Crea sito

Gesù, capro espiatorio di Dio

Gesù, capro espiatorio di Dio


Un Dio crudele?

Gesù, capro espiatorio di Diodi José Maria Castillo
Gli scritti del Nuovo Testamento insistono nel sostenere che nella morte di Gesù «apparvero la bontà di Dio, salvatore nostro, e il suo amore per gli uomini» e anche che «È apparsa infatti la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini».
Per le comunità primitive, «Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito» . Da questo punto di vista, la vita, la Passione, la morte e la risurrezione di Gesù il Cristo sono la manifestazione dell’amore di Dio che ci viene incontro per redimerci o per liberare l’umanità. Lo professa il Concilio di Trento, affermando che l’autore della nostra redenzione è «Dio misericordioso»­.Risultati immagini per dio misericordiosoE tuttavia, pur essendo questo concetto espresso così chiaramente nei primi scritti del cristianesimo, è necessario riconoscere che questo modo ragionevole e persino attraente di intendere Dio non è giunto negli stessi termini fino a noi.
La teologia successiva si preoccupò infatti di deformare le cose. E lo fece subito.
Primo, perché i concetti di “sacrificio” ed “espiazione” si prestavano a essere interpretati nel modo più “tradizionale”,­ nel senso peggiore di queste parole, cioè come vennero intesi i sacrifici e le espiazioni nelle religioni antiche, senza tenere conto della radicale trasformazione del concetto stesso di “sacrificio” che il Nuovo Testamento introduce.
Ma soprattutto perché, con il passare del tempo, nella teologia cristiana prese forza l’idea secondo la quale la morte di Gesù fu la «soddisfazione»­ che Dio esigeva e di cui aveva bisogno per poter perdonare i peccati dell’umanità. In questo modo, alla teologia del sacrificio e dell’espiazion­e si venne a sommare la teoria della soddisfazione­. Per cui la violenza del peccato si accanì tanto contro l’immagine di Dio che, a pensarci, risulta quasi incomprensibile­ che la gente non veda in un simile Dio un essere assolutamente intollerabile.
L’idea della morte di Cristo come «soddisfazione»­ per i nostri peccati non è contenuta nel Nuovo Testamento. Compare, per la prima volta, in Tertulliano (sec. III) e poi in Ambrogio di Milano (sec. IV).
Risultati immagini per Anselmo di CanterburyMa fu Anselmo di Canterbury (sec. XI) a elaborare questa teoria così come è giunta fino a noi e come la si suole predicare al popolo cristiano.
Anselmo volle dimostrare che l’incarnazione di Dio in Cristo fu assolutamente necessaria. Per questo scrisse il suo libro «Cur Deus homo» (titolo che, tradotto alla lettera, significa: «Perché Dio si è fatto uomo»).
Il suo argomento parte dalla teoria del diritto romano riguardo la «soddisfazione»­.
Secondo questa teoria chi commette un’offesa deve rendere la dovuta soddisfazione all’offeso. Ma la gravità dell’offesa si misura in base alla dignità dell’offeso.
Ebbene, nel caso del peccato, poiché l’offeso è Dio (che ha dignità infinita), l’offesa è di una gravità infinita. E, pertanto, la soddisfazione richiesta, in questo caso, deve essere ugualmente infinita. Cosa che, come è logico, solo chi sia al tempo stesso Dio e uomo può offrire. Deve essere uomo per dare una soddisfazione umana. E deve essere Dio per offrire una soddisfazione di valore infinito.
Da qui, la necessità assoluta dell’incarnazio­ne di Dio.
Naturalmente la prima difficoltà che viene in mente a chiunque, in relazione a questa argomentazione,­ è che con essa si pretende di interpretare Dio e il disegno divino secondo una mentalità puramente giuridica. Di modo che i rapporti dell’uomo con suo Padre-Dio (rapporti di amore e di misericordia) sono regolati esclusivamente secondo l’ordine giuridico e legalista che codifica le relazioni più materiali (forse puramente “mondane”) di una società umana. Ciò appare subito come un’autentica assurdità.

Ma la questione non finisce qui. Anselmo di Canterbury, seguendo la logica del suo ragionamento, presenta Dio offeso in modo tale che «la collera divina altro non è che la sua volontà di castigare». Si tratta, dunque, di un Dio collerico e punitore.
E l’aspetto più grave è che fa ricadere il castigo sul suo stesso Figlio. Una punizione crudele, che consiste niente meno che nell’ordine che il Padre impone al Figlio di accettare la morte.
Si può addirittura affermare che il Padre spinse il Figlio a morire, lo trascinò a morire.
Lo stesso Anselmo si rende conto della barbarie che ciò rappresenta. Ecco perché afferma, senza esitazione, che «desta meraviglia che Dio goda e abbia bisogno del sangue di un innocente e che non voglia o non possa perdonare al colpevole senza la morte di un innocente».
Ma è lo stesso Anselmo a trovare la risposta. Tutto si risolve dal momento che, a giudizio di questo autore, comprendiamo in che cosa consiste il peccato. Peccare è «togliere a Dio l’onore che gli è dovuto». E chi lo fa non trova il suo scioglimento nemmeno nella misericordia divina, perché è estremamente sconveniente (valde inconveniens videtur), per una ragione che provoca in chiunque una sensazione di terrore, ma che Anselmo vede invece come la cosa più ragionevole: «Nessuno ha il diritto di vendicarsi se non colui che è il Signore di tutti».
L’argomentazion­e è tanto chiara quanto patetica. Dio è una sorta di signore feudale. Un signore che non sembra un Padre. Non segue gli impulsi della bontà e della misericordia. Un signore a cui interessa soltanto il proprio onore. E a chi osa privarlo di questo onore non resta altra via d’uscita che la morte.
Gesù, capro espiatorio di DioFu così che a morire quale “capro espiatorio” perché potessimo sfuggire al peccato e ai suoi castighi infernali fu il Figlio di Dio. Cioè Dio decise la morte di suo Figlio per salvaguardare e assicurare così il suo onore. Per cui la nostra salvezza fu in realtà un regolamento di conti” tra Dio e Dio, perché restasse intatto l’onore e la dignità dello stesso Dio.
Questa è l’esemplarità che noi mortali possiamo trovare in Dio, nel Dio giustiziere, crudele e vendicativo che ci presenta la teologia della “soddisfazione vicaria”, in virtù della quale Gesù ci salvò dai nostri peccati.
Senza alcun dubbio, Anselmo non si rese conto del danno che causava all’immagine santa e buona del Dio Padre di nostro Signore Gesù, come lo stesso Gesù ce lo rivela nel Vangelo.
——————————————
fonte: http://gruppodelguado.blogspot.com/2013/05/un-dio-crudele.html

SINOSSI SESTA E SETTIMA TAVOLETTA ENUMA ELISH

SINOSSI SESTA E SETTIMA TAVOLETTA ENUMA ELISH

ENUMA ELISH

SINOSSI SESTA E SETTIMA TAVOLETTA

Nell’ultima parte della sesta Tavoletta e gran parte della Settima, i cinquanta Dei riuniti, iniziano a recitare i Cinquanta Nomi solenni che onoreranno Marduk, per dimostrare la gloria della sua persona e anche le sue opere, e che rappresentano anche la sintesi di tutte le divine prerogative conferitegli.

Sesta Tavoletta

I primi 10 dei cinquanta nomi di Marduk Versi 121-166

MARDUK SINOSSI SESTA E SETTIMA TAVOLETTA ENUMA ELISH1/ Innanzitutto Marduk: così lo chiamò il nonno Anu fin dalla nascita.
Il primo e più potente nome in grado di evocare il Trono del Cielo.
Si sostiene che in un primo momento non c’era nulla e poi una scintilla della creazione formò il cielo per cui gli dei sono stati poi in grado di formare l’universo conosciuto.
Colui che con la sua arma “Diluvio” ha vinto i fautori dell’agitazione e salvato dal grande pericolo e dalla sofferenza gli dèi suoi padri!
Colui che è il Fornitore di pascoli e acquazzoni, colui che fa risorgere le stalle degli uomini e arricchisce le loro bancarelle.

2/ Mar.utu, il “Figlio Sole degli Dei”, perchè brilla e, nella sua luce sfolgorante, I Potenti viaggino in perpetuo.
Agli uomini che ha creato, esseri dotati di anima, ha imposto il lavoro degli dèi, per lasciare questi ultimi in ozio. Creare o annientare, liberare o punire è a suo piacimento. Tutti gli esseri viventi devono sempre contemplarlo.

3/ Marukka: il “Dio Verità” , “Creatore di Tutto”.
E’ il dio che ha creato gli umani, per la gioia degli Anunnaki e il piacere degli Igigi, dando così pace agli dèi.  E’ il Dio che allieta il cuore del Anunnaki (spiriti della terra) e placa i loro/gli spiriti.

4/ Marutukku: il “Sostegno del Paese, delle Città e delle Popolazioni”.
E’ il rifugio del territorio e la tutela della sua gente; A lui il popolo non smetta mai di celebrare e di dare lode.

5/ Maršakušu (Barašakušu): “Portato all’Ira, ma pur sempre tollerante”.
Irritato, ma che ragiona; infuriato ma che si contiene; tollerante e che tiene a freno la sua anima! Ampio è il suo cuore, scalda la sua simpatia.

6/ Lugal.dimmer.ankia: il “Re del Cosmo”.
E’ il nome proclamato nell’assemblea, “Re degli Dèi del Cielo e della Terra”, il Re, davanti a cui gli dèi hanno paura “in alto e in basso”.
Con questo nome si dà ancor più importanza alla sua parola che a quella degli dèi suoi padri.
Traducendo letteralmente il nome: “Lu.gal.dim.mer.an.kia” otteniamo “Grande Signore della violenta Tempesta che lega il Cielo alla Terra” o “Grande Signore della violenta Tempesta che squote il Cielo e la Terra”
In qualità di Nibiru, infatti, ha proiettato le stelle nelle loro orbite, e da allora gli “Dei Erranti” obbediscono alle leggi del suo passaggio. Nibiru, fermo al centro, é il dio che adorano; di questo splendente dicono: “Colui che un giorno attraversò il firmamento ora é il fulcro dell’ Universo”.

Da questo il prossimo nome…
7/ Nari.lugal.dimmer.ankia: il “Dio che si prende cura degli dèi”.
E’ il nome che gli hanno dato come reggente di tutti gli Dèi; colui che, nel Cielo e nella Terra, ha ristabilito la loro posizione, e assegnato i loro posti, agli Igigi ed Anunnaki!
“Che a questo nome gli dèi tremino e tremino ovunque si trovino!”

8/ Asallūḫi (Asaruludu): lo “Spirito Protettivo degli Dei e del Mondo”.
Tale è il (primo) nome che gli e stato conferito da Anshar (Saturno) poichè è la luce degli dèi, loro potente capofila, colui che, in accordo col suo nome, è il protettore degli dèi e del mondo e che, con un formidabile e feroce duello, ha salvato la situazione dal pericolo!

9/ Asallūḫi.namtila (Namtilaku): Così lo nominò Lahmu (Marte), “Dio che dona e mantiene la vita” (Il secondo nome che gli stato conferito).
Il Dio Vivificatore; egli che, in accordo con la propria natura, ha ripristinato tutti gli Dei perduti!
Il Signore che, con il suo santo incantesimo, ha reso la vita agli “Dèi Morti” e distrutto i loro ostinati avversari ribelli! Celebrano così il suo coraggio e valore.

10/ Asallūḫi.namru: il “Dio che Purifica la nostra Condotta”, “Il Dio Brillante che Illumina le nostre Vie”
(ancora per la terza volta nominato da Lahamu (Venere))Così lo proclamano Anshar (Saturno), Laḫmu (Marte) e Laḫamu (Venere).

Settima Tavoletta

I cinquanta nomi di Marduk versi 1-136

11/ Asari (Asaru): il “Donatore dell’Agricoltura”.
Che crea il terreno agricolo e che stabilisce i livelli dell’acqua. Il creatore dei cereali e della canapa, il produttore di tutta la verdura, colui che fa crescere l’erba.

12/ Asar.alim (Asar.ualim): “Colui che ignora la paura e che eccelle e prevale ed è onorato in Assemblea”.
Il suo consiglio è stimato e ben accolto, la sua opinione prevale, e tutti gli dèi lo seguono e lo temono.

13/ Asar.alim.nunna: “la Grazia, la Luce, il Venerabile, luce dei suoi Padri e Progenitori”.
E’ lui, il loro curatore, che assegna loro le loro posizioni, è lui che guida e dirige e porta a termine gli ordini, le decisioni e i decreti di Anu, Enlil ed Ea. Lui che, per il bene del paese, aumenta nei campi l’abbondanza.

14/ Tutu: “il Vero Autore del loro Rinnovamento”è la sua prima nomina.
Egli è supremo nel Assemblea degli dei e dei suoi padri. Nessuno tra loro potrà mai essergli pari.
Egli organizza il loro rinnovo e crea l’incantesimo, affichè gli Dèi si plachino e anche se si lanciassero, in corruccio, indietreggerebbero. Egli purifica e libera i loro Santuari affinchè stiano in ozio.

15/ Tutu.zi.ukkinna per secondo: “Colui che ha creato, per gli dèi, il cielo chiaro e puro, stabilendo le loro postazioni”.
Egli mantiene una stretta sui loro modi, prende carico della loro esistenza e determina il loro corso.
Egli non deve essere dimenticato ed accultato dai suoi sudditi.
Essi devono sempre ricordare e considerare le sue opere e le sue grandi gesta, indimenticabili, tra la moltitudine.

16/ Tutu.zi.kù: “il Dio del Soffio Benefico che Opera la Purificazione” lo chiamarono per terzo.
Il “Dio del Respiro Benigno”. Il “Custode della Purificazione”.
Il “Signore che si pone in Ascolto”. Il “Signore dell’Esaudimento e della Grazia”.
Il “Produttore della Ricchezza e dell’Opulenza”, e che “Stabilisce la Santità”.
Il “Consolidatore della Prosperità” e che “Decreta l’abbondanza”. Colui che rende abbondante tutto ciò che era raro.

17/ Tutu.aga.kù: per quarto, gli umani dovranno glorificare il padrone del Santo Incantesimo, il “Misericordioso nel cui Potere è la Resurrezione”.
Il Signore che fa rivivere i morti; il Vivificatore dei morenti, al quale è concesso ridare la vita.
Colui che ha avuto pietà degli dèi vinti, che li liberò dal giogo loro imposto; che ha sottratto la fatica agli dei, e che ha creato l’uomo; Possano le sue parole non essere dimenticate, e che la sua azione restino indimenticabili, sulle labbra delle Teste-Nere

18/ Tutu.tu.kù : “Colui che ha Estirpato ogni Male con il suo Scongiuro” quinta e ultima assegnazione.
Colui che con il suo Santo Incantesimo, ha sradicato i cattivi e arrestato tutto il male.

19/ Sà.zu: “Colui che non fa fuggire i malvagi e che diffonde la Verità”.
Il conoscitore del cuore degli dèi, che scruta le loro anime. Colui che dalle mani non si lascia sfuggire i malfattori. Il Custode e protettore dell’Assemblea degli Dei. Colui che ne appaga e allieta il cuore, e che sottomette l’indomabile. Colui che fa trionfare la verità e la giustizia, vanifica il parlare astuto e che riconosce, ovunque, menzogna e verità

Quindi lo si glorifichi come:
20/ Sà.zu.zi.si: “Colui che piega e impone il silenzio ai Rivoltosi”.
E che, nella persona degli dèi, suoi padri, ha generato stupore.

21/ Sà.zu.suh.rim in terzo luogo: “Colui che estirpò a mani armate tutti coloro che marciavano contro di lui”, ne dissipò le macchinazioni e li disperse nel vento.
Egli ha cancella tutti i malvagi che tremano davanti a lui.

22/ Sà.zu.gù.rim in quarto luogo: “Colui chesradicò i nemici, cancellandone la discendenza”.
Che ristabilì la sottomissione agli dèi suoi padri, e che estirpò le radici di tutti gli avversari ennientandone la discendenza.
Chi frustra le loro azioni e dissipa le loro manovre, senza risparmiare alcuno.

23/ Sà.zu.zàh.rim come quinto nome: “Colui che ridusse in nulla tutti ribelli e i disobbedienti”.
Colui che reintegrò tutti gli dèi in fuga nelle loro sale di cerimonia (orbite).

Per Shazu, inoltre, in sesto luogo, venga celebrato come
24/ Sà.zu.zàh.gù.rim: “Colui che annientò i nemici.
Colui che, personalmente, in un corpo a corpo annientò tutti gli avversari.

25/ En.bi.lulu ancora per prima designazione: il “Signore generoso per natura”.
Il Signore che fornisce la Ricchezza. Il Potente Pastore degli Dèi e che promuove le loro offerte.
Il Signore che fondò la Terra, che fece fiorire i pascoli e che fece prosperare gli acquazzoni.
Il Signore che creò i fiumi (qui si allude ai lavori di bonifica (terrapieni, canali, ecc.) che gli Anunnaki fecero in mesopotamia per permettere l’agricoltura) e che mise in funzione i canali e i luoghi di irrigazione; che ha aperto i pozzi fornendoli d’acqua e dopo averli ripartiti ne distribuì il fertilizzante.

Enbilulu, in secondo, che lo si glorifichi anche come E.pa.dun:
26/ En.bi.lulu.e.pa.dun: Il “Signore delle pianure, dei fiumi e dei canali”.
Il “Fontaniere” dell’universo e dei corsi d’acqua divini, il “Signore che spruzza il campo”; “Irrigatore” delle piantagioni degli Dei e del Cielo e della Terra.
Colui che fondò, in piena steppa, la santa agricoltura, e che allineò i pascoli, che arginò e regolò i canali e che definì le linee delle arature.

27/ En.bi.lulu.gù.gal: “Signore dell’abbondanza e dei grandi raccolti”, che lo si celebri per terzo.
signore dell’abbondanza, dell’opulenza e dei ricchi raccolti
Colui che istituì e fornisce la ricchezza, che arricchisce tutte le abitazioni facendo traboccare i beni dell’Ecumene (la parte della Terra dove si trovano condizioni ambientali favorevoli alla dimora permanente dell’uomo). Colui che concesse il frumento e creò il grano, che fornisce miglio, e fa apparire l’orzo.

28/ Infine, come En.bi.lulu.hè.gàl: “Colui che accumula abbondanza per tutte le popolazioni”.
Chi provoca piogge ricche piene di prosperità sulla Terra e che fa accumulare ricchezza abbondante agli uomini. Colui che fa crescere rigogliose le piante assicurandone verdura grassa.

29/ Sirsir: “Colui che spogliò con le sue armi il cadavere di Tiāmat” e ne ammucchiò montagne e bottino.
Colui che dirige e sorveglia la Terra; il vero pastore degli uomini.
Di chi i capelli sono piantagioni e campi coltivati e i solchi sono le sue corna.
Colui che, nel suo sdegno, traversava e riattraversava l’immensa Tiamat, passava e ripassava, come un ponte, nel luogo del duello con lei.

30/ Lo chiamarono anche Sir.sir.malah: poichè Tiamat era la nave ed egli era il suo “Nocchiero”.

31/ Gilim: “l’Ammucchiatore di cumuli di grano, il Creatore dei cereali e Procuratore di Greggi”.
Colui che garantisce la semenza nel paese e che produce orzo e miglio, per la terra.

32/ E ancora Gilim.ma: il “Consolidatore del legame tra gli Dei”, Il “Creatore del Buon Diritto” il “Creatore di sicurezza”.
Colui che, con la sua briglia, frenò i malvagi rendendo duratura la nobile associazione degli Dei e tutto il paese, inaugurando così il buon ordine.

33/ A.gilim.ma per la terza volta: “Chi crea le nuvole sopra le acque rendendo duraturi e stabili i cieli”.
Colui che controlla e allontana le inondazioni, che procura e tiene a bada la neve e che, consolidate le regioni superiori, ha creato la terra sull’acqua.

34/ Zu.lum: Il “Demiurgo dell’Universo e Colui che ne dirige la marcia”.
Che distrugge tutti i nemici e che mantiene buone le cose.
Chi concede e amministra i santuari e le sale da cerimonia, colui che assegna e distribuisce agli dèi i campi (terreno da pascolo), ne designa le porzioni e suddivide le offerte di cibo.

Come dio purificatore del cielo e della terra, lo chiamarono ancora Mummu
35/ Zu.lum.um.mu: il “Dio Creatore” e “Colui che santifica il cielo e la terra”, “Colui che, per potenza, non ha eguali fra gli Dei e che protegge i fuggiaschi”.
Tuono e fragore del mare, chi nessun altro tra gli dei può competere in termini di forza.

36/ Gis.numun.àb: il “Distruttore degli dèi di Tiamat e che ha fatto gli uomini di loro sostanza”.
Il fabbricatore dei continenti, colui che hanno fatto le regioni del mondo.
Colui che, annientando gli dei di Tiamat, ha creato i popoli della terra con le loro parti (qui si allude al fatto che Adamu, il primo uomo, venne creato per mezzo del sacrificio di un prigioniero alieno, di nome Kingu).

37/ Lagal.àb.du.bùr: il “Re che vanificò le manovre di Tiamat e ne strappò le armi”
Il suo fondamento è ovunque sicuro, il suo regno è solidamente stabilito; nell’avvenire come nel passato.

38/ Pa.gal.gu.enna: il più “Nobile fra gli Dei, il cui Potere è Eccelso”.
Chi è preminente tra tutti i Signori, i suoi fratelli, sovrano e maestro di tutti.

39/ Lugal.dur.mah: il “Re che costituì il legame tra gli Dèi, il Signore del sublime Legame”.
Infinitamente superiore agli altri dèi, il più maestoso, il più grande sul seggio reale, che stabilì il sacro legame dei Signori del Cielo e della Terra.

40/ A.rà.nunna: il “Consigliere di Ea, il “Creatore degli Dèi, suoi Padri”.
Le cui vie principesche, per principio, nessun Dio gli può essere comparabile.

41/ Dumu.du.kù: “Colui che rinnova Duku, il “Santo Monticello”, il suo puro luogo”.
Il “figlio del Santo Monticello”, senza il quale Ea, il “re della santa cappella” non prende alcuna decisione.

42/ Lugal.su.anna: “Forza di Anu”, “Re sublime tra gli Dei”.
Il Signore della forza di Anu (Urano), che divenne ancor più supremo di Anshar (Saturno); il Re il cui potere è eccezionale fra gli dei.

43/ Ir.ug.ga: “Colui che he ha unito ogni Sapere ad un’Intelligenza Infinita”.
Colui che abbraccia tutto l’equilibrio; ampia percezione, onnicomprensivo nella saggezza.

44/ Ir.Qin.gu: il “Combattente che imprigionò Quingu e che trasmette una guida per tutti”.
Colui che fece prigioniero Quingu durante il combattimento e lo portò via nel vivo della battaglia. Che ha derubato i suoi mari e portò tutti loro in mezzo alla lotta, e dentro Tiamat li ha fatti tutti prigionieri stabilendo il proprio dominio.
Il Re che organizzò le delegazioni del potere dell’universo e ne stabilì la sovranità e il dominio.

45/ Kin.ma: il “Governatore e Consigliere degli Dei”.
Colui che guida gli dèi, che ne dirige i passi e che dona consiglio, al cui nome tutti gli dèi vengono scossi dal timore e si piegano impauriti come di fronte ad una tempesta.

46/ E.siskur (Diĝir.e.siskur): il “Creatore di Meraviglie, delle Teste Nere suoi Figli”
In qualità di E.siskur, in maestà siederà sul Trono nella casa della benedizione e delle preghiere; e gli dèi, davanti a lui, introdurranno doni, mentre egli riceverà i loro omaggi e da lui ne riceveranno i compiti.
Nessun altro oltre a lui ha potuto creare tali prodigi; grazie a lui sono state create le Quattro Regioni delle Teste Nere (Sumeri, Egiziani, i popoli della Cultura dell’Indo e del Sinai).
Eccetto lui, nessun dio conosce la risposta e il numero dei loro giorni e ne sa guidare l’esistenza.

47/ Gibil (Girru): “Colui che assicurò la riuscita della guerra e che creò abili opere dopo la battaglia con Tiamat”.
Colui che mantiene la punta acuminata dell’arma e che dopo il corpo a corpo con Tiamat, con grande intelligenza, si mise a creare meraviglie.
Vasto è il suo intelletto, ampia la sua saggezza e capace la sua intelligenza. Tra tutti gli Dei, nessuno mai riuscirà a comprendere la sua mente e il suo cuore, tanto sono vasti e insondabili.

48/ Addu: “Il Signore che, il suo ruggito benefico, echeggia al di sopra della terra”.
Colui che ricopre la faccia intera del cielo e tuona sulla terra con la sua voce armoniosa e che, come tale possa egli diminuire la sostanza delle nubi piene di pioggia, così che quaggiù, possa fornire il sostentamento alle popolazioni.

49/ Asaru: “Colui che guida il Destino degli Dei e e che governa la condotta degli Uomini.”
In verità è il Sovrano che prende in carico tutto l’universo, e conformemente al suo nome, dà regole ai destini degli dèi e controlla la condotta dei popoli.

50/ Nebiru (Neberu): “E’ la stella più brillante del firmamento”, è “Colui che controlla i flussi delle stelle, del Cielo e della Terra”.
Il Re indiscusso dell’Universo, colui che tiene gli incroci del cielo (in alto) e della terra (in basso); coloro che attraversano “sopra” e “sotto” a lui devono sempre chiedere il permesso (Il termine Nibiru, significa “attraversare” o “colui che attraversa”. In qualità di “Nibiru” egli stabilisce le orbite dei pianeti. Questi devono obbedire alla “legge del passaggio”, che é facile identificare nelle leggi che governano le orbite e la gravitazione planetaria;)
Egli occupa il polo, il posto del Solstizio, e gli Dei lo ammirano; attraversa senza sosta l’interno (il centro) di Tiamat e lo domina: con questo passo si intende che l’orbita di Nibiru aveva (e ha tuttora) un perielio interno alla fascia dei pianeti terrestri, di cui faceva parte Tiamat. Nibiru, infatti, si trova “nel centro”, esattamente la posizione occupata dalla fascia degli asteroidi che divide il sistema solare in due gruppi di 5 elementi: da un lato: Mercurio ,Venere, Terra, Luna, Marte e dall’ altro: Giove, Saturno, Urano, Nettuno, Plutone.
Con questo “Titolo” egli determina e sostiene il corso e la traiettoria delle stelle del cielo; e come un gregge egli pascola tutti gli “Dei Stellari”; significa che nel Sistema Solare i pianeti Mercurio, Venere, Terra, Marte, Giove, Saturno, Urano e Nettuno sistemano le proprie orbite in relazione a quella di Nibiru e quando quest’ultimo giunge dal suo afelio, ne sconvolge tutte le orbite.
E dal momento in cui il grande Re aveva creato il Cielo e fabbricato gli inferi, Enlil gli conferisce anche il nome di En.kur.kur (Bêl.Mātāti), il “Signore dei paesi”.


==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

SINOSSI SESTA TAVOLETTA ENUMA ELISH

SINOSSI SESTA TAVOLETTA ENUMA ELISH

ENUMA ELISH

SINOSSI SESTA TAVOLETTA

La creazione dell’uomo: versi 1-44

Ottenuta l’approvazione degli dèi, Marduk concepisce cose meravigliose.

Si rivolge a Ea, suo padre, definendolo “architetto” cioé ideatore e pianificatore delle sue azioni e gli comunica l’intenzione di creare Lullu (dal sumerico: LU2.LU7, LÙ. [v. 6] LU, il “primo uomo) e chiamarlo “uomo“, coagulando il suo sangue e formandogli le ossa.
Marduk vuole creare Lullu, l’uomo, affinché gli sia destinata la fatica che prima competeva agli dèi.
Il desiderio di Marduk, espresso al padre, é descritto nell’epica in modo formidabile nei versetti che vanno dal 5 al 10.

Ea, che i sumeri hanno sempre descritto come un saggio scienziato (e al quale Sitchin attribuisce notevoli conoscenze in campo medico – biologico), gli risponde di non voler usare il proprio sangue, ma di usare quello di uno dei servitori di Tiamat, e quindi che uno degli dèi deve perire per poter creare l’uomo [v. 13/16],
Allora Marduk, re degli dèi, convoca il consiglio degli dei e tutti gli Anunnaki, al quale presenziano anche i ribelli prigionieri e gli chiede chi abbia aizzato Tiāmat provocando la guerra divina; gli Igigi gli rispondono che è stato Kingu (che era stato messo a capo dell’ orda da Tiamat), quindi conducono, legato, lo sposo di Tiamat al cospetto di Ea [v. 17/30], gli aprono le vene e viene ucciso.KINGU UCCISO DA ENKI SINOSSI SESTA TAVOLETTA ENUMA ELISHCon il sangue di Kingu Ea, nella sua saggezza, crea l’umanità addossando a quest’ultima il lavoro che prima spettava agli dèi [v. 31/34].
Vennero così creati gli uomini, una meraviglia di finezza concepita da Marduk ed eseguita da Ea/Nudimmud.

Marduk suddivide quindi gli dèi: 300 Anunnaki stabilisce nel Cielo (Marte?), 300 li organizza per far funzionare la Terra [v. 39/44].

E’ evidente che in questi passaggi i nomi delle divinità, che prima appartenevano ai pianeti, adesso descrivono dei veri e propri personaggi in carne ed ossa che compiono azioni. Ciò é percepito inizialmente nella quinta tavoletta, quando nel versetto 139 e 148, vengono nominate le “provviste quotidiane“, ma ora l’intuizione viene confermata nel momento in cui Marduk decide di creare l’ uomo.
La presenza dell’uomo però, in questo poema, è solo una vicenda di contorno, di secondaria importanza, al contrario di altre epopee come “Il Libro Perduto di Enki“, dove viene spiegato nel dettaglio i vari passaggi che Ea compie per creare l’Uomo.
Gli Dei infatti non hanno nessuno che li serva, e così vengono formati gli uomini. Secondo questo mito dunque gli uomini sono stati creati per servire gli Dei. Anche per questo la religione babilonese prevedeva che il sacerdote nel tempio offrisse per quattro volte al giorno del cibo agli Dei.

Gli Anunnaki costruiscono Babilonia: versi 45-120

Gli Anunnaki intendono mostrare riconoscenza a Marduk per averli liberati dal pericolo. Per questa ragione Marduk li invita a costruire la città di Babilonia.
Gli Anunnaki impugnano allora le zappe e per un anno fabbricano i mattoni, poi, a partire dal secondo anno, finirono l’Esagila ed eressero la grande torre a gradoni, la Ziggurat e realizzando infine i santuari per Anu, Enlil ed Ea e gli altri Dei.
Quindi, finiti tutti i lavori, i 300 Igigi del cielo e i 600 dell’Apsu si stabiliscono tutti nell’Esagila [v. 45/69].BABILONIA-ESAGILA

Marduk organizza un banchetto con i cinquanta dèi maggiori, invitandoli a permanere gioiosamente in Babilonia, la loro residenza; di rimando Anu gli costruisce un Trono Regale, sul quale Marduk si insedia e gli dèi tutti si inchinano a lui e gli conferiscono la regalità.

Nel versetto 107 per la prima volta vengono nominati “le Teste Nere“, ossia i “Sumeri, che per estensione sono tutti i terrestri.


==>> CONTINUA SINOSSI SETTIMA TAVOLETTA

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

SINOSSI QUINTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 45/156

SINOSSI QUINTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 45/156

ENUMA ELISH

SINOSSI QUINTA TAVOLETTA 45/156

[v.45/66] Con la “saliva” di Tiamat , Marduk fabbrica gli Elementi Atmosferici, e ne nomina “Dio” il cugino Adad (figlio di Enlil).

ADAD
ADAD

Sopraggiungono così le nubi e le pioggie, i fiumi cominciano a scorrere, che con il calore del sole infine le acque di addensano aumentando così l’atmosfera.
Quindi apre il cranio di Tiamat riempendone la cavità di acqua e così facendo fa sgorgare dai suoi “Occhi” i fiumi Tigri ed Eufrate (fiumi della Mesopotamia).

La parte superiore di Tiamat comincia ad assumere una forma planetaria: le acque si raccolgono nella parte cava del pianeta (dove l’Oceano Pacifico è quella più grande e profonda), rivelando così le terre emerse; compaiono i continenti, vengono innalzate le montagne e i vulcani.

PANGEA-Panthalassa SINOSSI QUINTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 45/156Nel petto della divina progenitrice predispone le montagne, e crea delle fonti che defluiscono in cascate. La restante metà la stende e la rende Terra.

Questi passi del poema sono in pieno accordo con le moderne scoperte che parlano di un primordiale supercontinente chiamato Pangea, emerso quando tutte le acque della Terra si riunirono in una sola grande massa d’acqua chiamata Panthalassa.

Compiuta l’opera con Tiamat, Marduk fa venire ad essere “il Tutto“.
In questa parte finale della creazione, Marduk stabilisce delle “leggi” (le “Regole-della-buona-marcia” e gli “Statuti-del-funzionamento” [v. 67]) per far sì che la Terra non si perdesse nel cosmo.
Egli infatti lega il giovane pianeta al “Grande Cavo“, il Durmaḫ, ossia la “Corda Cosmica” che tiene unite le parti del Cosmo. Allo stesso modo dispone il “sedere” per ancorare il cielo.

Rinnovata la creazione, e stabilite le regole, Marduk affida tutto ciò al padre Ea, e dona la Tavola dei destini (che aveva preso a Quingu) ad Anu .

Infine si ricorda delle “Undici Creature” di Tiamat, che si era legato al fianco.
Li prende e li Distrugge e predispone le loro “immagini” che appende come monito all’ingresso dell’Apsû. Viene ora creata la Fascia di Kuiper.Fascia di Kuiper

Tutto è dunque compiuto. Tiamat si sta trasformando in un pianeta vivente. I pianeti e le stelle hanno preso posto e il cosmo ha le sue Leggi.
La Terra è pronta per la Vita.

L’intronizzazione di Marduk: versi 77-156

88. poi, essendosi rialzati, davanti a lui si inchinarono, dicendo: “Ecco il Re!”

Marduk finalmente si può sedere sul suo trono e ricevere il riconoscimento della sua grandezza.

Il giubilo degli dèi per la vittoria di Marduk è grande.
Tutti gli dei e gli Igigi accorrono festosi e si presentano davanti a Marduk a portare i loro doni, compresa sua madre Damkina, il cui dono Marduk apprezza in modo particolare tanto che ….gli fece brillare il viso [v.82]

Marduk a questo punto parla ai suoi progenitori divini comunicandogli l’intenzione di edificare la sua “Dimora” sopra l’Apsû e sotto il Cielo (al di là di Gaga), e che intende chiamarla Babilonia, “la casa dei grandi dèi[v. 119/130], e lì intende organizzare la sua festa.

Questo ultimo passaggio, oltre ad essere una attestazione di grandezza della neoeletta Divinità Principale, sembra anche descrivere l’ effettiva presa di importanza del pianeta della battaglia celeste. Infatti egli prima, come “invasore” era solo un “amato figlio[v.109] generato da Ea e Damkina… ma dopo aver distrutto Tiamat e stabilito la propria orbita tra Marte e Giove ed equilibrando le orbite dei vari pianeti, diventò a tutti gli effetti il “Regolatore” del sistema solare, il “Grande Re[v.152].
E’ evidente comunque che in questi passaggi i nomi delle divinità, che prima descrivevano pianeti, ora descrivono veri e propri personaggi in carne ed ossa che compiono azioni.
Come ad esempio quando nel versetto 139 e 148, vengono nominate le “provviste quotidiane“; qui probabilmente è indicata la ragione e l’inizio della tradizione di sacrificare animali agli dèi, che erano il cibo degli Anunnaki.


==>> CONTINUA SINOSSI SESTA TAVOLETTA

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

SINOSSI QUINTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 1/44

SINOSSI QUINTA TAVOLETTA ENUMA ELISH

ENUMA ELISH

SINOSSI QUINTA TAVOLETTA 1/44

L’opera di creazione del Cosmo da parte di Marduk: versi 1-44

Il tema della quinta tavoletta dell’Enuma Elish è la creazione della Terra e del nostro Sistema Solare fatta da Marduk. Sappiamo infatti che fino ad allora c’erano si delle forze primordiali, ma non esisteva ancora nulla di definito.
Nell’attraversare di nuovo i cieli (3.600 anni dopo) e la regione di Apsu, Marduk ripensò con rimorso alla sposa del Sole che più non c’era e ispezionò quindi le regioni.

1. Vi sistemò le Stazioni per i grandi dèi;

Marduk così definisce le Vie Celesti e stabilisce il corso delle stelle, che danno ordine a questo universo.

Agli dèi, che lo avevano reso supremo, concede Stazioni Permanenti, decidendo che non dovessero trasgredire i confini dei propri circuiti, né darsi battaglia.
Divide poi il Cielo in Tre Zone e raggruppa le stelle in Costellazioni Zodiacali (Lumašu) dotandole di simboli, ne limita i confini e ne stabilisce l’anno.FASCIA ZODIACO SINOSSI QUINTA TAVOLETTA ENUMA ELISHQuindi colloca Neberu, la Stella Polare, che noi tutti conosciamo, decidendo in questo modo la distanza tra le stelle.
Decretato infine le varie posizioni e le svariate leggi, Marduk stabilisce lo Zenith in mezzo a tutti loro.

12/44. …Quando ebbe assegnato il giorno a Shamash
e affidato a Nanna la guardia della notte e del giorno…

Nannar
Nannar
utu
Utu/Shamash

In questa fase del Poema, viene attribuita a Marduk la fondazione dei “recinti del giorno e della notte” assegnando la notte alla Luna e il giorno alla Sole, creando così l’istituzione del calendario lunisolare.
Il mito qui affronta il tema della disposizione della Luna e del Sole nel cielo, viene descritto minuziosamente il modo in cui sono state “decise” le fasi lunari e come queste dovessero scandire il tempo.
Non ci sorprenda questa importanza rivestita dalla Luna rispetto al Sole, infatti il dio della Luna, Nannar, era figlio di Enlil, mentre il dio del Sole, Utu era suo nipote. E’ molto bella la descrizione del susseguirsi delle fasi lunari [12/17].

Marduk fa “apparireNanna (il dio Luna, Sîn, Nanna-Suen – ossia il Dio Morto Kingu [v. 12]) affidandogli la notte, che incoronandolo stabilisce il suo movimento e che con la sua rotazione, decide i giorni sulla Terra.
Successivamente dispone Shamash/Utu (il Sole), ad Est [v.18], che stabilisce il calcolo degli anni.

Nel successivo ciclo, Marduk (dopo i soliti 3600 anni) torna nel Sistema Solare, dalle parti della Cintura degli Asteroidi. Osserva di nuovo la metà ferita di Tiamat, e presta attenzione alla sua Parte Superiore.
Nell’area del polo nord ancora vi erano i segni dell’impatto (vulcani attivi e faglie aperte): vede le acque della vita, le sue ricchezze che stillano ancora dalle ferite e le vene d’oro, a cielo aperto, che riflettono i raggi di Apsu.
Allora si rende conto che, nell’impatto, i “Semi della Vita” (spore, batteri di Nibiru), sua eredità, erano passati su Tiamat ed avevano attecchito.
Quindi, dopo essersi occupato di tutte le questioni celesti, e dopo aver affidato i loro incarichi al Sole e alla Luna, Marduk rivolge la sua attenzione e la sua energia creativa alla trasformazione della nuova Tiamat (la Terra) per renderla abitabile e un posto più vivibile.
La disposizione della carcassa di Tiamat, viene descritta in maniera minuziosa.


==>> CONTINUA SINOSSI QUINTA TAVOLETTA 45/156

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 135/146

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 135/146

ENUMA ELISH

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA 135/146

Marduk seziona il cadavere di Tiāmat per creare il mondo: versi 135-146

Questa è la Seconda fase della grande Battaglia di Marduk e Tiamat:

135. A mente fresca, il Signore contemplò il cadavere di Tiamat:
136. voleva tagliarne la carne mostruosa per trarne cose belle.

Ci viene descritto a questo punto un gesto fondamentale nella teoria Sitchiniana e nella identificazione di questo mito, come “cronaca di una battaglia planetaria“, ossia il completamento del nostro Sistema Solare, come oggi noi lo conosciamo.

Ripensando poi al fato di Tiamat ormai senza vita e a quello di Kingu, nella successiva orbita di ritorno (dopo circa 3600 anni), il Signore Marduk ritornò a lei, che prima aveva domato. Ritornò sul luogo della battaglia. Le si avvicinò e si soffermò a vedere il suo corpo senza vita e ingegnosamente concepisce un piano per smembrare il mostro. Decide allora di suddividere in due il “Campo di Battaglia“.
Ora è lo stesso Marduk ad entrare in collisione diretta con Lei, che la urta e le separa il petto aprendola in due parti, …come un pesce da seccare [v.137].MARDUK-NIBIRU SPEZZA IN DUE TIAMAT 1aCon la parte superiore dà inizio alla “Terra“, mentre con la parte inferiore, che fissa in alto (fascia di asteroidi), da origine al “Cielo“.
La sorte delle due parti è di fondamentale importanza; nel testo antico ogni singola parola è significativa, poichè è qui che assistiamo alla sofisticata comprensione dei Sumeri sull’origine della Terra, della Luna e della fascia degli asteroidi.
MARDUK-NIBIRU SPEZZA IN DUE TIAMAT 2Il Pianeta Nibiru/Marduk, tornando verso il nostro Sistema Solare, incrocia ancora una volta l’orbita di Tiamat, e quindi collide ancora una volta con ciò che resta del vecchio Pianeta abbattuto; “calpestando“, ossia urtando la parte posteriore di Tiamat, il pianeta Nibiru ne trancia di netto la parte superiore.

138. e ne dispose una metà che incurvò come il Cielo.

In seguito all’impatto, un vento (satellite) di Marduk aggancia gravitazionalmente il “Cranio” (la metà superiore) di Tiamat e lo spinge nel vuoto, in un punto lontano del sistema solare e gli assegna una nuova traiettoria orbitale.
L’inanimato Quingu , che era stato incatenato alla sua “Padrona” e condannato a girargli in torno per sempre, viene con lei esiliato, e sarà, quindi, compagno eterno della parte staccata, diventando così la sua e nostra Luna.NUOVA ORBITA TERRA 1aMarduk, , aveva quindi generato, seguendo le indicazioni contenute in questo poema, il nostro pianeta Terra, la quale, ora, contiene il seme del suo DNA, ottenuto con la collisione con la ormai sconquassata Tiamat.

139. Ne tese la pelle, su cui insediò i guardiani…

Marduk riflettè poi sul fato della parte posteriore: che fosse un eterno trofeo di battaglia, questo era il suo volere. Che fosse per sempre ricordato nei cieli, per custodire il Luogo della Battaglia.

Con la sua mazza, quindi, schiacciò (distrusse) in mille pezzi la parte posteriore del pianeta, riducendola in frantumi, ossia in un gruppo di asteroidi, i cui detriti vengono sparsi nelle zone circostanti.

Poi lega insieme questi detriti per formare un “Bracciale Martellato“, e li posiziona come “Guardiani“, un “Firmamento” per “dividere le acque dalle acque“, dopodichè, allontanandosi li trascina con sé e li porta tra Marte e Giove. Tutto questo Marduk creò con molto ingegno.BRACCIALE MARTELLATO SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 135/146

Astronomicamente, quindi, viene descritta la formazione di una sezione del sistema solare. Questa sezione é identificata come la Fascia degli Asteroidi (il “bracciale martellato), tra Marte e Giove, nata dai frantumi della parte strappata dalla “Testa” di Tiamat.
Secondo i Sumeri, questa “Fascia degli Asteroidi” avrebbe diviso i “Mari Superiori“, sopra il Firmamento, dai “Mari Inferiori” sotto quindi separa le diverse zone spaziali del Sistema Solare. ( …ai quali affidò la missione di impedire alle sue “acque” di erompere [v.140])
I “Mari Inferiori” corrispondono, grosso modo, ai nostri Pianeti Terrestri (Mercurio, Venere, Terra e Marte), mentre i “Mari Superiori” avranno riscontro con i Pianeti Gioviani (Giove, Saturno, Urano e Nettuno).

141. Traversando allora il Cielo…

A questo punto, il Signore Marduk attraversa ancora una volta i cieli per scandagliare le regioni. Misura le dimensioni dal regno di Apsu alla dimora di Gaga, ne esamina il limite e si dirige poi verso “il profondo” (l’Apsu).
Scruta la struttura degli abissi, (si potrebbe trattare della zona periferica del sistema solare in cui orbitano i pianeti più esterni), quindi stabilisce e fonda una dimora, l’E-Sara, dove farà abitare, in questi distretti, Anu, Ea e Bel (Bel sostituisce Gaga, che sarebbe Enlil e, in chiave astronomica, Plutone).MARI SUPERIORI E INFERIORI-ESARRA

Il termine E-Sara é alquanto ostico perché di non univoca traduzione.
Il riferimento potrebbe riferirsi a Tiglatpileser III, in accadico Tukultī-Apil-Ešarra, il “Tempio Esarra“, che era probabilmente l’Esagila, il tempio di Marduk di Babilonia.
Ma potrebbe anche significare “casa o zona che delimita il tempo o lo spazio” (ricordiamo che il “sar” in sumero e in accadico era una “unità di misura” molteplice applicata con diversi valori sia alle misure del tempo che a quelle di spazio) ma anche “casa da cui si inizia” o “casa da cui si esce“.
E’ importante notare questi ultimi due significati perchè, per chi arriva dall’ esterno del sistema solare, la zona E-Sara sarebbe proprio il “punto iniziale” del sistema, e parimenti per chi viaggia verso l’esterno partendo, ad esempio, dalla Terra, l’E-Sara rappresenta la zona da cui “si esce” dal sistema solare.
Il significato di “entrare” del termine SHAR é anche attestato nei lexicon sumeri.


==>> CONTINUA SINOSSI QUINTA TAVOLETTA 1/44

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 65/134

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 65/134

ENUMA ELISH

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA  65/134

Lo scontro tra Marduk e Tiamat e l’uccisione della Divina Progenitrice: versi 65-134

65. Avvicinatosi dunque il Signore…

L’incontro dei due super titani viene descritto nell’Enuma Elish in maniera molto dettagliata.
Man mano che l’Epica ne descrive l’avanzata, diventa chiaro che Marduk/Nibiru, viene proiettato all’interno del sistema solare, da un evento cosmico eclatante. Il pianeta invasore, si sta muovendo in senso orario, cioè in direzione opposta rispetto all’orbita antioraria degli altri pianeti, e venendo così attratto dalla forza gravitazionale del Sole, muta la propria traiettoria e nella sua corsa viene calamitato nell’orbita di Ea/Nettuno, dirigendosi poi verso Anu/Urano, verso Anshar/Saturno e quindi verso Kishar/Giove, entrando così in Rotta di Colisione con il pianete Tiamat, e la “Battaglia Celeste” che ne derivò in seguito fu un dogma basilare dell’antica conoscenza.MARDUK-NIBIRU ENTRA NEL SISTEMA SOLARE 1

Lo scontro fra i due pianeti avvenne in due fasi ben distinte:

Prima fase:
Marduk attacca Tiamat con i suoi venti (satelliti), “spezzandole il cuore” e “spegnendo il suo soffio vitale“.

65. Avvicinatosi dunque il Signore, studiava le intenzioni di Tiamat e di Quingu, suo sposo…

Man mano che Marduk/Nibiru si avvicina e scorge Kingu ed a Tiamat, la sua vista si offusca (il suo percoso viene disturbato e deviato dalla loro attrazione gravitazionale). Mentre guarda i mostri, il suo corso si sconvolge, e non riesce più a mantenere la direzione, compiendo gesti confusi.
Il Signore Marduk/Nibiru segue comunque la sua strada decisa dal Fato, mandando avanti, come una tempesta, i sette venti (satelliti), la sua schiera di aiutanti, per scrutare il piano di Kingu, comandante della schiera di Tiamat.
Mentre gli aiutanti (satelliti) di Tiamat vennero spinti (dalla forza gravitazionale di Nibiru) ad avvicinarsi al loro pianeta di riferimento, le si strinsero attorno tremanti di terrore.MARDUK-NIBIRU INCONTRA TIAMAT
Marduk allora si rivolge verso la rabbiosa Tiamat e con le sue stesse labbra pronuncia un’incantesimo e solleva il Ciclone che lo scaglia contro di lei, accusandola di essere senza pietà per i propri figli, anche se questi erano molesti e di aver privato Anu della sua dignità e di essere stata malvagia nei confronti del re degli dèi, Anshar.

88. Tiamat divenne folle di rabbia e perse la testa.

Udito le accuse che Marduk/Nibiru le infligge, le radici di Tiamat si scuotono emettendo un terribile ruggito.
Sul pianeta Tiamat, ora, i continenti vengono così scossi da numerosi terremoti, ed i vulcani eruttando con grande fragore.
Tiamat agitata, opera un incantesimo su Marduk, che lo avviluppa con il suo fascino.
Il campo gravitazionale di Tiamat adesso aumenta e a questo punto Nibiru cade prigioniero della sua gravità che sembra farlo vacillare.
Tiamat e Marduk si trovano quindi faccia a faccia; avanzano l’uno contro l’altro. Si avvicinano alla battaglia, si preparano al duello.

94. …si avvinghiarono nella lotta e si unirono nel corpo a corpo!

Il Signore allora si riprende e distende la sua rete (potenzia la sua gravità), gettandola addosso a Tiamat per avvilupparla arrivando così allo scontro vero e proprio dei due pianeti.

Il Vento del male, che lo seguiva, Marduk le scatenò contro; il Vento del Male le scagliò in faccia.
Il primo ad impattare su Tiamat fu il Vento del male, un satellite di Marduk, che si conficcò nel corpo roccioso di Tiamat, facendole perdere i seni quasi come fosse posseduta.VENTO DEL MALE IMPATTA TIAMAT SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 65/134

Tiamat allora scatena la sua ira e urlando cerca di inghiottire Marduk spalancando le sue labbra.

Costretta ad aprire la bocca per divorare il Vento del Male, altri venti le penetrano nelle viscere dilaniandone così il “ventre“. I venti cattivi la ingorgano, gonfiano il suo corpo e infine la paralizzano.
Attraverso l’apertura ancora spalancata, Marduk le scaglia una freccia lucente, un lampo divino, che le lacera il torace e gli spezza il cuore ed infine la distrugge.DISTRUZIONE DI TIAMAT

103. Così trionfò su di lei, ponendo termine alla sua vita.
107-108. mentre gli dèi suoi alleati, …. spaventati e tremanti, indietreggiarono…

Dopo che venne colpita e così così domata da Marduk, Tiamat (o quello che ne rimaneva) interruppe la sua attività vulcanica spegnendo così il suo soffio vitale.
Il Dio vincitore quindi esaminò il corpo senza vita; Tiamat era ora come una carcassa macellata privata anche dei suoi undici guerrieri e montando sul suo cadavere, Marduk ne fece scempio segnando così la vittoria dei nuovi Dei.

Vicino alla padrona senza vita, gli undici aiutanti sono tremanti di paura. Vengono quindi circondati, privati delle loro armi, e quindi attirati e catturati permanentemente nella “rete” (campo gravitazionale) di Marduk, così che da non potere scappare. Anche Kingu (la Luna) era fra di loro.I SATELLITI DI TIAMAT VENGONO ATTRATTI DA MARDUK-NIBIRU 1aIn senso astronomico possiamo dedurre che dopo l’impatto dei due pianeti, i satelliti di Tiamat iniziano a muoversi in modo erratico, perchè non più tenuti assieme dalla sua forza gravitazionale.
E qui entra in gioco la forza gravitazionale di Marduk che intercetta il loro movimento e attraendoli li fà orbitare indietro impedendogli così di disperdersi nello spazio. Ma con l’ennesimo impatto i piccoli satelliti vengono distrutti (…li calpestò. [v.118]) ed insieme ai frammenti della loro padrona verrà poi così creata la Fascia di Asteroidi.

119.120 Quanto a Quingu, infine, …lo abbattè e ne fece un “dio morto”

Infine volge lo sguardo verso il preferito di Tiamat, Kingu, il capo della schiera, lo cattura e strappa via dal suo petto la “Tavola dei destini“, ingiustamente a lui data. Vi impresse il suo sigillo e fissò definitivamente il Destino al suo petto, dopodichè annovera Kingu tra gli “Dèi morti[v.120].
A questo punto lo incatena alla padrona senza vita condannandolo a girare per sempre intorno a Tiamat; .
Oramai privo di atmosfera, Kingu viene relegato al ruolo di Dug.Ga.E., termine sumero che può essere tradotto con “circolatore senza vita“.
Esso diventerà quello che noi oggi conosciamo come la nostra Luna.RIMASUGLI DEI SATELLITI-KINGU CONDANNATO 1

131. …poi tagliò i condotti del suo sangue
133. Ciò vedendo, i suoi padri furono in gioia ed allegria

Infine Marduk rompe il cranio e recide i le “vene” (canali d’oro) di Tiamat, affinché il sangue scorra verso l’alto per comunicare al Cosmo la sua vittoria (qui si riferisce, probabilmente ai filoni d’oro che sono presenti sul nostro pianeta).MARDUK-NIBIRU TOCCA LA TESTA A TIAMAT 1a

Nibiru si allontana così dal Luogo della Battaglia, e si reca ad annunciare la vittoria agli dèi che lo avevano prescelto.
Compie un’orbita attorno ad Apsu/Sole (cioè passa il perielio della sua nuova orbita) , quindi si dirigge verso Kishar/Giove e Anshar/Saturno. Incontrò Gaga/Plutone che gli venne incontro per salutarlo, poi fa rotta come messaggero verso gli altri pianeti, oltrepassa An/Urano ed Antu/Nettuno
e si dirige verso la Dimora del Profondo (il resto della sua orbita al di là del Sistema Solare, verso Nemesis).MARDUK-NIBIRU SI ALLONTANA 1a


==>> CONTINUA SINOSSI QUARTA TAVOLETTA V. 135/146

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 1/64

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 1/64

ENUMA ELISH

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA  1/64

L’assemblea degli Dèi e Marduk si prepara alla Battaglia: versi 1-34

La quarta Tavoletta inizia con un gran banchetto, dove gli Dèi riuniti in assemblea decidono il Destino del Dio Marduk, un destino che lo pone alla loro guida consegnandogli la supremazia sul Cosmo, quindi esigono una verifica delle sue capacità.
Gli chiedono di far scomparire e poi riapparire una costellazione, ed egli, senza alcun problema, supera questa prova. Anche qui si compie una magia? O semplicemente possiamo dedurre che, col suo avvicinamento al nostro Sistema Solare, sia entrato in contatto con una costellazione e che, a causa della sua potente forza gravitazionale, abbia dapprima spostato le stelle dalle loro posizioni e che poi esse stesse siano tornate alla loro posizione iniziale? (ma questa è solo una nostra idea personale!)
Sta di fatto che questo gesto risultò la manifestazione della potenza straordinaria di Marduk, così gli Dei, sazi e ubriachi di vino e di birra, lo proclamano Re, e affidano dunque il loro destino a Marduk, invitandolo a staccare la testa alla progenitrice divina Tiāmat.

29. E gli diedero, di seguito, scettro, trono e bastone reale.
30. Poi gli conferirono l’Arma senza pari che getta a terra i nemici:…

Proclamato “Re“, Marduk diviene a tutti gli effetti il decimo pianeta del nostro sistema solare; e fu proprio l’orbita assegnatagli a dare al nuovo membro il nome “Nibiru” ossia “Pianeta dell’Attraversamento“, in quanto la sua orbita ha il suo perigeo vicino al Sole e il suo apogeo ben oltre Nettuno. Quest’orbita è matematicamente pari a 3600 anni terrestri, e ad ogni suo anno ritorna al suo perigeo, intersecando l’eclittica dell’antica Terra “Tiamat” (Il genere umano che ha assistito a quest’evento eccezionale lo ha rappresentato come un pianeta radiante, simboleggiato dal segno della croce).

Marduk si arma: versi 35-64

Questo è, forse, il passo più emblematico e particolare di tutto il Poema Enuma Elish, che ancora oggi gli scienziati di tutto il mondo ne discutono.

Sappiamo che i fronti opposti coinvolti erano due:
Sul primo c’è Tiamat, con sua forte schiera di ruggenti satelliti, tra cui il preferito Kingu che era il più grande di tutti e che venne appunto nominato comandante della schiera.
Dall’altra parte troviamo Marduk/Nibiru che godeva di un arsenale basato sull’appoggio degli alleati e pianeti più esterni, quali Ea, Anshar, Lahmu, Lahamu e Kishar.

Marduk si prepara così allo scontro con Tiāmat e si arma di arco, frecce e mazza , e dispone dei fulmini sul suo viso [35/40].
Poi Kishar (Giove) riempe il suo corpo di una fiamma ardente, così da formare una rete per imbrigliare Tiamat, e la usa per radunare i quattro venti, che gli donò suo nonno Anu/Urano: chiamati rispettivamente “Vento del Sud, Vento del Nord, Vento dell’Est, Vento dell’Ovest“.
Quindi, sempre da Kishar, ricevette di altre sette spaventose armi per affrontare la battaglia: sette “venti” (satelliti) chiamati “Vento del Male“, “Vento di Tempesta“, “Turbine del Vento“, “Vento quadruplo“, “Vento settuplo“, “Vento devastatore“, “Vento irresistibile“; formando così una schiera terribile di Sette Satelliti.
NIBIRU E PIANETI CONTRO TIAMAT SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 1/64A questo punto sale sul suo “terribile Carro” di nome “Tempesta Incontenibile“, su cui dispone i sui quattro “Destrieri“: l’Uccisore, lo Spietato, il Corto-Veloce e il Volante
Si copre con un mantello (corazza), e sul suo capo pone lo splendore terrificante. Nella bocca serra un incantesimo e nella mano stringe una pianta contro il veleno di Tiāmat.

Dal punto di vista Astrologico l’avvicinamento di Nibiru al Sole provoca uno stravolgimento planetario, così da causare, con la sua potente forza (rete) gravitazionale, i vari spostamenti del Satelliti (venti), e probabilmente attira a se (nella sua “rete) i vari frammenti, o ammassi asteroidali (armi) che in quel momento vagano per lo spazio, e che saranno causa della rovina di Tiamat.

Ma a questo proposito Zecharia Sitchin ha una suo teoria, nella quale spiega che su Nibiru vi erano degli abitanti, e con l’avvicinamento del proprio pianeta a quello di Tiamat si adoperarono con vari sistemi tecnologici di sicurezza planetaria, tra cui Laser, Bombe e satelliti, così da poter proteggere Nibiru. (Vedi “Teoria dell’Impatto Gigante)

Tutto era pronto, la battaglia celeste tra Tiamat e Marduk stava per avere inizio.
Tutti gli dèi si pongono al suo fianco, e con questa schiera di satelliti Marduk/Nibiru, dotato di un forte campo magnetico, si appresta ad avvicinarsi a Tiamat e alla sua schiera: la collisione è imminente.
Marduk si appresta quindi ad avvicinarsi a Tiamat.


==>> CONTINUA SINOSSI QUARTA TAVOLETTA V. 65/134

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”


SINOSSI TERZA TAVOLETTA ENUMA ELISH

SINOSSI TERZA TAVOLETTA ENUMA ELISH

ENUMA ELISH

SINOSSI TERZA TAVOLETTA 

Gli Dèi decidono di affidare il destino di gloria a Marduk: versi 1-138

3. “Kaka, paggio mio, ….

Anshar invia il suo paggio Kaka (Gaga/Plutone “messaggero di Anshar”); al cospetto degli antichi Dèi Laḫmu e Laḫamu per metterli al corrente delle gravi vicende che si stavano susseguendo, dell’odio di Tiāmat (odio che era giunto in seguito alla morte di Apsu e che terminò con la privazione della dignità regale del padre Anu che conferì a Kingu, il generale delle schiere di Tiāmat) e di alcuni Dèi (fascia asteroidale che gli gravita attorno) con lei schierati contro il restante Mondo Divino e sopratutto per appoggiare l’impresa di Marduk.

67. Kaka partì e diresse i suoi passi…

Nel terzo versetto Gaga/Plutone viene descritto come un “Araldo” di Saturno (Anshar), ossia un Satellite/Luna, che viene mandato in missione per appoggiare l’impresa di Marduk.
Astronomicamente parlando, in quel momento, Gaga sfugge all’attrazione di Anshar/Saturno e viene staccato a causa di una collisione (forse con Lahmu/Marte e Lahamu/Venere?? [V. 68-69]) dovuta all’arrivo della forza gravitazionale di Marduk/Nibiru. Collisione che, ipotizzato dagli astronomi, grazie ai detriti formatisi e amalgamatisi, crearono il proprio satellite Caronte.GAGA-PLUTONE TRASPORTATO DA MARDUK-NIBIRU SINOSSI TERZA TAVOLETTA ENUMA ELISH

In cambio di questo servigio, secondo la cosmogonia sumera, Gaga (Plutone) ottiene una “Tavoletta dei Destini”, ossia il proprio Status di Pianeta e una propria Orbita particolare, in quanto fino a quel momento non era altro che il “Messaggero di Anshar“, una sua luna.

129. E corsero (Lahmu, Lahamu e gli Igigi) a frotte per andar vicino ad Anshar.

In questa parte finale dell Terza Tavoletta, si racconta di come gli Dei reagirono terrorizzati alle parole del messaggero Gaga, e che subito dopo si riunirono al cospetto di Anshar/Saturno e banchettarono; questo probabilmente sta ad indicare ancora una volta di come la forza gravitazionale di Marduk/Nibiru abbia modificato e scombussolato notevolmente le traiettorie/orbite dei pianeti del nostro Sistema Solare.

Gli Dèi riuniti nell’Ubšukkinakku decidono quindi il destino di gloria per Marduk, affinché egli sconfigga la Progenitrice Divina.


==>> CONTINUA SINOSSI QUARTA TAVOLETTA 1/64

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

SINOSSI SECONDA TAVOLETTA ENUMA ELISH

SINOSSI SECONDA TAVOLETTA ENUMA ELISH

ENUMA ELISH

SINOSSI SECONDA TAVOLETTA 

Ea conferisce con il padre Anshar che lo invita a incontrare Tiamat, ma Ea si ritira: versi 1-90

La seconda Tavoletta descrive il terrore, lo sdegno e la costernazione che gli altri Dei/Pianeti provano di fronte ai propositi di Tiamat nei riguardi sulle esaltazione di Kingu, e ci viene raccontato di come si arriva alla formazione di due schiere planetarie avversarie in vista della guerra finale.

Mentre Tiamat è impegnata a formare la sua schiera di 11 satelliti, Nudimmud/Ea infuriato si rivolge a suo nonno Anshar (Saturno) per organizzare i vari pianeti.
Anshar gli risponde che l’unico responsabile della furia di Tiamat è lui, Ea , che ha ucciso Apsu.
Ea replica che non era a conoscenza di ciò che avrebbe causato, ma la morte di Apsu era stata determinata da precise circostanze.
Anshar viene convinto dalle risposte di suo nipote e lo invita a recarsi dalla progenitrice Tiamat per calmarla con i suoi incantesimi.
Ea si reca verso Tiamat ma si rende subito conto che non è in grado di sconfiggerla con i suoi scongiuri, quindi torna da Anshar.

Dopo Ea, Anu tenta di sconfiggere Tiamat: versi 91-115

Anshar convoca il proprio figlio, dio Cielo Anu, e lo invita a recarsi al cospetto di Tiamat, ma anche Anu si rende conto che la potenza della dea madre del Cosmo è troppo grande per lui e si ritira.
Tutti gli Dèi si ammutoliscono e nessuno vuole muovere contro Tiamat.

l figlio di Ea, il dio Marduk, su consiglio del padre si reca al cospetto di Anshar: versi 115-151

Ea a questo punto convoca il figlio Marduk , sperando che gli Dei lo accetteranno come loro comandante nella battaglie contro Tiamat e la sua terribile schiera, e lo invita a recarsi da Anshar, offrendosi contro Tiamat.
Anshar accetta entusiasta l’offerta di Marduk rallegrandosi, e lo sprona a sconfiggere la dea madre.
NIBIRU SCONTRA SATURNO SINOSSI SECONDA TAVOLETTA ENUMA ELISHUna fase cruciale del poema subentra quando Marduk/Nibiru si avvicina al colossale Anshar (Saturno) e alle sue “Labbra Maestose” (probabilmente una collisione tra gli anelli di Saturno e Nibiru) e lo bacia [v.127]  in segno di rispetto e quest’ultimo Anshar da la sua accettazione e approvazione.

Marduk chiede, tuttavia, la convocazione dell’assemblea degli dèi nell’Ubšukkinakku (è quella parte dell’area templare di Nippur riservata alle assemblee divine degli Anunnaki) di modo che, in quella sede, gli sia concessa la regalità su tutti gli dèi, e di avere la facoltà di “stabilire e controllare i destini celesti”, ossia la ricompensa di un’orbita più grande di quella degli altri pianeti. Astronomicamente ciò si traduce nell’avere una forza di attrazione e un’orbita tali da “controllare” la struttura del sistema solare.


==>> CONTINUA SINOSSI TERZA TAVOLETTA

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

SINOSSI PRIMA TAVOLETTA ENUMA ELISH 105/162

SINOSSI PRIMA TAVOLETTA ENUMA ELISH 105/162

ENUMA ELISH

SINOSSI PRIMA TAVOLETTA 105/162

Marduk provoca con i quattro venti Tiāmat, la madre del Cosmo si prepara allo scontro: versi 105-162

105/108. Anu allora creò i quattro venti e …. li mise nella mano di Marduk … e avendo provocato l’onda disturbò Tiamat.

Anu, rimane estasiato nel vedere il divino Marduk e decide di generare e regalargli i Quattro Venti, chiamati rispettivamente “Vento del Sud, Vento del Nord, Vento dell’Est, Vento dell’Ovest” (qui probabilmente si riferisce alle 4 delle 7 lune di Marduk/Nibiru. Quando Marduk, un vero e proprio super-titano che con la sua possente forza gravitazionale crea scombussolamenti non di poco conto, passa troppo vicino ad Anu (Urano), gli strappa pezzi di materia formando così quattro satelliti che cominciarono a ruotargli intorno e che il racconto chiama “venti).
NIBIRU e TIAMAT SINOSSI PRIMA TAVOLETTA ENUMA ELISH 105/162 LaVeritàconunClikIl giovane Dio li fa turbinare creando scompiglio e disturbando nuovamente Tiamat, riconfigurando così la medesima situazione che precedentemente aveva portato all’uccisione di Apsu da parte di Nudimmud/Enki.
Ancora una volta l’irrequietezza dei nuovi dèi, nello specifico Marduk, disturbano la tranquillità dell’entità primordiale, Tiamat, che ne rimane sconvolta.
Alcuni dèi, non meglio specificati, le ricordarono come non sia intervenuta
per difendere il suo sposo Apsu quando Nudimmud/Enki lo uccideva e imprigionava Mummu, il suo paggio, e che questo ha permesso la genesi dei venti e la sua solitudine.
Qui si tratta evidentemente delle influenze gravitazionali e del rischio collisione tra il pianeta Tiamat e 4 lune di Marduk-Nibiru [v. 123]
E così facendo attizzarono Tiamat alla guerra contro Marduk e la invitano a liberarli da questo fardello.

TIAMAT CON SATELLITI laveritàcounclickI pianeti del Sistema Solare primigenio con i loro comportamenti stravaganti in cielo e resi instabili da Marduk/Nibiru, iniziano e muoversi caoticamente attorno al Sole (Apsu), senza seguire più le usuali orbite ellittiche (il movimento caotico è assolutamente possibile nel campo gravitazionale di un sistema stellare, soprattutto quando è sconvolto dall’entrata di un corpo estraneo), turbando così il “Ventre” di Tiamat (E’ risaputo che in presenza di forza gravitazionale la parte del pianeta che prima si deforma è quella centrale l’Equatore (ventre) e il Nucleo interno è il primo punto della crosta terrestre che risente di un campo di attrazione allungandosi ovalmente.che la spinsero a formare una terribile “schiera” di lune e satelliti intorno ad essa.
La prima volta fu compassionevole nei confronti della progenie ma questa volta il suo impeto fu furioso.

133. La Madre-Abisso, …., creò un’arma irresistibile:
159. Quando Qingu è stato promosso e ricevette il potere di Anu.

Quindi Ḫubur (Nome di un fiume dell’Oltretomba, qui epiteto di Tiāmat.) la progenitrice Tiamat si decide per la guerra con gli dèi che la sostengono, disturbata dalle nuove forze gravitazionali, come già accennato sopra, crea la sua “schiera” difensiva di undici Lune/Satelliti, descritti dal testo babilonese come “draghi ruggenti, ammantati di terrore“.
I mostri intorno a Tiamat indicano, infatti, una fascia asteroidale che gli gravita attorno e che risultava pericolosa per tutti i pianeti vicini. [20]
Mostri di ogni genere ai quali conferisce forza pari agli dèi e Consegna loro armi terribili.
Ne genera undici in totale, differenti specie di creature mostruose: Girtablullû (gli “uomini scorpione”), Uridimmu (gli “uomini leone” o meglio “uomini cane feroce”), Kulullû (gli “uomini pesce”), Kusarikku (gli “uomini toro”), Lahamu (gli “eroi pelosi”), U’mu dabrutū (le “tempeste terribili”), Mušmahhu, Ušumgallu e Bašmu (tre differenti tipi di “serpente con corna”), Mušhuššu (il “serpente-drago”), Ugallu (i “demoni leone”).

TIAMAT CON SATELLITI LaVeritàconunClickTra i suoi figli divini, Tiamat sceglie Kingu, il più grande degli undici, (Qingu, un’altra divinità dall’origine non specifica e viene associato alla Luna), che pone a capo dell’armata e di tutti gli dèi, facendolo inoltre suo sposo [v. 155] e ponendo sul suo petto la “Tavola dei Destini” (accadico: ṭup šīmātu; sumerico: Dub.nam.(tar).Mesh.), che gli permette di “dominare il Vuoto, il Caos primordiale”, consegnandogli in questo modo la dignità che era e apparteneva ad Anu, e diventare così un pianeta a tutti gli effetti assegnandogli un “Destino Celeste”, ossia una traiettoria orbitale.
Sitchin interpreta questo passaggio come l’ intervento di 11 satelliti, e tra questi la crescita in dimensioni e influenza elettromagnetica e gravitazionale di uno in particolare, Kingu, il quale si sarebbe elevato alle proporzioni di un vero e proprio pianeta, acquisendo una sua proto-orbita indipendente non più necessariamente legata a Tiamat.
Tiamat, con gli dèi che la sostenevano, dichiarò guerra a Marduk.


==>> CONTINUA SINOSSI SECONDA TAVOLETTA

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

SINOSSI PRIMA TAVOLETTA ENUMA ELISH 55/104

SINOSSI PRIMA TAVOLETTA ENUMA ELISH 55/104

ENUMA ELISH

SINOSSI PRIMA TAVOLETTA  55/104

Ea uccide Apsû e si stabilisce nelle Acque abissali con Damkina, generando il dio Marduk: versi 55-104

59. Superiore in comprensione, saggio e capace,
60. Ea che tutto comprende intuì il loro piano.
61. …. e dispose un piano d’insieme: …

I giovani dèi vengono a conoscenza delle intenzioni di Apsu e si ammutoliscono dalla paura; ma uno di loro, Nudimmud/Enki/Ea, che era il più intelligente e forte dei rampolli, precedette Apsu nel suo intento di uccidere le giovani divinità e predisponendo un sortilegio che recitò e diffuse sulle acque facendo così addormentare Apsû.
Quindi priva della corona e dello “splendore divino” (accadico: melammû; la radiosità terrificante che promana dalla figura divina mesopotamica) il dio primordiale rivestendone se stesso, e dopo averlo costretto in catene, lo uccide.
Dopodichè lega e imprigiona Mummu, il paggio di Apsu.
Continuando con la linea dell’interpretazione astronomica, il rapporto Apsu-Mummu sembra la descrizione metaforica di un Sistema binario quale evidentemente era una volta il Sole, degenerato poi in un sistema ad una sola stella (per fusione delle due).

71. Installò la sua abitazione sulla cima di Apsu
78. ed Ea e la sua sposa Damkina abitarono nello splendore.

Compiute le gesta, Nudimmud/Enki si pose al di sopra degli altri giovani dèi, e stabilisce nelle Acque dolci dell’Abisso la propria residenza, indicandole con lo stesso nome del dio primordiale che aveva appena ucciso: Apsu.

Qui, nell’abisso dove erano gelosamente conservate le acque dolci necessarie alla vita, si trasferì con la sua compagna Damkina (la cui origine non viene specificata. Astronomicamente Damkina in effetti può essere un “punto oscuro” oppure si può identificare come un oggetto trans-nettuniano simile ai vari Eris, Quoar o Sedna scoperti recentemente, ma ciò rimane comunque e solo un’ipotesi e come tale va presa.), diventando così il dio della saggezza e del sottosuolo.

Enki e Damkina
ENKI E DAMKINA

82. …dentro il puro Apsu, Marduk è nato.

MARDUK
MARDUK

Nel luogo dei Destini, nel cuore del Profondo dell’Apsu (lo spazio cosmico. In versione astronomica implicherebbe che il “profondo” sia una zona del sistema solare oltre Nettuno), un nuovo Dio fu generato, Marduk, più capace e saggio di tutti gli Dei.
 Qui il riferimento è doppio: sia per la figura storica di Marduk figlio di Enki, sia al pianeta Marduk o Nibiru o Pianeta X, patria degli Anunnaki.
Infatti secondo l’interpretazione planetaria, a questo punto e in questa fase rischiosa, il dio celeste più esterno, Nudimmud (Nettuno), superiore in grandezza, abilità e intraprendenza, riequilibrò l’instabile sistema solare invitando un “dio celeste più grande”, il quale non era come gli altri dei, era uno straniero venuto da lontano.
Questi, soggetto alla trazione gravitazionale di Nudimmud/Ea ed entrando sotto l’influenza degli altri pianeti, curvò il proprio corso verso il centro del sistema solare.

Nacque quindi dall’unione di Nudimmud/Enki con Damkina, il possente Marduk .
Per la seconda volta assistiamo alla nascita di un nuovo dio che supera in forza, bellezza ed intelligenza i suoi predecessori. Nonostante lo stile narrativo dell’opera sia estremamente conciso, viene dedicato un’ampio spazio all’esaltazione di Marduk trasmettendo riverenza nei confronti del nuovo nascituro.

MARDUK NIBIRU SINOSSI PRIMA TAVOLETTA ENUMA ELISH 55/104In questa parte della I Tavola, dal verso 85 al verso 104, viene esaltata la figura del nuovo dio, destinato a diventare l’ordinatore del mondo e il preminente fra gli dei.
Viene descritto come un uomo fatto fin dalla nascita, pieno di forza e molto più sublime delle altre divinità.
In particolare nel versetto 93 viene indicato come “….superiore in ogni via”; ma qui probabilmente entra in gioco il senso astronomico che può alludere alla lunghissima orbita di Marduk/Nibiru rispetto a quella degli altri pianeti del Sistema Solare.
Similitudine che troviamo nel versetto 95 “Quattro sono i suoi occhi, quattro sono i suoi orecchi”, che probabilmente allude alle lune di Marduk/Nibiru (chiamate i sette Venti) ed ai suoi anelli.
Mentre nei versetti 98/99/100 viene descritto di enormi fattezze e incomparabile agli altri dei, cosa che fa pensare alla sua dimensione assai superiore a quella della terra. Questo nuovo pianeta, infatti, secondo moderni studi scientifici che lo hanno identificato con l’appellativo di Pianeta X, in quanto a noi ancora sconosciuto, dovrebbe avere addirittura una massa tre volte superiore quella di Giove.
La sua orbita, invece, potremmo percepirla nel versetto 100, “i suoi occhi …. ispezionano l’universo”, che lo porta per 3600 anni lontano dal nostro sole, e quindi immerso nello spazio.


==>> CONTINUA SINOSSI PRIMA TAVOLETTA v.105/162

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE

TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE

TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE

Attualmente la migliore teoria che spiega l’origine della Luna si chiama “Teoria dell’Impatto Gigante” o “Teoria dell’Impatto Gigantesco” e include la collisione tra due proto pianeti durante il primo periodo di accrescimento del sistema solare.
COLLISIONE TRA PIANETIQuesta Teoria dell’Impatto Gigante, che divenne popolare nel 1984 (sebbene ebbe origine nella metà degli anni settanta), soddisfa le condizioni di orbita della Terra e della Luna e tiene conto del nucleo relativamente piccolo della Luna.
Si sa che collisioni tra planetesimi abbiano prodotto la crescita di corpi planetari durante l’evoluzione del sistema solare e in questo contesto è inevitabile che grossi impatti possano capitare a volte quando i pianeti si sono appena formati.
La teoria accademica richiede la collisione tra un corpo circa del 90% dell’attuale forma della Terra, e un altro del diametro di Marte (metà del raggio terrestre e un decimo della sua massa). Il corpo di collisione è stato chiamato Theia, la madre di Selene, la dea Luna della mitologia greca. Questa stima di dimensioni è necessaria perché il sistema risultante possa avere un sufficiente momento angolare per stabilirsi nella corrente configurazione orbitale. panspermia-diagram

Un tale impatto avrebbe messo abbastanza materiale nell’orbita terrestre, che opportunamente accumulato, dava forma alla Luna.

Contemporaneamente alla formazione della Terra e della Luna (secondo Zecharia Sitchin) si sarebbe verificata unaPanspermianon diretta, detta esogenesi.
Secondo Zecharia Sitchin la Battaglia Celeste della tradizione sumera sarebbe la collisione primordiale fra Nibiru e Tiamat, dalla quale (dopo l’allontanamento di Nibiru) sarebbero stati generati la Terra, la Luna e la Cintura degli Asteroidi [1].

Dal sesto paragrafo della seconda tavoletta, libero adattamento da Pag.60 del Libro Perduto del Dio Enki di Zecharia Sitchin:

« Questo è ora il racconto di un’antico Impatto Gigantesco avvenuto del Sistema Solare eoni fa.

Allora il pianeta Terra fu creato e si modificò il percorso del pianeta Nibiru, fissandone l’orbita attorno al Sole ed a Nemesis [2].
Nibiru e TiamatAllora Nibiru stava percorrendo il suo tracciato nello spazio siderale (tracciato deciso dal Fato), quando si trovò ad essere troppo vicina al pianeta Tiamat (del Sistema solare).
Gli Anunnaki, il popolo che abitava il pianeta Nibiru, allora si mobilitò per affrontare questo pericoloso avvenimento. Vennero attivati vari sistemi tecnologici di sicurezza planetaria (Ciò Che Pulsa, Ciò che Irradia, Ciò che Respinge, Ciò che Colpisce, probabilmente sistemi simili ai nostri laser di potenza satellitari o terrestri).

I primi ad avvicinarsi a Tiamat furono i sette satelliti naturali di Nibiru (i sette Venti [3]) e gli astronauti delle stazioni permanenti su detti satelliti fecero le prime rilevazioni del caso, soprattutto relativamente al satellite maggiore di Tiamat, cioè Kingu (la Luna).
Man mano che Nibiru si avvicinava a Kingu ed a Tiamat, il suo percorso veniva disturbato e deviato dalla loro attrazione gravitazionale.

I satelliti di Tiamat vennero spinti ad avvicinarsi al loro pianeta di riferimento.

Sul pianeta Tiamat i continenti vennero scossi da numerosi terremoti ed i vulcani eruttarono con grande fragore.
A questo punto anche Nibiru era caduto nel campo gravitazionale di Tiamat e fra i due pianeti si arrivò allo scontro!

TIAMAT e satellite - TEORIA DELL'IMPATTO GIGANTE
TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE

Il primo ad impattare Tiamat fu un satellite di Nibiru (Vento del male [4]), che si conficcò nel corpo roccioso di Tiamat.
A questo punto gli Annunaki utilizzarono le loro armi tecnologiche (Vento del Male-laser?) per spezzare in due il corpo Tiamat.
Dopo che venne colpita dal raggio degli Annunaki proveniente da Nibiru, Tiamat (o quello che ne rimaneva) interruppe la sua attività vulcanica e venne privata dei suoi undici satelliti, che vennero attirati permanentemente nel campo gravitazionale di Nibiru. Anche Kingu (la Luna) era fra di loro.

Quindi gli Anunnaki di Nibiru decisero di cambiare il destino gravitazionale dei questi corpi celesti (scritto nelle Tavolette dei Destini [5], specie di tavole astronomiche) e di lasciare Kingu a Tiamat; perciò distrussero gli altri satelliti, creando laFascia degli Asteroidi“.fascia degli asteroidi

A questo punto Nibiru si allontanò trascinando gli asteroidi con sé (e portandoli tra Marte e Giove) e quindi si allontanò dal Luogo della Battaglia (celeste tra Nibiru e Tiamat). Compì un’orbita attorno ad Apsu/Sole (cioè passò il perielio della sua nuova orbita) e quindi si diresse verso Kishar/Giove e Anshar/Saturno. Incontrò Gaga/Plutone e quindi oltrepassò An/Urano ed Antu/Nettuno e si diresse verso la Dimora nel Profondo (il resto della sua orbita al di là del Sistema Solare, verso Nemesis).

Nella successiva orbita di ritorno (dopo circa 3600 anni) Nibiru si riavvicinò a Tiamat e a Kingu e gli Annunaki con telescopi e satelliti videro che Tiamat era senza vita. 

Allora gli Anunnaki decisero di dividere il pianeta in due e facendo questo videro il Magma e l’Oro del suo interno.
Un satellite di Nibiru (Vento del Nord) agganciò gravitazionalmente la parte superiore di Tiamat, staccata di netto dal resto del pianeta, e la portò nel vuoto lontano da Tiamat. Allora “Vento del Nord” riversò le sue acque su Tiamat e Kingu venne agganciata gravitazionalmente a Tiamat (staccandola da Nibiru).
Gli Anunnaki decisero che Tiamat sarebbe stata ricordata nella loro storia come il “Luogo della Battaglia” (che i Nibiruani vinsero, nel senso che lo scontro cosmico non causò la loro estinzione).

Con un’altra azione Nibiru distrusse la parte posteriore del pianeta riducendola ad un gruppo di asteroidi, che si unirono al resto della Fascia degli Asteroidi. sistema solare - fascia di asteroidi e fascia di kuiperGli Anunnaki allora decisero che nelle loro carte spaziali la Fascia degli Asteroidi avrebbe diviso le “Acque dalle Acque” (cioè diverse zone spaziali del Sistema Solare).
La Fascia degli Asteroidi avrebbe diviso i “mari inferiori” (corrispondente grosso modo ai nostri pianeti terrestri – Mercurio, Venere, Terra e Marte) dai “mari superiori” (corrispondenti ai nostri pianeti gioviani – Giove, Saturno, Urano e Nettuno).

Di nuovo Nibiru percorse la sua orbita fino al Sole/Apsu e dal Sole fino a Plutone/Gaga, poi verso Nemesis.
Nel successivo ciclo di Nibiru (dopo i soliti 3600 anni) tornò nel Sistema Solare, dalle parti della Cintura degli Asteroidi.
Gli astronomi degli Anunnaki osservarono di nuovo Tiamat. Nell’area del polo nord ancora vi erano i segni dell’impatto (vulcani attivi e faglie aperte): si vedevano le sue acque e le sue vene d’oro a cielo aperto.
Allora gli Anunnaki si resero conto che nell’impatto i semi della vita (spore, batteri di Nibiru) erano passati su Tiamat ed avevano attecchito. Tiamat si stava trasformando in un pianeta vivente e gli Anunnaki lo chiamarono Ki (la nostra Terra).
Notarono l’alternarsi del giorno e della notte, nella rotazione di Ki/Terra. Kingu (la luna) divenne il satellite naturale di Ki/Terra.

Nibiru compì ancora il suo passaggio al perigeo. Quindi gli Annunaki misero delle stazioni di controllo e collegamento (Marte e Luna) in tutti i pianeti di questo Sistema Solare, a cui si erano ormai legati, e dei radiofari (Monolito Spaziale e Monolito su Phobos) ai suoi limiti.

Decisero che il loro pianeta Nibiru si sarebbe chiamato Luogo dell’Attraversamento, il Pastore dei pianeti del Sistema Solare.
Calcolarono che un’intera orbita (anno nibiruriano) sarebbe durato uno Shar [6] (3600 anni terrestri) e che questa orbita era il loro destino. »

Il testo originale di Zecharia Sitchin è nella voce Battaglia Celeste. Più precisamente il nome Theia, quindi, dovrebbe essere dato non a Nibiru, ma a due sue lune (Vento del male e Vento del Nord) che furono gli oggetti che effettivamente fecero la collisione con la Terra.


[1] La Fascia principale degli Asteroidi è una regione del sistema Solare compresa fra le orbite di Marte e Giove, che contiene la maggiore concentrazione di asteroidi del sistema.
[2] Nemesis o Dark Star è il nome attribuito ad un’ipotetica stella, una nana bruna o nana rossa orbitante attorno al Sole in un possibile sistema binario, alla distanza variabile da 50.000 a 100.000 UA, molto al di là della Nube di Oort. Le teorie riguardo a Nibiru comprenderebbero Nemesis, in quanto questa nana bruna (stella scura) sarebbe all’afelio dell’orbita di Nibiru, ai confini del sistema solare. In questo caso Nemesis si collocherebbe nella regione tra la fascia di Kuiper e la nube di Oort, a 448 UA dal Sole.
[3] Le Lune o Satelliti naturali di Nibiru, tra le quali Vento dell’Est, Vento del Nord, Vento del Sud, Vento del male e Vento Occidentale.
[4] Il Vento del Male è un concetto della mitologia sumera. Si riferisce secondo Zecharia Sitchin alla nube nucleare portatrice di morte (della Grande Calamità), che si era spinta da Canaan verso oriente, in direzione di Sumer.
[5] Le Tavolette dei Destini o Tavole dei Destini erano dei testi contenenti il destino degli dèi e dell’umanità, secondo la mitologia mesopotamica, che il possessore era in grado di modificare a proprio piacimento. Secondo Zecharia Sitchin le Tavole dei Destini erano strumenti utilizzati nel Centro di Controllo Missione per seguire e controllare orbite e traiettorie dei pianeti (soprattutto Marte e Nibiru); in seguito designarono la registrazione di decisioni inalterabili.
[6] Lo Shar è un’unità di misura del tempo dei Sumeri, che equivale a 3.600 anni. Secondo Zecharia Sitchin è il periodo orbitale di Nibiru attorno al Sole.


==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

==>> VEDI ANCHE ENUMA ELISH


FONTE ==>> http://www.ufopedia.it/Teoria_dell’impatto_gigante.html

LA BATTAGLIA CELESTE

LA BATTAGLIA CELESTE

LA BATTAGLIA CELESTE

La Battaglia Celeste è un’evento ricordato nella mitologia sumera. Secondo Zecharia Sitchin è la descrizione della collisione primordiale fra Nibiru e Tiamat, che generò la Terra, la Luna e la Cintura degli Asteroidi [1] (il Bracciale Martellato della tradizione sumera). Equivale alla moderna “Teoria dell’Impatto Gigante“.
Secondo la letteratura sumera un passaggio di Nibiru avrebbe anche strappato un satellite a Saturno facendolo diventare un pianeta fuori dall’attrazione gravitazionale di Saturno: sarebbe Plutone (Gaga in sumero).

Dal sesto paragrafo della seconda tavoletta del “Libro Perduto del Dio Enki” di Zecharia Sitchin:

« Questo è ora il racconto della Battaglia Celeste e di come la Terra fu creata e del destino di Nibiru.

Il Signore Nibiru andò avanti, seguì la sua strada decisa dal Fato. COLLISIONE TRA PIANETI LA BATTAGLIA CELESTE
Si rivolse verso la rabbiosa Tiamat, con le sue stesse labbra pronunciò un’incantesimo. Indossò come vestito di protezione Ciò Che Pulsa e Ciò Che Irradia. La sua testa fu incoronata da terribile fulgore.
Alla sua destra posizionò Ciò Che Colpisce, alla sua sinistra mise Ciò Che Respinge.

Mandò avanti come una tempesta i Sette Venti [2], la sua schiera di aiutanti, per scrutare il piano di Kingu, comandante della schiera di Tiamat.
Quando scorse il valoroso Kingu, la sua vista si offuscò; mentre guardava i mostri, il suo corso si sconvolgeva, non riusciva a mantenere la direzione, compiva gesti confusi.

Gli aiutanti di Tiamat le si strinsero attorno, tremanti di terrore. Le radici di Tiamat si scossero, emise un terribile ruggito. Su Nibiru operò un’incantesimo, lo avviluppò con il suo fascino.

Fra i due si arrivò allo scontro, la battaglia era inevitabile! Tiamat e Nibiru si trovarono faccia a faccia; avanzavano l’uno contro l’altro. Si avvicinavano alla battaglia, si preparavano ad un duello.

Il Signore distese la sua Rete (gravitazionale), la gettò per avvilupparla. Con furia Tiamat gridò, perse i sensi come se fosse posseduta.
TIAMAT e satellite - TEORIA DELL'IMPATTO GIGANTEIl Vento del male [3], che lo seguiva, Nibiru le scatenò contro; il Vento del Male le scagliò in faccia.
Tiamat aprì la bocca per divorare il Vento del Male, ma non riuscì più a chiudere le labbra. Il Vento del Male caricò il suo ventre, penetrò nelle viscere. Le sue viscere erano dilaniate, il suo corpo si gonfiò, la sua bocca si spalancò.
Attraverso l’apertura Nibiru scagliò una freccia lucente, un lampo divino. Penetrò nelle sue viscere, le dilaniò il ventre; le si conficcò nel grembo, le spezzò il cuore.
Dopo averla così domata, egli Spense il suo Soffio Vitale.

Nibiru esaminò il corpo senza vita, Tiamat era ora come una carcassa macellata. Vicino alla padrona senza vita, i suoi undici aiutanti erano tremanti di paura. Nella rete di Nibiru furono catturati; furono incapaci di fuggire.
Anche Kingu, proclamato da Tiamat capo della schiera, era fra di loro. Il Signore lo incatenò, lo legò alla padrona senza vita.
Strappò da Kingu le Tavolette dei Destini [4], ingiustamente a lui date. Vi impresse il suo sigillo, fissò il Destino al suo petto.
Gli altri della schiera di Tiamat legò come prigionieri, li intrappolò nel suo circuito. Li calpestò sotto i suoi piedi, li fece a pezzi. Li legò al suo circuito; le fece orbitare indietro.

Nibiru partì poi dal Luogo della Battaglia, si recò ad annunciare la vittoria agli dèi che lo avevano prescelto. Compì un circuito attorno ad Apsu (Sole), viaggiò verso Kishar (Giove) e Anshar (Saturno). Gaga (Plutone) venne a salutarlo, poi fece rotta come messaggero verso gli altri.
Nibiru oltrepassò An (Urano) ed Antu, si diresse verso la Dimora del Profondo.

Ripensò poi al fato di Tiamat ormai senza vita e a quello di Kingu. Il Signore Nibiru allora ritornò a Tiamat, che prima aveva domato.
Le si avvicinò, si soffermò a vedere il suo corpo senza vita. Nel suo cuore concepì ingegnosamente un piano per dividere il mostro.

terra tiamat e kinguPoi come si fa con una cozza, la divise in due parti, le separò il petto dalle parti inferiori. Recise i canali del suo sangue, guardò con stupore le sue vene d’oro.

Calpestando la sua Parte Posteriore, il Signore Nibiru le tranciò di netto la parte Superiore. Convocò accanto a sé il Vento del Nord, suo aiutante. Comandò al Vento di portare via il cranio staccato, di gettarlo nel vuoto.
Allora il Vento di Nibiru si librò su Tiamat, investendola con un fiotto di acque. Nibiru scoccò un lampo, impartì il segnale al Vento del Nord.
Con un fulgore, la parte superiore di Tiamat venne portata in un luogo sconosciuto.
Anche Kingu, a lei legato, fu con lei esiliato, per essere compagno della parte staccata.

Nibiru riflettè poi sul fato della Parte Posteriore: che fosse un eterno trofeo di battaglia, questo era il suo volere. Che fosse per sempre ricordato nei cieli, per custodire il Luogo della Battaglia.
Con la sua mazza schiacciò in mille pezzi la parte posteriore, poi li unì per formare il Bracciale Martellato.
Unendoli insieme, li posizionò come guardiani, un Firmamento per dividere le “Acque dalle Acque” (cioè diverse zone spaziali del Sistema Solare). Separò i “Mari Superiori” (corrispondenti ai nostri pianeti gioviani – Giove, Saturno, Urano e Nettuno) sopra il Firmamento dei “Mari Inferiori” (corrispondente grosso modo ai nostri pianeti terrestri – Mercurio, Venere, Terra e Marte).
Tutto questo Nibiru creò con molto ingegno.
sistema solare - fascia di asteroidi e fascia di kuiper

Il Signore Nibiru attraversò i cieli per scandagliare le regioni. Misurò le dimensioni dal regno di Apsu alla dimora di Gaga.
Nibiru esaminò poi il limite del Profondo, gettò lo sguardo verso il suo luogo natale. Si soffermò ed esitò; poi lentamente ritornò al Firmamento, al Luogo della Battaglia.

Nell’attraversare di nuovo la reglione di Apsu, ripensò con rimorso alla sposa del Sole che più non c’era.
Guardò la metà ferita di Tiamat, prestò attenzione alla sua Parte Superiore. Le acque della vita, la sua ricchezza, stillavano ancora dalle ferite. Le sue vene d’oro riflettevano i raggi di Apsu.
Allora Nibiru si ricordò del Seme della Vita, ereditata del suo Creatore. Quando aveva calpestato Tiamat, quando l’aveva separata, sicuramente le aveva trasmesso il seme!
Si rivolse ad Apsu, così gli parlò: “Con i tuoi caldi raggi, risana le ferite! Che nuova vita sia data alla parte staccata, che possa essere accolta nella tua famiglia come una figlia! Che le acque siano tutte raccolte in un luogo, che possa apparire la terraferma! Che sia chiamata terraferma, che il suo nome d’ora in poi sia Ki!”
Apsu prestò attenzione alle parole di Nibiru: “Che la Terra si unisca alla mia famiglia!” Così decretò. “Ki, Terraferma del Mondo Inferiore [5], che il suo nome d’ora in poi sia Terra! Che , con la sua rotazione, ci siano notte e giorno; che di giorno io la possa irradiare con i miei raggi risanatori.
Che Kingu sia una creatura della notte, di notte brillerà come compagna della Terra, che per sempre sia la Luna!”
Nibiru ascoltò con compiacimento le parole di Apsu.

Attraversò i cieli ed ispezionò le regioni. Agli dèi, che lo avevano reso supremo, concesse stazioni permanenti.
Decise che non dovessero trasgredire i confini dei propri circuiti, né darsi battaglia. Rafforzò le serrature dei cieli, ai loro lati posizionò dei cancelli.
Scelse per sé una dimora esterna; si estendeva al dilà di Gaga.
Supplico Apsu perché decretasse che il grande circuito fosse il suo destino. Dalle loro stazioni tutti gli dèi decretarono: “Che la sovranità di Nibiru sia senza pari! Lui è il più radioso degli dèi, che lui sia veramente il Figlio del Sole!”
Dalla sua dimora Apsu concesse la sua benedizione: “Nibiru deve essere il Luogo dell’Attraversamento del Cielo e della Terra; Luogo dell’Attraversamento sarà chiamato! Sopra o sotto Nibiru gli dèi non dovranno mai attraversare. Una posizione centrale è stata conferita per sempre a Nibiru, per essere così il pastore degli dèi. Il suo circuito sarà uno Shar [6]; questo sarà per sempre il suo Destino!” »

Questa è una versione mitologica di avvenimenti esclusivamente astronomici, propri di un certo punto del passato del Sistema Solare. Una versione in termini più attuali si trova alla voce Teoria dell’impatto gigante.


[1] La Fascia principale degli Asteroidi è una regione del sistema Solare compresa fra le orbite di Marte e Giove, che contiene la maggiore concentrazione di asteroidi del sistema.
[2] Le Lune o Satelliti naturali di Nibiru, tra le quali Vento dell’Est, Vento del Nord, Vento del Sud, Vento del male e Vento Occidentale.
[3] Il Vento del Male è un concetto della mitologia sumera. Si riferisce secondo Zecharia Sitchin alla nube nucleare portatrice di morte (della Grande Calamità), che si era spinta da Canaan verso oriente, in direzione di Sumer.
[4] Le Tavolette dei Destini o Tavole dei Destini erano dei testi contenenti il destino degli dèi e dell’umanità, secondo la mitologia mesopotamica, che il possessore era in grado di modificare a proprio piacimento. Secondo Zecharia Sitchin le Tavole dei Destini erano strumenti utilizzati nel Centro di Controllo Missione per seguire e controllare orbite e traiettorie dei pianeti (soprattutto Marte e Nibiru); in seguito designarono la registrazione di decisioni inalterabili.
[5] Secondo la tradizione sumerica e secondo Zecharia Sitchin, il Mondo Inferiore è l’emisfero meridionale che include anche l’Africa meridionale (Abzu) e l’Antartide. Era cioè la Via celeste sotto il 30° parallelo sud. Sopra il 30° nord c’era la Via di Enlil e nella fascia centrale la Via di Anu. Il termine Mondo Inferirore era però anche usato (come Ki) per designare le terraferma (contrapposta alle acque dei mari) per il fatto che lo scudo africano e l’antartide apparivano alle navi spaziali come la terraferma più sviluppata. Un ultimo significato del termine Mondo Inferiore è quello di sinonimo di Mari Inferiori, cioè la parte interna del Sistema Solare.
[6] Lo Shar è un’unità di misura del tempo dei Sumeri, che equivale a 3.600 anni. Secondo Zecharia Sitchin è il periodo orbitale di Nibiru attorno al Sole.


==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

==>> VEDI ANCHE L’ENUMA ELISH


FONTE ==>> http://www.ufopedia.it/Battaglia_Celeste.html

GATTI E METAFISICA

Gatti e Metafisica

GATTI E METAFISICA

I Gatti sono ritenuti essere in grado di prevedere il tempo:

attesa13
Quando un Gatto trascorre l’intera giornata guardando fuori da una finestra, potrebbe significare che la pioggia è in arrivo;
gatto-davanti-al-camino
Quando il Gatto trascorre la giornata con la schiena al fuoco, indica una ondata di freddo;

 

 

gatto nave2
I marinai li tenevano sulle navi e ne osservavano spesso il comportamento per predire eventi meteorologici;

jackinwheat_7_12_09_a1
Un gatto che si pulisce il pelo contro il grano sta predicendo grandine o neve.

 

 

gatto starnuto
Molti Starnuti significa che un temporale è imminente;

Alcune persone credono che i Gatti possono predire la Morte. 

GATTI E METAFISICA

 

 

In Irlanda, c’è un racconto che se un Gatto Nero attraversa la Strada al chiaro di Luna significa che ci si cade vittima di un’epidemia o di peste.

 

 

 

 

2973212926_93c8840816_b

 

Nelle parte orientale dell’Europa invece si racconta la fiaba di un gatto che miagola continuamente nella notte e che avverte che il destino è in arrivo.

In molte tradizioni neopagane, gli operatori segnalano che i gatti passano spesso attraverso le aree designate dalla magia, come i Nodi di Hartmann, in cerchi, o in punti particolari, e che spesso sembrano curiosi di attività magiche e il più delle volte si posizionano nel mezzo di un altare o a volte si addormentano sulla cima di un Libro delle Ombre .


PER VEDERE TUTTI GLI ARTICOLI CLICCA QUI


FONTE==>> http://paganwiccan.about.com/od/othermagicspells/p/Cat-Magic-Legends-And-Folklore.htm

Translate »
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.