanno “logica”, associamo cose e fatti in modo strano, stiamo osservando noi stessi, ma nella realtà, questi sogni, li trasformiamo e li ottimizziamo alla “logica” della società. Ciò che ci accade, l’impulsività il parlare ecc.. li modifichiamo totalmente, non riuscendo più a mettere in discussione chi siamo realmente.
Confrontando questo, vediamo come le persone tendono a comportarsi nella vita quotidiana:
si esprimono con aneddoti e pettegolezzi imitando frasi banali senza pensiero cosciente o originalità; prendono in prestito e comunicano attraverso interpretazioni di linee di film o spettacoli televisivi assumendo una personalità sciocca; si impegnano in comportamenti programmati stilando piccoli drammi ridicoli.
Per loro, i sogni non finiscono al mattino.



Il mondo è un manicomio e la società è troppo addormentata per notarne la follia, le implicazioni di sonnambulismo di massa è evidente: miliardi di persone dormono mentre chi detiene il potere è sveglio e quindi ha il vantaggio. Le persone addormentate sono facilmente controllabili, dato che il loro nucleo cosciente esiste all’interno di una prigione mentale che ruba tempo, lavoro ed energia. Essi possiedono poco o nessun libero arbitrio perché hanno abbandonato la consapevolezza necessaria per sfruttare la propria coscienza.

La mente e il corpo possono essere svegli o addormentati indipendentemente l’uno dall’altro.
Esistono quattro gradazioni di Stadi che vanno da ipnosi e trance al sognare ad occhi aperti e vari dimensioni di coscienza:
1 – con la mente e il corpo sveglio, uno è veramente sveglio;
2 – con la mente e il corpo addormentato, si sogna;
3 – con la mente sveglia e il corpo addormentato, uno è lucido ma sogna;
4 – infine con la mente addormentata e il corpo sveglio, uno è sonnambulo.

==>> VAI ALLA FASE 1  “Rottura della Convergenza negativa” <<==

==>> TORNA AGLI ARTICOLI <<==


LASCIA LA TUA TRACCIA VIOLA CON UNA FOTO E SULLA MAPPA DEL MONDO!!!


FONTE ==>> http://montalk.net/metaphys/117/stages-of-conscious-awakening

FASE 1- ROTTURA DELLA CONVERGENZA NEGATIVA

Fase 1 – Rottura della Convergenza negativa

FASE 1- Rottura della Convergenza negativa

Il primo passo per il risveglio richiede la rottura di questa convergenza negativa, guadagnando così un grado di lucidità, una valutazione di auto-consapevolezza.
In qualsiasi momento è possibile addurre la vostra concentrazione verso l’interno e osservare così meglio se stessi, ponendo con fermezza la vostra attenzione nel momento presente.

Fase 1 - Rottura della Convergenza negativa

Noterete così i vostri pensieri – analizzerete i vostri sentimenti – presterete più attenzione alle sensazioni nel vostro corpo – sentirete il vostro respiro – vi impegnerete in un auto-esame analizzando la vostra situazione da una prospettiva più elevata.
In tal modo, ci si rende rapidamente conto che tutte queste percezioni in ultima analisi provengono dal di fuori e che stanno giocando all’interno della vostra stessa mente; questo perché il centro stesso della vostro intelletto è un centro di percezione che definisce il vero te, mentre il territorio periferico della tua mente è popolata da pensieri che possono o non possono essere il proprio.

Questo “nucleo interno” è l’osservatore silenzioso, la coscienza che guarda attraverso gli occhi e pensa attraverso la vostra mente.

Diventare “lucidi” dipende quindi dall’essere conscio della propria consapevolezza; alcuni chiamano questo primo grado di risveglio “il ricordo di sé” in quanto la “convergenza negativa” è lo stato di auto-dimenticanza .
La lucidità una volta raggiunta è semplice come giocare.
Quindi ricordare se stessi nel momento presente ferma la convergenza negativa, e l’arresto di quest’ultima è il primo passo per balzare fuori da ciò che soffoca la vostra identità spirituale.
Una cosa è sapere “Che” Sei, un altro è sapere “Chi” Sei.
Con il tempo, la prima porta al secondo.

neurotrasmettitori

Essere consapevoli del momento presente è facile da attivare ma difficile da mantenere.
Il problema è sia fisico che metafisico.
Aumentare il proprio stato di consapevolezza richiede sia energia vitale che un adeguato apporto di neurotrasmettitori, i quali però dopo un breve periodo di sforzo, si riducono notevolmente scivolando così di nuovo nella coscienza abbassata.
Ma la mente è come un muscolo che va allenato, e con molta concentrazione mentale esso cresce e si trasforma, così come i corpi fisici e sottili si adattano ad una maggiore richiesta di energia.

Mantenere la lucidità diventa sempre più facile con la pratica, aumentando gradualmente la lunghezza e la profondità di fuoco. Praticando la lucidità in un ambiente controllato, lo stesso stato di consapevolezza può più facilmente essere raggiunto e mantenuto in condizioni più naturali. Quindi alcune forme di meditazione aiutano la formazione di consapevolezza di sé.

A differenza della meditazione trascendentale in cui il canto di un mantra per ore porta ad auto-ipnosi e quindi ad un abbassamento della coscienza; un metodo comune di esercitare la lucidità e sollevare la coscienza è la meditazione della consapevolezza, dove si presta attenzione ai propi pensieri e sensazioni per essere un osservatore calmo e lucido.

Vipassana

Un’altra pratica chiamata Vipassana (detta anche meditazione di visione penetrativa) richiede che ci si rilassi e quindi si presti attenzione ad ogni sensazione nel vostro corpo, a partire dalla parte superiore della testa fin giù alle dita dei piedi, e poi di nuovo verso l’alto. Il vantaggio principale di questo tipo di meditazione è che diventiamo consapevoli dei segnali che vengono altrimenti ignorati e dimenticati. Questo è utile perché in questa età moderna, non solo noi normalmente ci dimentichiamo di noi stessi, ma tendiamo a dimenticare i nostri corpi.
Per esempio, guardando la televisione o utilizzando Internet la nostra attenzione viene spostata dal nostro corpo a quello virtuale, provocando così una scissione tra il sé e la mente. La dissociazione di questo tipo è il nemico maggiore della nostra coscienza, ma se osserviamo e riconosciamo queste sensazioni fisiche rammenderemo lo scisma, integrando così la consapevolezza tra corpo e mente.

onde cerebrali

È interessante notare che, praticando nel tempo questa meditazione, tale “lucidità” cambia letteralmente la struttura encefalica, aumentando sempre di più l’attività delle onde cerebrali gamma, che sono 40Hz, oscillazioni del cervello intero risonante con coerenza quantistica.

Oltre al Vipassana vi sono altri tipi di esercizi che si possono eseguire, come il metodo “dell’Orbita Microcosmica“, di Yoga Taoista o quello descritto da Robert Bruce in “New Energy Ways”tutti hanno l’effetto di stimolare le strutture non fisiche e i circuiti all’interno del corpo eterico, che se non altro può contribuire a rimuovere i blocchi e le energie stagnanti. Se correttamente eseguito con sufficiente regolarità della pratica, tuttavia, questi possono anche risvegliare certe capacità extrasensoriali.

Trattare con Emozioni Negative

Diventare consapevoli dei vostri pensieri, sentimenti e sensazioni fisiche, è utile anche nel trasmutare interno dell’energia emotiva negativa. Osservando le emozioni negative che si presentano e oggettivamente notando le sensazioni fisiologiche che evocano, si ritiene di entrare in un ciclo di reazioni in fuga tra pensieri ed emozioni, che altrimenti esploderebbero in un eccesso di reattività e generare così un senso distorto della percezione e del giudizio. In altre parole, questa pratica può rompere la convergenza delle provocazioni esterne.

emozione negativa-positiva

Se l’emozione negativa è innescata da qualche tasto (persona o episodio) che spinge l’evento in modo automatico, la lucida consapevolezza dell’emozione stessa è un modo per disinnescare l’energia negativa senza sopprimerla. D’altra parte, se la negatività è più una pressione costante senza alcuna causa automatica specifica, la consapevolezza aiuta a stare in posizione verticale contro la forza della gravità emozionale.
In mezzo a queste tempeste, attraverso la lucidità, riuscirete a percepire dove si trovi l’occhio del ciclone, quell’osservatore impersonale che sta al di sopra e al di là di tutto. Questo è il livello critico che disarma e trasmuta l’energia.
Così, la lucidità è la chiave per mantenere la propria compostezza. Solo quando hai ottenuto il sopravvento su un’emozione crescente sarete in grado di fare una scelta informata sul fatto di andare con lui o regnare da soli; senza consapevolezza, la reazione sarà semplicemente come quella di un animale.



Sopprimere le emozioni, girarsi dall’altra parte, consente loro di crescere, il che li farà
divampare all’improvviso in modo inaspettati. Questo non è sano; le emozioni devono essere affrontate, non ignorate.
Diventando consapevoli “dell’energia emotiva grezza”, la si può sfruttare in modo appropriato:
in un momento d’ira, convinti di essere spinti dalla saggezza e dalla necessità, daremo sicuramente sfogo alla rabbia, e questo è sintomo di debolezza, poichè sarà l’emozione a prendere il sopravvento, ma se ci prenderemo cura di quell’emozione allora saremo noi a prenderne il sopravvento. mostrando così la vera saggezza e lucidità dell’osservatore trascendentale.
Così se si disinnescata e si sfrutta l’energia verso l’azione necessaria questa verrà trasmutata in una forma più alta di energia positiva, un grado superiore di combustibile spirituale per la vostra anima.

==>> VAI ALLA FASE 2  “Convergenza Positiva” <<==

==>> TORNA AGLI ARTICOLI <<==


LASCIA LA TUA TRACCIA VIOLA CON UNA FOTO E SULLA MAPPA DEL MONDO!!!


FONTE ==>> http://montalk.net/metaphys/117/stages-of-conscious-awakening

FASE 2 – CONVERGENZA POSITIVA

Fase 2 – Convergenza Positiva

Fase 2 – Convergenza Positiva

In sintesi, osservando l’espansione della larghezza di banda della vostra consapevolezza, romperete le forme negative di convergenza, con effetti migliori sul tuo cervello e sull’anima. Tornare al tuo “centro” consente di scegliere in modo opportuno cosa pensare, sentire, o fare in quel momento. Senza la consapevolezza di sé non c’è scelta, ma solo una reazione meccanica ad un dato stimolo. Per impostazione predefinita, ci comportiamo come le macchine, ma in qualsiasi momento possiamo ritrovare la lucidità e disinserire il pilota automatico.

Sembra quindi che, il ricordo di sé, la consapevolezza, o la lucidità, abbiano bisogno di sviluppare spiritualmente, ma purtroppo questo non è sufficiente. Alcune scuole esoteriche di pensiero si fermano qui e si preoccupano di “deprogrammare il ricordo di sé” nel tentativo di raccogliere le erbacce della mente e dell’anima. Tuttavia senza piantare i semi, e con l’aggiunta di acqua e sole, ciò che rimane è un campo immacolato e sterile di sporcizia.

Si noti che di per sé, la lucidità è semplicemente uno stato di consapevolezza che reprime la reattività meccanica e permette di pensare a cosa fare dopo, ma non necessariamente offre un’influenza trascendente di indirizzarvi verso il risultato ideale. “La spada è liberata dalla pietra ma nessuna mappa o bussola è prevista per la ricerca.”

E così c’è bisogno di un secondo stadio dello sviluppo consapevole che va oltre il semplice ricordo di sé. Mentre la prima fase ha lo scopo di interrompere la convergenza negativa, la seconda fase prevede l’avvio di convergenze positive con gli aspetti più alti del vostro essere.

Fase 2 - Convergenza Positiva

Partendo dal tuo cuore, seguendo la vostra intuizione, e toccando il subconscio, virtualmente “canalizzerete” il vostro “Sé Superiore”; questi sono tutti esempi di convergenza positiva, dove cercare volentieri gli impulsi superiori, e se fatti scorrere, la vostra auto-consapevolezza passerà in secondo piano, e riflettendo su momenti in cui le parole fluiscono da voi, percepirete che provengono da qualcosa di più elevato, e mentre le parole fluiscono, sarai a conoscenza di te stesso come in trance (non privo di sensi, ma “non consapevole” ). Allora ciò che hai detto sarà più saggio e più utile.
Questo è uno stato di “essere nel flusso”, nella cosiddetta “zona”.

Questo tipo di convergenza è produttiva e accade di volta in volta anche senza essere addestrato in auto-osservazione. Tuttavia, l’osservazione di sé ti aiuta a fare queste connessioni in modo più coerente e intenzionale, riducendo le interruzioni per periodi di convergenza negativa, principalmente attraverso il vostro notarli stroncandoli sul nascere.



La funzione principale della seconda fase è il potenziamento del collegamento con i centri superiori, i “chakra superiori”, e ascendere al vostro “Sé Superiore” o “Mente Superiore”. Esercitandosi su questi aspetti superiori attraverso l’uso regolare degli esercizi, le loro influenze diventano più permanenti.
Questo è importante perché in questa seconda fase, diventando più lucidi si resta di più nel “flusso”, ma succedere ancora che momentaneamente il collegamento potrebbe interrompersi. Per esempio, parlando con il cuore improvvisamente diventiamo consapevoli di noi stessi ed interromperemo così temporaneamente la connessione.

La “lucidità” quindi ostacola tutti i tipi di convergenza, anche quelli positivi. Cioè, se il flusso è sufficientemente forte la lucidità non interrompererà il flusso.
Per capire meglio, facciamo l’esempio di quando andiamo a dormire la notte; se ci siamo appena addormentati ma immediatamente ci svegliamo, lo stato di sonno iniziale non è abbastanza forte per resistere alla mente cosciente e quindi improvvisamente si ritira dalla convergenza.
Tuttavia, una volta che si è entrati in un sonno più profondo e iniziato a sognare, è possibile diventare “lucidi” e continuare a sognare e rendersi conto di continuare a sognare, mentre coloro che non sono qualificati nel sogno lucido hanno difficoltà a mantenere la loro lucidità, e continuano a sognare inconsapevoli. Con la pratica lo stato di sogno lucido può essere prolungata. 

==>> VAI ALLA FASE 3  “Lucidità Positiva” <<==

==>> TORNA AGLI ARTICOLI <<==


LASCIA LA TUA TRACCIA VIOLA CON UNA FOTO E SULLA MAPPA DEL MONDO!!!


FONTE ==>> http://montalk.net/metaphys/117/stages-of-conscious-awakening

FASE 3 – LUCIDITA’ POSITIVA

Fase 3 – Lucidita’ Positiva

Fase 3 – Lucidita’ Positiva

Riguardo alla convergenza positiva diciamo che è un mezzo per effettuare la connessione con i propri “aspetti superiori” sufficientemente permanente (attraverso l’esposizione ripetuta e la pratica, che a sua volta cambia la struttura del cervello e l’anima per creare una connessione più cablata), in modo che si può finalmente avere la consapevolezza di sé e non interrompere la connessione.

Questa è la terza tappa: essere connessi contemporaneamente e lucidi.

Ci sono due categorie di meditazione, una abbassa la coscienza e l’altra la solleva. Entrambi cercano di unificare la mente conscia con il subconscio e, quindi, realizzare l’integrazione di tutto l’essere. Ma mentre la prima categoria è regressiva, la seconda è progressiva.

meditazione regressiva

La meditazione regressiva cerca di dissolvere l’ego del subconscio in modo che, in teoria, si diventa un’estensione inconscia delle fonti più elevate. Se si entra quindi nella convergenza positiva, allora ciò è buono.

Ma il subconscio è semplicemente una “porta” che da sul nulla o sul tutto al di fuori del sé inferiore, e senza impostare deliberatamente una destinazione vera e positiva questa porta potrebbe facilmente condurre verso il diventare il burattino di complessità del subconscio o di entità negative.

Ciò significa che le pratiche regressive comportano il rischio di perdere l’ego a favore delle influenze potenzialmente malevoli: cantare alcuni mantra, concentrarsi su un guru esterno, praticare canalizzazione senza filtri in atto e scivolare in stati alterati di coscienza per il bene di novità, sono esempi di cose che portano questo rischio, se non si è impegnati in convergenze positive con il vostro nucleo spirituale per essere e sentirsi.
Alcune forme di meditazione commercializzati in Occidente dovrebbero essere chiamati “meditazioni imprudenti” poichè questo è esattamente ciò che compiono: un abbassamento della consapevolezza in uno stato oscuro di incoscienza che termina solo con il creare insensati stati di trance e quindi portati a manipolazioni da parte delle forze deliranti o malevoli; funziona per alleviare lo stress ma non è appropriato per lo sviluppo spirituale dal momento che nel migliore dei casi soltanto inebria e tranquillizza e nel peggiore dei casi porta a diventare un pupazzo senza cervello.

Tecnicamente parlando, la convergenza positiva è regressiva perché ci mette di nuovo in uno stato infantile ingenuo di innocenza divina come prima della Caduta. La consapevolezza di sé si abbassa in mera consapevolezza, e si diventa espressione di una volontà superiore. Ma finché questo rimane un mezzo allora va bene.
Nonostante sia regressiva, questo stato è meglio dell’essere in convergenza negativa, ossia in uno stato sterile di lucidità non collegata a nulla di positivo e vivere in una società sonnambula e senza cervello.

senza sentimenti

Ad alcuni accade infatti che praticando il “ricordo di sé” per anni, non riusciranno mai a formare la loro capacità di amare, non avranno empatia nè intuizione e altre facoltà spirituali. Diventeranno, si molto lucidi, ma saranno anche molto freddi e induriti, e ciò sta a significare l’inizio di ossificazione o disarmonizzazione dell’anima.

Così come un mezzo, la convergenza positiva (fase 2) è più utile come un trampolino di lancio verso l’emergere nella coscienza divina attiva (fase 3). L’obiettivo è in funzione con la consapevolezza del sé intatto in modo che, invece di essere un prolungamento inconscio di una fonte superiore, uno evolve in quella fonte più alta.

In questa terza fase, si pratica la consapevolezza senza interrompere il flusso di impressioni derivanti dai centri superiori. Ciò equivale a un’osservazione passiva e reintegrazione dolce dell’influenza del vostro Sé Superiore che esercita sopra i vostri pensieri, sentimenti, parole e azioni.



Perché è di nuovo importante la lucidità dopo che è stata messa da parte nella seconda fase? Perché rimanere lucidi, lasciando le influenze positive che lavorano all’interno, è semplicemente un atto di sovrintendere al processo, in modo da poter intervenire se necessario per correggere deviazioni o iniziare una nuova linea di indagine e di azione.

Il problema con la Fase 2 è che la convergenza positiva passa facilmente in negativo, perché non si è sempre consapevoli di sé in modo sufficiente da catturarne il passaggio. La convergenza positiva è fragile, proprio come Adamo ed Eva erano in uno stato fragile che era buono finché è durato, ma l’ignoranza è beatitudine. il che ha permesso loro di essere facilmente influenzati da forze negative.

E ‘abbastanza difficile ottenere la lucidità senza interrompere il flusso, che è il motivo per cui la lucidità deve dapprima essere passiva all’inizio della terza fase, ossia “guardare te stesso ma non interferire con l’espressione del tuo cuore”, al contrario invece della seconda fase cioè “esprimere il tuo cuore dimenticando te stesso”.
Quest’ultimo è comunque un mezzo per realizzare la prima, ma che tuttavia ci si può bloccare nella prima fase al punto di diventare più lucida ma simultaneamente più freddo internamente, deve quindi praticare molto ed entrare in convergenza positiva. Ciò significa che allenare e assorbire se stessi in attività positive, produttive, creative, empatiche, rivelatrici, e generalmente spirituali.

Fase 3 - Lucidita' Positiva

Una volta che il sé inferiore è libero da convergenze negative e il Sé Superiore ha un collegamento di comunicazione chiara e permanente e quindi sia il superiore che l’inferiore sono presenti allo stesso tempo, un flusso reciproco di comunicazione è possibile. Il sé inferiore diventa un adepto e assimila la saggezza e l’essenza del Sé Superiore, salendo così al suo livello. In questo modo il minore si fonde con il superiore e raggiunge la totale integrazione dell’essere.


Evoluzione Non Lineare

In pratica, queste fasi di risveglio cosciente non sono sequenziali come le classi a scuola, ma sono delle tappe che possono spontaneamente avere dei picchi nei livelli superiori oppure avere una caduta in quelli inferiori.

picchi coscienza

Le fasi più alte sono le più difficili da accedere e mantenere, ma questo non significa che il loro accesso sia escluso, solo senza pratica si accede meno frequentemente.
Gli scorci che catturiamo negli stadi più alti ci dovrebbero motivare sempre di più per riuscire ad acquisire in modo permanente questo nostro nuovo “centro di gravità”, il quale però rimane incomprensibile fino alla totale padronanza delle fasi più basse.

Bisogna ricordare che c’è una differenza tra i sistemi di coscienza dell’evoluzione e sistemi di consapevole risveglio.
Non siamo qui per far crescere le nostre anime da zero, in quanto non vi è più tempo per questo, ma piuttosto per risvegliare noi stessi in pieno ricordo spirituale, dato che non abbiamo iniziato la nostra vita come una tabula rasa ma anzi il nostro spirito è piuttosto condito da incarnazioni precedenti.
I centri superiori dell’anima, possono semplicemente essere latenti o atrofizzati a causa di fattori biologici e sociali di programmazione che riceviamo dalla nascita, che causano abbandono e quindi il dimenticare.
Il processo può essere spiegato con la seguente storia.
“Un principe lascia il regno di suo padre e subisce una perdita di memoria e conduce poi la vita di un contadino fino a che non si stanca della povertà. Nel suo desiderio di una vita migliore, si ricorda improvvisamente che lui è un principe e torna a vedere suo padre. Da lontano osserva suo padre esercitare le funzioni di un re, poi, quando si accerta della propria identità, il principe raccoglie il coraggio di parlare con il padre. Negli anni successivi questa riunione, il re insegna al figlio tutta la sua saggezza finché un giorno il principe stesso diventa re.”

Quindi l’obiettivo è quello di recuperare ciò che è stato rinchiuso dentro di noi, per ristabilire il contatto con i nostri centri superiori, e, infine, ricordare chi siamo.
E tutto comincia con l’auto-osservazione e l’ascolto del tuo cuore.

==>> TORNA AGLI ARTICOLI <<==


LASCIA LA TUA TRACCIA VIOLA CON UNA FOTO E SULLA MAPPA DEL MONDO!!!


FONTE ==>> http://montalk.net/metaphys/117/stages-of-conscious-awakening

IL COLORE VIOLA

il colore viola

IL COLORE VIOLA

il colore viola

Il colore Viola nasce dalla mescolanza del rosso, che simboleggia la forza e l’energia, e del blu, che simboleggia la calma e la malinconia.

Questo colore esprime un’energia pura, atavica: è una forza legata alla vitalità del rosso e all’intimo accoglimento dell’azzurro. È una colorazione insieme di attesa e di precognizione, ed eleva la coscienza umana fino al raggiungimento della pura luce bianca.

L’unione tra questi due colori identifica anche la componente della seduzione e la fusione intima tra due persone:
il rosso è il colore della passione ed esprime l’impulso istintuale e rappresenta quindi il Corpo/ il terrestre;
il Blu è invece il colore dell’armonia e della quiete e rappresenta lo Spirito/ il celestiale;
..dalla loro unione si manifesta così il colore Viola che è l’elaborazione raffinata tra corpo e spirito, tra passione e armonia, dando così vita ad un aggraziato erotismo misto alla delicatezza dell’amore, nel quale l’immediatezza dell’impulso evolve verso raffinate forme di piacere. Passione ed intelligenza, amore e saggezza.

E’, dunque, la tonalità della “coniunctio oppositorum”, della “congiunzione degli opposti”, un colore “tra l’umano e il divino, l’unione di due nature” (Jung, 1980), inteso però, non come sintesi finale, ma come complessità iniziale che spinge alla, spesso sofferta, trasformazione; difatti, a livello psichico, il viola esprime tematiche di confronto e conciliazione degli opposti psichici, divenendo il colore della trasformazione e della ricerca costante di un nuovo stato e di nuovi equilibri.

Il colore Viola è associato alla frequenza più alta e alla lunghezza d’onda più corta (compresa tra 380 e 420 nanometri), ed è collocato all’estremo dello spettro cromatico (visibile nel fenomeno dell’arcobaleno) e dopo questo colore si estende un altro territorio, la gamma degli ultravioletti…

ultravioletti

…il mondo dell’invisibile e del mistero, non percepibile dai sensi ma solo dall’intuito; è questo il viola del fantastico e della magia.
Esso identifica gli incantesimi, ed è una fusione mistica di sentimenti che avvera le speranze; tant’è che chi ama questo colore è in cerca di rapporti magici e affascinanti, vuole ammaliare ed essere ammaliato.
Il colore dell’ametista e del quarzo era usato nell’occultismo fin dai tempi più antichi, come anche la violetta che veniva adoperata per conoscere il futuro interpretando il numero e la disposizione dei raggi sui petali.
(Ed è lo stesso magico e misterioso fluido viola che in Ecuador gli sciamani Jivaro “trasudano” dopo aver preso l’ayahuasca, ad essere alla base della loro capacità di divinazione (A. Cresti, 2002).

” Il viola è il supremo nucleo metafisico che ne sottolinea la complexio oppositorum, la dimensione che va oltre quella fisica, la natura sfuggente ed inafferrabile, l’aspetto trascendente.”
(R. Steiner, L’essenza dei colori )

Il significato del viola

Il Viola, come sintesi tra la passione e l’irruenza del rosso, con la tranquillità e la trascendenza del blu, diviene espressione di moderazione, senso della misura e di temperanza.
E’ sinonimo di intelligenza e prudenza, umiltà e saggezza, dignità e nobiltà.
E’ il colore dell’arte, della fantasia, del sogno, dell’altruismo e della guarigione.
E’ il colore della metamorfosi, della congiunzione e della transizione.

Il Viola rappresenta il valore medio tra terra e cielo, ed è conosciuto come il colore della tradizionale della mistica, della spiritualità; esso infatti, associato alla preghiera ed agli stati alterati di coscienza, agisce sull’inconscio dando forza spirituale ed ispirazione.

il colore viola 7chakra

Non per niente, questa gradazione equilibrata di rosso e di blu (viola), viene associata al Settimo Chakra ( Sahasrara ) o “dei Mille Petali”, dove l’umano si fonde con il divino.
Le sue funzioni principali sono relative alla conoscenza superiore, alla medianità, al contatto con il Divino. Al Sahasrara Chakra appartengono tutte le questioni relative alla “Illuminazione”, vale a dire la relazione tra la coscienza dell’individuo e quella dell’universo. L’apertura o la creazione del Settimo Chakra porta a uno stato di contatto e comunione con la forza creatrice dell’universo, uno stato di purificazione, appagamento spirituale, totale libertà dalle limitazioni dei nostri istinti bassi e grossolani.

La psicologia del viola

È il colore della volontà di essere diversi.

La persona che non preferisce il viola è una persona diffidente, critica, molto razionale ed è capace di rifuggire ogni stato emozionale.

Chi invece ama questo colore predilige le sensazioni forti e una vita eccitante, ha bisogno di sentirsi libero, vuole affascinare, suscita ovunque simpatia e ammirazione, ed ha un’inclinazione per l’occulto, il magico e l’arcano.
E’ molto disponibile e comunicativo, tende ad identificarsi con il prossimo e possiede grande umanità e desideroso di aiutare gli altri in modo significativo.
Questo colore accresce la capacità creativa e la fantasia e quindi chi ama il viola è un raffinato cultore della bellezza e amante dell’arte e coltiva interessi ad alto livello.
Tale persona è di buon gusto e cura molto il suo aspetto fisico. Di grande intelligenza esprime la sua saggezza in modo umile e prudente; intuitiva e sensibile ma è anche apprensivo e impacciato, e nello stesso tempo vuole essere compreso.



Infatti Il carattere “viola” è un po’ difficile da comprendere, esso ha tendenze opposte e inconciliabili.
Talvolta diventa così fantasiosa e con la testa tra le nuvole, che risulta incapace di prendere delle decisioni: per questo gli amanti del viola non vogliono essere incaricati di responsabilità troppo impegnative.

È il colore più amato dai giovanissimi e dalle donne incinte, in grado di vedere il mondo con gli occhi innocenti di chi crede alle favole e ai lieto fine, nell’amore e nella felicità per tutta la vita.
Il colore viola è uno dei colori che emerge frequentemente nei disegni dei bambini. Rappresenta l’urgenza di esprimersi: il suo apparire frequente è in relazione a quella situazione ambientale che non consente al bambino di muoversi liberamente in tutti i settori per le regole o le norme di comportamento che gli vengono imposte. Tale situazione conflittuale insorge sia in famiglia che nella scuola e può investire nel bambino: la sfera del linguaggio; la sfera del comportamento; la sfera della libera espressione.

La simbologia del viola

Nei sogni il colore viola simboleggia il dolore, il tormento e la tristezza, significa quindi che hai bisogno di intimità ed affetto e ti senti attratto da ciò che è mistero e magia.
In Epoca Preromana nei Popoli Italici il colore viola era legato alle carestie e quindi precedeva l’attuazione del Ver Sacrum (Primavera Sacra, ossia venivano consacrati animali e bambini (-vedi wikipedia-), da qui l’utilizzo del colore viola da parte dei Romano-Cristiani nei periodi precedenti un cambiamento o un rinnovo.

paramento1

Infatti per il Cristianesimo il colore viola non significa affatto penitenza, bensì è segno di attesa e rappresenta metaforicamente la lotta dello spirito (blu) contro la carne (rosso), mentre per i laici è invece il colore dell’ autodeterminazione dei popoli.

La Chiesa adotta questo colore nei paramenti liturgici durante il periodo di purificazione di Avvento e di Quaresima della “passio christi”, la “passione” vissuta da “Cristo” al momento di compiere il sacrificio sulla Croce, nel quale si spoglia della natura umana per unirsi a Dio.
Inoltre i Vescovi indossano abiti Viola come segno di intermediazione tra cielo e terra.
Durante i 40 giorni quaresimali, nel Medioevo venivano vietati tutti i tipi di rappresentazioni teatrali e di spettacoli pubblici che si tenevano per le vie o le piazze delle città. Questo comportava per gli attori e per tutti coloro che vivevano di solo teatro notevoli disagi economici. Non potendo lavorare, infatti, le compagnie teatrali non avevano guadagni e di conseguenza anche procurarsi il pane quotidiano era ardua impresa: per questo motivo in teatro e in televisione abiti e oggetti di colore viola sono tuttora considerati malauguranti e, nei limiti del possibile, evitati.


==>> TORNA AGLI ARTICOLI <<==


LASCIA LA TUA TRACCIA VIOLA CON UNA FOTO E SULLA MAPPA DEL MONDO!!!


8′ ILLUMINAZIONE

8′ ILLUMINAZIONE

———————————————————————————————

— §§ – 8′ ILLUMINAZIONE – §§ —

8 – L’etica interpersonale

“Quando un numero sufficiente di persone sarà nel flusso dell’evoluzione, trasmettendo sempre energia agli altri, creeremo una nuova cultura, in cui i nostri corpi vibreranno a livelli sempre più elevati di energia e perfezione.”

L’Ottava illuminazione dice che, invece di rubarci l’energia a vicenda, dobbiamo darla, in ogni momento, e a chiunque.
E’ questo un’altro modo per incrementare la frequenza con cui si verificano le coincidenze che ci guidano, ossia migliorando le persone che entra­no a far parte della nostra vita.
Dare energia è un processo.
Quando interagisci con gli altri positivamente, quando parli con una persona, per elevarne l’energia, bisogna concentrarsi sul suo viso, dandogli così energia, il suo viso si illumina, e vorresti fosse sempre così radioso. In ogni situazione se la tua energia fluisce in una persona ti senti nel modo in cui si sente lei e avrai così una sensazione di pienezza, di appartenenza, un’enorme euforia. …. Amore!!
Dare è il segreto per mantenere il contatto, perchè l’energia, il tuo amore, cresce dentro di te mentre si trasmette agli altri.

Elevare spiritualmente qualcuno si rivela parti­colarmente facile all’interno dei gruppi in cui ciascun membro può sentire l’energia di tutti gli altri. Tale forma di sostegno è fondamentale per la crescita e la sicurezza dei bambini. Vedendo la bellezza negli altri poi possiamo trasformarli, aiu­tandoli a raggiungere uno stato di notevole saggezza e aumen­tando le possibilità di recepire un messaggio sincronico.

Ma bisogna fare attenzione a non perdere il collegamento interiore impegnandosi in relazioni sentimentali sbagliate.
L’armonia di coppia è la cosa più difficile da raggiungere specialmente se la relazione è antica, se sembra che i due si conoscano già.



Quando si forma una coppia si ha spesso questa stupenda sensazione di pienezza, ma non dura quasi mai allungo, rendendo difficile mantenere il contatto iniziale. Senza accorgersene si inizia a sbagliare, a fare qualcosa che disturba l’altro, e anche se si fa del proprio meglio, non ci si spiega in modo adeguato, e si finisce quasi sempre a non riuscire più a venirne fuori. Così uno dei due diventa insicuro, e inizia a controllare l’altro e vuole avere sempre di più, e il partner che si sente minacciato comincia a tirarsi indietro, annullandosi persino, non si farà più valere quando è veramente importante e così giuriamo a noi stessi che non ripeteremo più questo sbaglio, ma lo faremo ancora con le prossime sfide da superare, e così ci si arrabbia ancora di più con noi stessi e con l’altro, e inizia infine una lotta di potere.
Ma tutto questo non accade se entrambi mantengono il contatto e quello che ha l’intuito più forte guida la coppia, quindi non c’è competizione, il controllo è condiviso.
E questo vale per tutto e tutti, e l’unico modo per farlo è che tutti noi dobbiamo impegnarci per conquistare questa grande capacità, e dovremmo ricordarcene sempre invece di continuare ad arrabbiarsi.

Ma la cosa straordinaria che descrive questa Illuminazione è che questa energia non non si limita solo al passaggio da una persona ad un’altra, non si da energia e basta, ma arriviamo a comprendere che passandola a qualcuno che a sua volta ce la restituisce allora incrementiamo l’energia che è tra noi, così da “Amplificarla” sempre di più.
E se tutti lo facessero, l’umanità andrebbe ancora più avanti nell’evoluzione.

==>> VAI ALLA 9′ ILLUMINAZIONE <<==

8' ILLUMINAZIONE
8′ ILLUMINAZIONE

4′ ILLUMINAZIONE

4′ ILLUMINAZIONE

————————————————————————————————

— §§ – 4′ ILLUMINAZIONE – §§ —

4 – La lotta per il potere – 

“In questa prospettiva vedremo che gli esseri umani si sono sempre sentiti disconnessi da questa fonte sacra e hanno soddisfatto il loro bisogno di energia prevaricando gli altri.
Questa competizione è la causa di ogni conflitto.”

C’è un mondo di energia di cui tutti prenderemo coscienza, è questa la condizione umana, ma gli uomini vogliono l’energia, e lottano per prenderla agli altri invece di cercarla nella fonte che è dentro di se.
E’ questa la quarta Illuminazione, ossia che cercheremo di recuperare le forse rubando energia agli altri.

Troppo spesso gli uomini si allontanano dalla più grande fonte di energia che è dentro di se, sentendosi poi deboli e insicuri, o molto spesso per paura di perdere una persona amata, e per aumentare questa energia si tende quindi a manipolare o costringere gli altri a concedergli la loro attenzione e quindi la loro stessa energia.
Molto spesso è ciò che si fa, non ciò che si dice che ruba energia; non ci si rende conto, ma il voler convincere a fare qualcosa o manipolare qualcuno è sintomo di dominare, quindi pur non essendone consapevole gli si sta rubando energia. L’energia, rivela ciò che facciamo agli altri;

– Ma se mi dai una mano, io posso aiutarti! – Dai, tu li conosci, devi sapere qualcosa! – Ma non ci sto provando! l’hai detto tu che dovevamo parlare! – Non ascoltarlo, dammi retta, se vui sopravvivere devi stare dalla mia parte! – Fai un grosso sbaglio, te ne pentirai!-




La persona in questione (o magari sei proprio tu a farlo), detta “Intimidatore/tentatore” sta incrinando la vostra sicurezza togliendovi energia e facendovi sentire deboli, non riuscendo così più a farvi pensare;
e quando riesce finalmente a dominarvi, lui si sentirà più potente, mentre voi vi indebolirete.
Di queste persone ne incontrerete tutti i giorni, ed è bene saperle riconoscere, reagire e quindi ribbellarsi ad esse.

La competizione per l’energia è la causa di tutti i conflitti tra gli esseri umani, fra le nazioni, sul lavoro, in famiglia, ma c’è una soluzione.

==>> VAI ALLA 5′ ILLUMINAZIONE <<==

4' ILLUMINAZIONE
4′ ILLUMINAZIONE

2′ ILLUMINAZIONE

2′ ILLUMINAZIONE

———————————————————————————————————–

— §§ – 2′ ILLUMINAZIONE – §§ —

2 – Un presente più esteso –

“Quando prenderemo coscienza di questo mistero, creeremo una visione del mondo nuova e ridefiniremo l’universo sacro e pieno di energia.”

La seconda illuminazione, è la comprensione della storia; rappresenta il sorgere di una nuova visione del mondo ed un nuovo passo importante dello sviluppo umano. Spiega che la nostra visione del mondo sta per cambiare.

Questo risveglio rappresenta il sorgere di una nuova e più completa visione del mondo, capace di sostituire il desiderio di sopravvivenza fisica e agiatezza che ha dominato fino ad ora.
Anche se questa necessità di tipo esclusivamente materiale è stata un passo importante nello sviluppo umano, il risveglio alle coincidenze della vita ci porta a sco­prire il vero scopo dell’esistenza umana su questo pianeta, oltre alla vera natura del nostro universo.

La seconda illuminazione amplia la consapevolezza del tempo storico e insegna a comprendere con obbiettività il percorso dell’uomo occidentale dell’ultimo millennio, riconoscendo che noi siamo il risultato finale di questo lungo cammino.

==>> VAI ALLA 3′ ILLUMINAZIONE <<==

2' ILLUMINAZIONE
2′ ILLUMINAZIONE

9′ ILLUMINAZIONE

9′ ILLUMINAZIONE

———————————————————————————————–

— §§ – 9′ ILLUMINAZIONE – §§ —

9 – La cultura emergente

“La guida interiore farà evolvere il mondo verso un paradiso che è già qui, chi ne è consapevole conosce il proprio destino.”

Questa trasformazione ci porta ad una crescita spirituale, è così che partecipiamo all’evoluzione del big bang al fine ultimo dell’esistenza.
Infatti, facendo vibrare i corpi a un livello sempre maggiore di energia, varcheremo le soglie di un paradiso che potremo finalmente vedere.
Noi tutti siamo sulla via dell’evoluzione che ci permetterà di portare a termine la nostra missione spirituale.
Mentre gli esseri umani si concentreranno sulla crescita sincronistica, i mezzi tecnologici di sopravvivenza diventeranno completa­mente automatizzati e in un mondo ‘ecologico’ si chiarirà il rapporto fra tutte le religioni e si opererà per creare nuove condizioni di convivenza pacifica e di benessere.
Tale crescita porterà gli uomini a livelli sempre più alti di energia, trasformando infine i nostri corpi in forme spirituali e unendo questa dimensione di vita con quella dell’aldilà, ponendo così fine al ciclo di nascita e morte.

9' ILLUMINAZIONE
9′ ILLUMINAZIONE
Translate »
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.