SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 65/134

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 65/134

ENUMA ELISH

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA  65/134

Lo scontro tra Marduk e Tiamat e l’uccisione della Divina Progenitrice: versi 65-134

65. Avvicinatosi dunque il Signore…

L’incontro dei due super titani viene descritto nell’Enuma Elish in maniera molto dettagliata.
Man mano che l’Epica ne descrive l’avanzata, diventa chiaro che Marduk/Nibiru, viene proiettato all’interno del sistema solare, da un evento cosmico eclatante. Il pianeta invasore, si sta muovendo in senso orario, cioè in direzione opposta rispetto all’orbita antioraria degli altri pianeti, e venendo così attratto dalla forza gravitazionale del Sole, muta la propria traiettoria e nella sua corsa viene calamitato nell’orbita di Ea/Nettuno, dirigendosi poi verso Anu/Urano, verso Anshar/Saturno e quindi verso Kishar/Giove, entrando così in Rotta di Colisione con il pianete Tiamat, e la “Battaglia Celeste” che ne derivò in seguito fu un dogma basilare dell’antica conoscenza.MARDUK-NIBIRU ENTRA NEL SISTEMA SOLARE 1

Lo scontro fra i due pianeti avvenne in due fasi ben distinte:

Prima fase:
Marduk attacca Tiamat con i suoi venti (satelliti), “spezzandole il cuore” e “spegnendo il suo soffio vitale“.

65. Avvicinatosi dunque il Signore, studiava le intenzioni di Tiamat e di Quingu, suo sposo…

Man mano che Marduk/Nibiru si avvicina e scorge Kingu ed a Tiamat, la sua vista si offusca (il suo percoso viene disturbato e deviato dalla loro attrazione gravitazionale). Mentre guarda i mostri, il suo corso si sconvolge, e non riesce più a mantenere la direzione, compiendo gesti confusi.
Il Signore Marduk/Nibiru segue comunque la sua strada decisa dal Fato, mandando avanti, come una tempesta, i sette venti (satelliti), la sua schiera di aiutanti, per scrutare il piano di Kingu, comandante della schiera di Tiamat.
Mentre gli aiutanti (satelliti) di Tiamat vennero spinti (dalla forza gravitazionale di Nibiru) ad avvicinarsi al loro pianeta di riferimento, le si strinsero attorno tremanti di terrore.MARDUK-NIBIRU INCONTRA TIAMAT
Marduk allora si rivolge verso la rabbiosa Tiamat e con le sue stesse labbra pronuncia un’incantesimo e solleva il Ciclone che lo scaglia contro di lei, accusandola di essere senza pietà per i propri figli, anche se questi erano molesti e di aver privato Anu della sua dignità e di essere stata malvagia nei confronti del re degli dèi, Anshar.

88. Tiamat divenne folle di rabbia e perse la testa.

Udito le accuse che Marduk/Nibiru le infligge, le radici di Tiamat si scuotono emettendo un terribile ruggito.
Sul pianeta Tiamat, ora, i continenti vengono così scossi da numerosi terremoti, ed i vulcani eruttando con grande fragore.
Tiamat agitata, opera un incantesimo su Marduk, che lo avviluppa con il suo fascino.
Il campo gravitazionale di Tiamat adesso aumenta e a questo punto Nibiru cade prigioniero della sua gravità che sembra farlo vacillare.
Tiamat e Marduk si trovano quindi faccia a faccia; avanzano l’uno contro l’altro. Si avvicinano alla battaglia, si preparano al duello.

94. …si avvinghiarono nella lotta e si unirono nel corpo a corpo!

Il Signore allora si riprende e distende la sua rete (potenzia la sua gravità), gettandola addosso a Tiamat per avvilupparla arrivando così allo scontro vero e proprio dei due pianeti.

Il Vento del male, che lo seguiva, Marduk le scatenò contro; il Vento del Male le scagliò in faccia.
Il primo ad impattare su Tiamat fu il Vento del male, un satellite di Marduk, che si conficcò nel corpo roccioso di Tiamat, facendole perdere i seni quasi come fosse posseduta.VENTO DEL MALE IMPATTA TIAMAT SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 65/134

Tiamat allora scatena la sua ira e urlando cerca di inghiottire Marduk spalancando le sue labbra.

Costretta ad aprire la bocca per divorare il Vento del Male, altri venti le penetrano nelle viscere dilaniandone così il “ventre“. I venti cattivi la ingorgano, gonfiano il suo corpo e infine la paralizzano.
Attraverso l’apertura ancora spalancata, Marduk le scaglia una freccia lucente, un lampo divino, che le lacera il torace e gli spezza il cuore ed infine la distrugge.DISTRUZIONE DI TIAMAT

103. Così trionfò su di lei, ponendo termine alla sua vita.
107-108. mentre gli dèi suoi alleati, …. spaventati e tremanti, indietreggiarono…

Dopo che venne colpita e così così domata da Marduk, Tiamat (o quello che ne rimaneva) interruppe la sua attività vulcanica spegnendo così il suo soffio vitale.
Il Dio vincitore quindi esaminò il corpo senza vita; Tiamat era ora come una carcassa macellata privata anche dei suoi undici guerrieri e montando sul suo cadavere, Marduk ne fece scempio segnando così la vittoria dei nuovi Dei.

Vicino alla padrona senza vita, gli undici aiutanti sono tremanti di paura. Vengono quindi circondati, privati delle loro armi, e quindi attirati e catturati permanentemente nella “rete” (campo gravitazionale) di Marduk, così che da non potere scappare. Anche Kingu (la Luna) era fra di loro.I SATELLITI DI TIAMAT VENGONO ATTRATTI DA MARDUK-NIBIRU 1aIn senso astronomico possiamo dedurre che dopo l’impatto dei due pianeti, i satelliti di Tiamat iniziano a muoversi in modo erratico, perchè non più tenuti assieme dalla sua forza gravitazionale.
E qui entra in gioco la forza gravitazionale di Marduk che intercetta il loro movimento e attraendoli li fà orbitare indietro impedendogli così di disperdersi nello spazio. Ma con l’ennesimo impatto i piccoli satelliti vengono distrutti (…li calpestò. [v.118]) ed insieme ai frammenti della loro padrona verrà poi così creata la Fascia di Asteroidi.

119.120 Quanto a Quingu, infine, …lo abbattè e ne fece un “dio morto”

Infine volge lo sguardo verso il preferito di Tiamat, Kingu, il capo della schiera, lo cattura e strappa via dal suo petto la “Tavola dei destini“, ingiustamente a lui data. Vi impresse il suo sigillo e fissò definitivamente il Destino al suo petto, dopodichè annovera Kingu tra gli “Dèi morti[v.120].
A questo punto lo incatena alla padrona senza vita condannandolo a girare per sempre intorno a Tiamat; .
Oramai privo di atmosfera, Kingu viene relegato al ruolo di Dug.Ga.E., termine sumero che può essere tradotto con “circolatore senza vita“.
Esso diventerà quello che noi oggi conosciamo come la nostra Luna.RIMASUGLI DEI SATELLITI-KINGU CONDANNATO 1

131. …poi tagliò i condotti del suo sangue
133. Ciò vedendo, i suoi padri furono in gioia ed allegria

Infine Marduk rompe il cranio e recide i le “vene” (canali d’oro) di Tiamat, affinché il sangue scorra verso l’alto per comunicare al Cosmo la sua vittoria (qui si riferisce, probabilmente ai filoni d’oro che sono presenti sul nostro pianeta).MARDUK-NIBIRU TOCCA LA TESTA A TIAMAT 1a

Nibiru si allontana così dal Luogo della Battaglia, e si reca ad annunciare la vittoria agli dèi che lo avevano prescelto.
Compie un’orbita attorno ad Apsu/Sole (cioè passa il perielio della sua nuova orbita) , quindi si dirigge verso Kishar/Giove e Anshar/Saturno. Incontrò Gaga/Plutone che gli venne incontro per salutarlo, poi fa rotta come messaggero verso gli altri pianeti, oltrepassa An/Urano ed Antu/Nettuno
e si dirige verso la Dimora del Profondo (il resto della sua orbita al di là del Sistema Solare, verso Nemesis).MARDUK-NIBIRU SI ALLONTANA 1a


==>> CONTINUA SINOSSI QUARTA TAVOLETTA V. 135/146

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

Precedente SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 1/64 Successivo SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 135/146