SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 135/146

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 135/146

ENUMA ELISH

SINOSSI QUARTA TAVOLETTA 135/146

Marduk seziona il cadavere di Tiāmat per creare il mondo: versi 135-146

Questa è la Seconda fase della grande Battaglia di Marduk e Tiamat:

135. A mente fresca, il Signore contemplò il cadavere di Tiamat:
136. voleva tagliarne la carne mostruosa per trarne cose belle.

Ci viene descritto a questo punto un gesto fondamentale nella teoria Sitchiniana e nella identificazione di questo mito, come “cronaca di una battaglia planetaria“, ossia il completamento del nostro Sistema Solare, come oggi noi lo conosciamo.

Ripensando poi al fato di Tiamat ormai senza vita e a quello di Kingu, nella successiva orbita di ritorno (dopo circa 3600 anni), il Signore Marduk ritornò a lei, che prima aveva domato. Ritornò sul luogo della battaglia. Le si avvicinò e si soffermò a vedere il suo corpo senza vita e ingegnosamente concepisce un piano per smembrare il mostro. Decide allora di suddividere in due il “Campo di Battaglia“.
Ora è lo stesso Marduk ad entrare in collisione diretta con Lei, che la urta e le separa il petto aprendola in due parti, …come un pesce da seccare [v.137].MARDUK-NIBIRU SPEZZA IN DUE TIAMAT 1aCon la parte superiore dà inizio alla “Terra“, mentre con la parte inferiore, che fissa in alto (fascia di asteroidi), da origine al “Cielo“.
La sorte delle due parti è di fondamentale importanza; nel testo antico ogni singola parola è significativa, poichè è qui che assistiamo alla sofisticata comprensione dei Sumeri sull’origine della Terra, della Luna e della fascia degli asteroidi.
MARDUK-NIBIRU SPEZZA IN DUE TIAMAT 2Il Pianeta Nibiru/Marduk, tornando verso il nostro Sistema Solare, incrocia ancora una volta l’orbita di Tiamat, e quindi collide ancora una volta con ciò che resta del vecchio Pianeta abbattuto; “calpestando“, ossia urtando la parte posteriore di Tiamat, il pianeta Nibiru ne trancia di netto la parte superiore.

138. e ne dispose una metà che incurvò come il Cielo.

In seguito all’impatto, un vento (satellite) di Marduk aggancia gravitazionalmente il “Cranio” (la metà superiore) di Tiamat e lo spinge nel vuoto, in un punto lontano del sistema solare e gli assegna una nuova traiettoria orbitale.
L’inanimato Quingu , che era stato incatenato alla sua “Padrona” e condannato a girargli in torno per sempre, viene con lei esiliato, e sarà, quindi, compagno eterno della parte staccata, diventando così la sua e nostra Luna.NUOVA ORBITA TERRA 1aMarduk, , aveva quindi generato, seguendo le indicazioni contenute in questo poema, il nostro pianeta Terra, la quale, ora, contiene il seme del suo DNA, ottenuto con la collisione con la ormai sconquassata Tiamat.

139. Ne tese la pelle, su cui insediò i guardiani…

Marduk riflettè poi sul fato della parte posteriore: che fosse un eterno trofeo di battaglia, questo era il suo volere. Che fosse per sempre ricordato nei cieli, per custodire il Luogo della Battaglia.

Con la sua mazza, quindi, schiacciò (distrusse) in mille pezzi la parte posteriore del pianeta, riducendola in frantumi, ossia in un gruppo di asteroidi, i cui detriti vengono sparsi nelle zone circostanti.

Poi lega insieme questi detriti per formare un “Bracciale Martellato“, e li posiziona come “Guardiani“, un “Firmamento” per “dividere le acque dalle acque“, dopodichè, allontanandosi li trascina con sé e li porta tra Marte e Giove. Tutto questo Marduk creò con molto ingegno.BRACCIALE MARTELLATO SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 135/146

Astronomicamente, quindi, viene descritta la formazione di una sezione del sistema solare. Questa sezione é identificata come la Fascia degli Asteroidi (il “bracciale martellato), tra Marte e Giove, nata dai frantumi della parte strappata dalla “Testa” di Tiamat.
Secondo i Sumeri, questa “Fascia degli Asteroidi” avrebbe diviso i “Mari Superiori“, sopra il Firmamento, dai “Mari Inferiori” sotto quindi separa le diverse zone spaziali del Sistema Solare. ( …ai quali affidò la missione di impedire alle sue “acque” di erompere [v.140])
I “Mari Inferiori” corrispondono, grosso modo, ai nostri Pianeti Terrestri (Mercurio, Venere, Terra e Marte), mentre i “Mari Superiori” avranno riscontro con i Pianeti Gioviani (Giove, Saturno, Urano e Nettuno).

141. Traversando allora il Cielo…

A questo punto, il Signore Marduk attraversa ancora una volta i cieli per scandagliare le regioni. Misura le dimensioni dal regno di Apsu alla dimora di Gaga, ne esamina il limite e si dirige poi verso “il profondo” (l’Apsu).
Scruta la struttura degli abissi, (si potrebbe trattare della zona periferica del sistema solare in cui orbitano i pianeti più esterni), quindi stabilisce e fonda una dimora, l’E-Sara, dove farà abitare, in questi distretti, Anu, Ea e Bel (Bel sostituisce Gaga, che sarebbe Enlil e, in chiave astronomica, Plutone).MARI SUPERIORI E INFERIORI-ESARRA

Il termine E-Sara é alquanto ostico perché di non univoca traduzione.
Il riferimento potrebbe riferirsi a Tiglatpileser III, in accadico Tukultī-Apil-Ešarra, il “Tempio Esarra“, che era probabilmente l’Esagila, il tempio di Marduk di Babilonia.
Ma potrebbe anche significare “casa o zona che delimita il tempo o lo spazio” (ricordiamo che il “sar” in sumero e in accadico era una “unità di misura” molteplice applicata con diversi valori sia alle misure del tempo che a quelle di spazio) ma anche “casa da cui si inizia” o “casa da cui si esce“.
E’ importante notare questi ultimi due significati perchè, per chi arriva dall’ esterno del sistema solare, la zona E-Sara sarebbe proprio il “punto iniziale” del sistema, e parimenti per chi viaggia verso l’esterno partendo, ad esempio, dalla Terra, l’E-Sara rappresenta la zona da cui “si esce” dal sistema solare.
Il significato di “entrare” del termine SHAR é anche attestato nei lexicon sumeri.


==>> CONTINUA SINOSSI QUINTA TAVOLETTA 1/44

==>> TRADUZIONI DELLE TAVOLETTE  1′  2′  3′  4′  5′  6′  7′ 

==>> SINOSSI DELLE TAVOLETTE

 ==>> MENU’ ENUMA ELISH

==>> VEDI ANCHE “LA TEORIA DELL’IMPATTO GIGANTE”

==>> VEDI ANCHE “LA BATTAGLIA CELESTE”

==>> VEDI ANCHE “IL LIBRO PERDUTO DI ENKI”

Precedente SINOSSI QUARTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 65/134 Successivo SINOSSI QUINTA TAVOLETTA ENUMA ELISH 1/44